Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



No le vuol più sti perdoni
    De sti Frati Francescani,
    Le vuol Cazzi bei, e boni,
    176Che le ingroppa, come Cani.

Per cavarse ogni trastulo
    Ghe servìa l'onor d'impazzo;
    In ancuò le 'l gà in tel Culo,
    180Nè le stima altro, che 'l Cazzo.

Me despiase sto rilasso,
    E de veder sto bordello;
    Ma perchè tiorme più spasso
    184Mi no posso coll'Osello.

Co gaveva bona schena
    De saziarle tutte quante,
    Me toccava aver la pena
    188De trovarle tutte sante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/55&oldid=64889"