Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/48

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



In ancuò no ghè più tante
    Devozion, ne rosarierti,
    Nò più al Collo cose sante,
    64Nè più el Carmine sù i petti.

No ghè più ste scrupolose,
    Che al so letto tegna Santi,
    In ancuò no ghè altre Crose,
    68Che la crose de' diamanti.

I Suffraggi xe meschini,
    Perchè più no le se nota,
    E quei santi botteghini
    72Tiolto suso hà na gran bota.

No le tien più sù i scabelli
    Sti librottoli devoti,
    E mì credo, che con quelli
    76Le se fazza i papiglioti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/48&oldid=64882"