Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/228

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



La so natura zà vuol far sto sfuogo,
    E 'l volerlo impedir l'è giusto quanto
    120Buttar dell'oggio per stuar el fuogo,

In cao dell'anno zà gà d'esser tanto
    Numero de chiavae, nè serve gnente
    123Farle in una bottega, o in campo santo.

Volesse pur el Cielo, che la zente
    Altro mal no facesse mai, che questo,
    126Che tutti chiavarìa più quietamente,

Nè sarìa 'l conversar cussì molesto;
    Se filosofo fusse chi presiede
    129Tutto caminarìa co più bon sesto;

Perchè lù a certe buzare nol crede,
    Nè a chi s'hà fatto romper la pignata
    132Sì facilmente nol ghe presta fede,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/228&oldid=64691"