Il Milione/028

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il Milione
(versione veneta)
CAPITOLO XXVIII
XIV secolo
←  CAPITOLO XXVII Edission e fonte ▼ CAPITOLO XXIX  →
antica traduzion veneta de anonimo autore de Il Milione de Marco Polo
De Mulete, dove abitava el Vechio della montagnia.

Mullete è una grande chontrata, là ove solea abitar el Vechio della montagnia per li tenpi passati.

Diròve delli fati del Vechio sechondo che io, Marcho, intixi da molte giente de quella contrà.

Lo Vechio era apellato in loro lengua Alaodin.

El aveva fato fare, in una valle ch’è dentro do montagnie, lo plui bel zardino e ’l mazore che fusse mai visto.

Lì era abondanzia e dilleto d’ogni dellichato fruto, e lì era pallazi belletisimi, tuti depenti e dorati, sì che tropo erano bella chossa.

Lì era done e donzelle le plui belle del mondo, le qual saveano tute sonare tuti i strumenti e ballare e chantare tropo dellichatamente e meglio che altre femene del mondo.

Ancora g’era conduti che per tal coreva vino, per tal late, per tal mielle e per tal aqua, e faxeva dire alla sua zente che quel zardino era el paradixo.

E però l’avea fato fare in cotal maniera, azò che lla soa zente, <ch’erano> saraini, chredesse ch’el fosse paradixo.

Machometo disse in la soa lezie che quelli che vano in paradixo àno belle femene e trovano fiumi de vin et de mielle, e perzò aveva fato fare el zardino a quel modo che aveva dito Machometo, e i saraini de quelle contrate chredeano fermamente fosse el paradixo.

In questo zardino el non lasava intrar se non quelli li qual èno saraxini.

E lì era uno chastello alla intrà de quel zardino, sì forte che tuto el mondo non l’averìa prexo.

E negun non podeva intrar innel castello né intrar innel zardino per altra via se non per quel chastello.

Lo Vechio tegniva in soa chorte moltitudine de zente e zoveni fina a XX ani, li quali aveano vista d’eser boni per arme.

Quelli zoveni aldivano spesse fiate lezer la leze de Machometo, ove lui disse chomo lo paradixo è fato; e sì chredeano questi zoveni fermamente questa lezie e che questo fosse el paradixo.

Questi zoveni feva lui meter in lo zardino a quatro, a diexe e a vinti ani, segondo chome ’lo volea.

El ge feva dar una bevanda per la quale egli se adormentavano inchontinente molto fortemente; e fevali meter in lo zardino e possa li feva desedare.

E quando queli zoveni se trovava in quel zardino e vedeano quelle chosse chussì fate chome dixe la lezie de Machometo, eli se chredeano esser in paradixo veraxiamente.

E lle done e lle donzelle, che erano chon loro chontinuamente e tuto el dì, sonavano e chantavano e balavano et erano in continua allegreza, sì che i zoveni ge stavano volontieri che per soa voia mai i non vorìa eser insìti.

El Vechio tegnìa sua corte granda ed onorata, e feva chredere a quella sinplize zente de quella montagnia ch’ello era per tera mente de dio.

E quando el Vechio volea mandar as<as>eni e far alzider alchun homo, el i feva dar la bevanda de far adormentar a chotanti de quelli zoveni e, dormentati, li feva portar suxo lo palaxo so, che era fuora dello zardino.

E quando li erano desedati, trovavasse fuora del zardino et erano molto dollenti e avevano grande volontà de tornar in quel paradixo.

E vedendosse dal Vechio, e ’l Vechio i domandava donde egli venìano.

Egli sì dixeano ch’elli venìa dal paradixo e che veramente quel era el paradixo segondo che dixea la leze de Machometo; e dixeano tuto quelo i aveano trovato.

E i altri, che non g’era mai stati, avea gran dexiderio d’andarne; e molti dexideravano de morire per andarne.

E quando el Vechio volea far morir alchun grande segnior, ello provava per li zoveni che erano stati in paradixo, in questo modo: el mandava piuxor de quelli zoveni per la contrà non molto de longo, e comandavali ch’elli alzideseno alchuno homo ch’el i divixava.

E mandavali driedo, quando egli andavano, alchuno sechretamente che chonsiderase quello fosse plui ardito e plui valente.

E choloro andavano alzider quel homo, e alla fiata era alchuno de loro prexo e morto.

Quelli che schanpavano tornava a dir el fato al Vechio, e alora saveva chi era migliore per alzider homeni che piazea a llui.

E fazea chreder ali asasini che se i moriva ch’elli tornava in paradixo, sì che, <per> la gran volontade ch’eli aveva de tornar in paradixo, el non podeva schanpare niuno che non fosse morto.

Egli non feva forza s’elli erano morti.

E sì ve digo che piuxor re e baroni li fevano trabuto per star ben chon lui, per paura che lui non i fesse alzider.

Or avemo chontà del Vechio della montagnia, mo’ ve voio dir della sua destruzione.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_Milione/028&oldid=41874"