Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ma gaveva sto contento,
    E trà mi la discorreva,
    Che, se mi no vago drento,
    192Gnanca i altri no fotteva.

Questo è quel, de che me doggio,
    Ch'in ancuò per mio tormento
    Molo hò 'l Cazzo, come l'oggio,
    196Che nol puol andar più drento.

In ancuò che tutto è bello,
    Che se magna più polito,
    No me tira più l'Osello,
    200No me serve l'appetito.

Co gaveva la gran fame
    Malamente se magnava,
    Nè gaveva tante Dame
    204Quando'l Cazzo me tirava;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/56&oldid=64890"