Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/222

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Se chi xe morti pò i vedesse ancora,
    Che no se puol andar più in le botteghe,
    30Nè se se puol sentar gnanca de fuora,

Che xe proibide tutte la careghe,
    Che i nobili no puol andar in piazza,
    33Quando ghe puol andar tutte le sbreghe;

Oh! che vita, i dirìa, buzaronazza,
    Sia benedetto 'l tempo, co se andava
    36Per tutto colla so gran Puttanazza.

D'ogni erba fasso tutti allora fava,
    No ghe giera i riguardi, che ghè adesso,
    39E le buzare presto se aggiustava,

No se spendeva, come ancuò, all'eccesso,
    E, come và le Dame, all'altra zente
    42No ghe giera 'l vestir cussì permesso,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/222&oldid=64685"