Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/221

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che i nobili xe ancuò tante Marmotte,
    Quando una volta, come tanti Orlandi,
    15I caminava su ste piere cotte,

Che no se fà più azion d'Omeni grandi;
    Ma solamente scherzi, e bizzarìe,
    18Nè se studia, che 'l libro d'arte amandi,

Che derelitte xe le malvasìe,
    Perchè i gà buttà zoso i Camerini,
    21E quel, che stimo, ancora l'Ostarìe,

Ch'in t'i Campieli no ghè più festini,
    E che consiste tutti i nostri spassi
    24A star tutta la notte in t'i Casini,

Ch'i Zoveni d'ancuò xe stracchi, e lassi;
    Perchè la notte i vegia in fin l'Aurora,
    27E 'l zorno i dorme, co fà tanti Tassi;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/221&oldid=64684"