Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/220

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA I USI MODERNI.


CAPITOLO


Se fusse vivi i vecchj, e ch'i vedesse
    Cosa, che deventà xe sto paese,
    3Che i Omeni xe tante Mone lesse,

Che no se fà l'amor più in te le Chiese;
    Che no se và a liccar più in t'i Conventi,
    6Che no i gà più la targa, e 'l pistolese,

Che per i oziosi, e per i malcontenti
    No ghè più Lupanari, nè Scolette;
    9Ne più Biscazze da ziogarse i denti,

Che no ghè più battelli, nè barchette,
    Che per canal quando, che xe la notte,
    12No ghè più serenade, nè cenette,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/220&oldid=60726"