Epistola a Piazza

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Madrigale al N. H. Tomaso Soranzo Edission e fonte ▼ L'Elefante  →
[p. 196 modifica]
NOTA PRELIMINARE

Piazza ritornato da Londra forma il soggetto di questa mia satira forse in un genere diverso dall'altre, perchè scritta non di furto, ma col progetto di mandargliela. Quando ebbe la disgrazia di cader maniaco, vi fu pur tropo chi ne volle attribuirla colpa a questo mio scherzo. Ma la somma disinvoltura con la quale venne accolto al momento dal satirizzato, mi giustifica abbastanza per tormi dall'animo ogni sinderesi. Non v'è circostanza esaggerata nel quadro ridicolo che ho cercato di farne. Tutto è così vero, che egli stesso m'aveva dichiarato il suo Evangelista, e per qualche sbaglio preso sull'argomento della sua prosapia, dovetti aggiungere poche stroffe di ritrattazione. Il lettore tenga dietro alle note indicate nel corso dell'epistola, giacchè troppo nojoso e lungo sarebbe il dir tutto nella nota preliminare. Voglia il cielo guarirlo affatto col recente suo matrimonio, degno soggetto d'un grazioso epitalamio, se la prudenza non mi consigliasse di abbandonare una volta per sempre il pericoloso mestier del satirico.


Epistola a Piazza.


Bravo Piazza tegnì duro
     Senza spine no ghè gloria
     El trionfo xè sicuro 1
     Gavè in pugno la vitoria.
De la Patria paluera
     Renegar dovevi ogni uso
     E portar da l'Inghilterra
     Novo frach, e novo muso.

[p. 197 modifica]

Se da tuti a deo mostrà
     Xè in quei loghi l'Italian
     Cossa mai, cossa sarà
     (Disè ben) del Venezian.
Che la fama dei poltroni
     Xè una fama eternizzada
     Da quel dì che i Peruconi
     A dà zò la culatada.
E sta machia da la fronte
     Gà da torse a tuto costo
     Chi tra i bravi d'oltremonte
     Vol missiar fumo co rosto.
Colpo donca de politica
     Degno d'omo soprafin
     Lassè pur ch'el mondo critica
     Xè sta el dir son Dalmatin. 2
E zà che per via d'oselo
     Negar mai podevi a nù
     Che in sti Grebani putelo
     Se v'à visto a venir sù.
Sublimar per via de mona
     Vogio dir de vostra mare
     La semenza pantalona
     Disonor de vostro pare. 3
Che se apena per lustrissimo
     Vù passevi in ste palae
     Piazza mio vù fe benissimo
     (Za che core ste monae)
De aspetar da Schiavonia
     Documenti irefragabili
     Che ve fazza garanzia 4
     De Inghiltera fra i notabili.

[p. 198 modifica]

Che anca vù per via de buso
     Atestar con pergamene
     Podè ben che egual al muso
     Gavè un sangue ne le vene.
Piazza mio più che ve togo
     In esame, e in vù me fisso
     Più de Zara da quel fogo
     Per un Conte ve capisso.
Più conosso che vernise
     De Inghiltera xe quel ton
     Ma che andando a la raise
     Vù se nobile Schiavon.
Nè dal creder son lontan
     Che a merenda ogni matina
     Vù magnè da cortesan
     Un bocon de castradina. 5
No gh'è caso: la coltura
     No pol mai tuto bandir
     Parla in nù sempre natura
     E la vol farse ubidir,
Secondar i gusti oscuri
     Dei so nobili antenati
     Pol ognun fra quatro muri
     El negarlo xè da mati.
Castradina ve permeto
     Conte caro a crepa panza
     Basta solo ch'el licheto
     Staga sconto con creanza.
Basta solo che ale oto
     De la sera da Florian 6
     Se ve veda con un goto
     De cafè col late in man.

[p. 199 modifica]

E là in catedra sentà
     Con un cefo pensator
     Chiara fe la nobiltà
     D'un Inglese viagiator.
Bravo Piazza tegnì duro
     Senza spine no ghè gloria
     El trionfo xè sicuro
     Gavè in pugno la Vitoria.
Vardè come tuti a gara
     I moderni zerbinoti 7
     De l'Inglese conte Zara
     Và studiando i sesti i moti.
Son famoso in paragoni
     (Perdoneme Conte mio)
     A veder sti galantoni
     Che ve cerca e ve vien drio.
Me parè... lo devio dir?
     Fresca fresca una boazza
     Cocolada al comparir
     Da le mosche d'ogni razza.
Che se mai l'idea de merda
     Conte mio ve urtasse el naso
     No credessi che se perda
     Chi xè vecchio nel Parnaso
Da la tera salto al cielo
     E un bel astro vedo in vù
     Che a la note rompe el velo
     E che incanta i turlulù.
A l'arivo momentaneo
     Del mio reduce Schiavon
     Che scompiglio subitaneo
     Ne le zizole de ton.

[p. 200 modifica]

Che dafar per contemplarve
     Che impazienza nel bel mondo
     Per tocarve, per parlarve
     Per conoscerne de fondo,
Longo apena el sora tuto
     Quatro dei soto el zenochio
     Streto streto, suto suto 8
     Alto in vita, e svelto al ochio.
Color Zupa riprovà
     Dal bon gusto universal
     Ma che a Londra xè adotà
     Da quei pochi che gà sal.
Gran veludo per colar
     Che sul peto vien zò belo
     E và proprio a terminar
     Un deolin soto el cavielo.
Fazzoleto col perlin
     Che risparmia la secada
     Ognì di zà che le fin
     De ripeter la lavada.
Longo più de quatro brazza
     Da poder se mai se vol
     Tor in leto una regazza
     Convertirlo in t'un Ninziol.
Gropo basso, gropo molo
     Coi do cai messi a bombè
     Soto el negro, faglio colo
     Candidissimo un gilè.
Stivai curti, e imensamente
     Larghi sora i pantaloni
     Dove bala alegramente
     Del mio nobile i cogioni.

[p. 201 modifica]

Cole crespe sul davanti
     Vulgo creste per andar 9
     Come a Londra fa i galanti
     No so cossa a cavalcar.
Che abondanza no gh'è quà
     De bucefali da monta
     Ma el mio Piazza infatuà
     Da la regola no smonta.
E l'è certo compatibile
     Se invasà de quel paese
     Nel furor del so irascibiie
     El conserva l'uso inglese.
Questa xè de la matina
     La comparsa anglo-cosaca
     Metua fresca, metua fina
     Da robar le mone a maca.
Vardè pò come la sera
     Per i nobili de l'Istro 10
     Che lo acoglie e ghe fa ciera
     Cambia el zovene registro.
No so dirve de che pelo
     Ma de cuba larga in alto
     Un belissimo capelo
     Che dà al muso un gran risalto.
Longa chioma da drio via
     Che se sconde per zogheto 11
     In do ordini spartia
     Nel gran mar del fazzoletto.
Sempre al colo el so ninziol
     Messo là con tanto brio
     Che per meterlo ghe vol
     Diria quasi fausto un Dio.

[p. 202 modifica]

La camisa tre dei fora 12
     Co le punte aguzze assae
     (Gran disgiazia, gran malora
     Per chi in tondo la tagiae!)
Gilè bianco de pichet
     A la faschionable tagià 13
     Se mai panza vù cerchè
     I milordi no ghe n'à.
Anzi conscia la natura
     Da l'inglese desgrezada
     Che nel fior de la coltura
     Gera a Piazza riservada.
La l'à fato cussì suto 14
     Che per panza artifizial
     Vu toressi de sto puto
     La caverna natural.
Ne ben curto, ne ben longo
     Ma cussì tra el gnich el gnach
     Dei color che regna al Congo
     Voi dir negro un caro frach.
Largo in gamba, in cossa streto
     D'ugual pezza el pantalon
     Calza negra col buseto 15
     (Chi no intende xè un cogion)
El mio Conte no xè un roto
     Vogio dir col so traforo
     Che se gh'è la carne soto
     La se cambia in calza d'oro.
E se un'altra calza ghè
     Fra el ganzànte ve da fora
     Un mischieto frazonè
     Che ve incanta e ve inamora.

[p. 203 modifica]

Scarpa svelta dove articola
     Senza pena un bel penin
     Co la sciola che ghe scricola
     Viva el Conte Dalmatin!
Viva l'omo da cartelo
     Che dai circoli d'Albion
     Vien tra l'ostreghe modelo
     De la fina educazion!
Che sicuro del so merito
     Da Florian in dì de festa
     Pusa al banco el so preterito
     Per de l'ore fermo el resta!
Che ama tuti, ma no sporca
     Mai co l'omo la so boca 16
     (De Venezia usanza porca
     Dove tuti basa e toca.)
Ma la man col guanto zalo
     Sporse fredo a qualche amigo
     Duro duro come un palo
     Quasi in ombra del nemigo.
Piazza mio se vù savessi
     Certi anedoti segreti
     Forsi in bon ve tegneressi
     De far lega coi poeti.
Quante lune in certi Inglesi
     Che se va cazzando in rio
     Per averli tuti spesi
     Che no pol tegnirve drio.
Che studiando e ristudiando
     La riforma col Sartor 17
     De Domenega va ocando
     Pensierosi al Redentor!

[p. 204 modifica]

Che se mai de studj a forza
     Un fra tanti pur se dasse
     Che de l'abito la scorza
     A copiarve l'arivasse.
Podariali sti profani
     Stando quà come cocali
     Scimiotar gnanca in mil'ani
     De l'inzegno i capitali? 18
Per chiapar quel ton milordico
     Là bisogna trasportarse
     Co le zizole del Nordico
     Cielo Inglese infradelarse.
Aver genio e fina tatica
     Per capir nei parlamenti
     (Balbetando la gramatica) 19
     I politici portenti.
La sterlina e la ghinea
     Valutar da veri inglesi
     Poco più de la monea
     Che se spende in sti paesi.
Fra le crose e le cordele
     Dar la cazza ai primi cuori
     Farse largo fra le bele
     De ministri e ambasciatori.
Poder dir senza vantarse
     E senz'ombra de falopa
     Co se torna a destracarse
     Io son bene nell'Europa. 20
Cussì l'anima passando
     De le prove la trafila
     Se va pò convulsionando 21
     Nè la pol più star tranquila.

[p. 205 modifica]

Dal so centro destacada
     E dal Nord assae lontana
     La par quasi indiavolada
     D'esser nata Veneziana.
Co sberlefi e novi grugni
     La palesa el so martirio
     Volontà de far i pugni
     Zà ghe vien nel so delirio 22
Piazza freme, Piazza sbufa
     E la plebe che in sto stato
     La lo vede da Martufa
     Xè per dirghe dai al mato!
Dai al mato? Mondo critico!
     Mondo porco! in sta maniera
     De un furor anglo-politico
     Se gà cuor de far cagnera? 23
Piazza freme che ridoti
     Senza vele sia sti mari
     Che no vegna pacheboti
     A sbarcar Milordi e Pari.
Piazza sbufa che de bezzi
     No ghe sia tra nù bubana
     Che l'Italia in cento pezzi
     Gabia el nome de putana.
Che da l'Indo al fredo polo
     No sia despoti e paroni
     Quei che porta el gropo molo
     E le grespe ai pantaloni.
El voria: ma tegnì duro,
     Senza spine no gh'è gloria
     Xè l'osseto un poco duro
     Ma xè certa la vitoria.

Fine.
[p. 206 modifica]


Aggiunte volute dal Piazza dopo la lettura e l'approvazione della mia Satira.


Zà ch'el Piazza no gà gnente
     Contro el scherzo del Poeta
     E che in barba de la zente
     Una copia el ghe ne aceta 24
Per far noto a tuto el mondo
     Che passà per tante prove
     Un che Inglese sia de fondo
     Da la massima no smove,
Ritratar me devo in bota
     Da l'error che m'è sbrissà 25
     E bandir ogni carota
     Dove regna verità;
Xè inegabile, ch'el Conte
     Quà xè nato e quà cressuo
     E a batizzo dal da Ponte
     Nobil veneto tegnuo.
Che xè stada Nena ancora
     Una certa Valentini
     E zier Bortolo de Mora
     El secondo dei Padrini.
Ma del pare la semenza
     Xè legitima Schiavona
     E un eror de quint'essenza
     Xè el chiamarla pantalona.
Nato proprio a Sebenico
     Xè so pare riservà
     A veder so fio più rico
     Dar el ton a sta Cità. 26

[p. 207 modifica]

No ghè rosti, el documento
     Legalissimo l'ò visto
     E ghe gera in quel momento
     Testimonio el gran Calisto. 27
Sebenico, Bepo el Nono
     Riconosse citadin
     Nane Piazza so bisnono
     Xè nativo de Kenin.
Donca a furia de rason
     E a scravazzo de atestati
     Dise el conte son Schiavon
     E lo prova i mì antenati.


Seconda Appendice.


Zontar devo quà per nota
     Ch'el mio Piazza no gà busto, 28
     Che nissun che lo scimiota
     Pol copiar quel bel so fusto
Che a chi dubita del fato
     L'è zà pronto a sbotonarse
     Per provar che no l'è mato
     Nè ch'el vol martorizarse;
Ma che provida natura
     Per sgionfarghe le pretese
     Ne la fisica strutura
     Gà dà in don Sarcassa Inglese.

[p. 208 modifica]


Terza Appendice.


Gh'è un de più, co ride el conte
     Se ghe vede senza pena
     Balzar fora da la fronte
     E tagiarghela una vena; 29
Vena grossa, vena tal
     Che per segno de buon cuor
     Indicada xè da Gal
     Celeberimo scritor.


ANNOTAZIONI
  1. [p. 210]Principio in grande, giacchè la riforma del Piazza non aveva per oggetto le sole mode, ma tendeva alla riforma dello spirito. Quindi la mania di passar per Profeta, e di voler organizzare un club sulle traccie di quelli dell'Inghilterra.
  2. [p. 210]Sdegnando il Piazza di appartenere alla nazione Italiana, sdegnava molto più di palesarsi Veneziano quantunque nato e conosciuto fra queste Paludi, e prese quindi il partito essendo a Londra di passar per Dalmatino.
  3. [p. 210]Sua madre è nativa di Spalato.
  4. [p. 210]Il Piazza infatuato della nobiltà era dietro allora a procurarsi dalla Dalmazia i documenti relativi, che presentati al Marchese Pauluzzi furono giudicati di niun valore.
  5. [p. 210]È già noto quanto la castradina piaccia agli Schiavoni.
  6. [p. 211]Per farla all'inglese il Piazza alle otto della sera prendeva costantemente un gran bicchiere di latte e caffè, o non dando parola a nessuno; o parlando ex Cattedra.
  7. [p. 211]Il suo arrivo ha messo nelle mode una rivoluzione generale. Tutti i Zerbinotti del paese lo guardavano per modello, e si studiavano d'imitarlo.
  8. [p. 211]Quadro esattissimo della sua maniera di vestire.
  9. [p. 211]Secondo il Piazza così vestivano i galanti di Londra, e veniva giustificata la stravaganza dall'uso di andar a cavallo.
  10. [p. 211]Egli aveva la manìa di frequentar le prime conversazioni nella benigna supposizione che i futuri suoi titoli alla nobiltà gli dovessero aprire libera la strada.
  11. [p. 211]Teneva i capelli estremamente lunghi di dietro per una bizzeria tutta sua.
  12. [p. 211]Poco prima la moda aveva prescritto di tagliare in tondo i colli della camicia.
  13. [p. 211]Faschionable sinonimo in Londra di Galante.
  14. [p. 211]Non solamente egli non aveva indizio di ventre, ma forse, per una lunga tortura, ha potuto conformarsi in maniera che la mano di chi lo palpa vi si nasconde come avesse una specie di cavità.
  15. [p. 211]Le calze traforate.
  16. [p. 211]Non si è mai veduto il Piazza baciare nessuno.
  17. [p. 211]Si è osservato per molte feste di seguito mancare al passeggio della Piazza qualche galante a gran pretesa dopo l'arrivo di Londra del satirizzato, e si scoperse che l'avvilimento lo conduceva in parti lontane della città, e d'ordinario sull'ignobilissima fondamenta del Redentore alla Giudecca. Ricomparve per altro più luminoso di prima subitocchè fu certo dopo lunghe sedute col sarto di emulare il Piazza.
  18. [p. 211]Giusta lode dovuta ai suoi talenti e alla sua coltura non comune. La smania di distinguersi ha [p. 212]rovinato questo povero giovine che avrebbe potuto figurare bene in società se non fosse veramente leso il cervello.
  19. [p. 212]Con pochissima conoscenza d'Inglese non mancava mai alle sedute dei parlamenti.
  20. [p. 212]Frase favorita dal Piazza. Le sue prime relazioni coi Signori inglesi, coi ministri e cogli ambasciatori erano per lui un'argomento inesauribile, e chiudeva d'ordinario la lunga tirata esclamando nel tuono della maggiore compiacenza: In somma io posso dire d'essere bene in Europa.
  21. [p. 212]I suoi moti convulsi si credevano allora caricature, e finzioni; ma pur troppo v'è luogo a temere che i sintomi si fossero della malattia che lo tenne per due mesi furente legato in letto mani e piedi. Io non ho che a rimproverarmi l'indiscreta curiosità d'averlo voluto vedere in quella situazione infelice. Nelle case dei pazzarelli, che visito ogni anno per il barbaro di rattristarmi, non sò d'aver osservato spettacolo più degno di compassione. Il poverino mi riconobbe, e come usava con tutti, sputò in faccia al Satirico, prudente abbastanza per tenersi lontano molti passi.
  22. [p. 212]Figura poetica onde abbellire per il quadro d'una circostanza poco fatta per la rima.
  23. [p. 212]Ho cercato così di sviluppare di volo gli altri suoi pensamenti politici, attribuendo a questi la causa delle sue convulsioni.
  24. [p. 212]Con una disinvoltura senza esempio ha voluto una copia della Satira che leggeva a tutti come fedelissima copia di un tanto originale.
  25. [p. 212]L'errore di chiamarlo nato da semenza pantalona mentre coi documenti alla mano delle fedi battesimali era provatissimo il contrario cioè che derivava da pura semenza Schiavona.
  26. [p. 212]Piazza ereditò somma vistosa di danaro da un suo zio materno e col favore di questa potè intraprendere i molti suoi viaggi indipendentemente dalla fortuna del padre.
  27. [p. 212]Nome di un francese voluto per testimonio.
  28. [p. 213]Era nato il dubbio in alcuni che il Piazza portasse una busta vedendolo così asciutto in vita. Ma rispondeva il Piazza che il merito stà nell'organizzazione della sua Carcassa Inglese.
  29. [p. 213]Appariva di fatti visibilissima questa vena singolarmente nei giorni delle gran convulsioni, e ne andava il Piazza superbo come indizio di molto coraggio secondo il sistema del celebre Gall. Chi direbbe che un tanto Uomo avesse terminata adesso la sua luminosa carriera innamorandosi in una gamba plebea, e legandosi in legittimo matrimonio?
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Epistola_a_Piazza&oldid=58629"