Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/223

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Con pochetto se stava allegramente,
    Ma tutti ancuò vuol far gran smargiassae,
    45E ognun la vuol sticar d'Omo opulente;

S'andava a far l'amor colle Pelae,
    E sta cosa la fava bon effetto,
    48Perchè i lassava star le Maridae,

No i portava alle Chiese gran respetto
    Facendo i Cicisbei, ma che hà da far,
    51S'ancuò le Donne i và trovarle in letto?

Ghe giera cento lioghi da ziogar,
    Ma alfin viveva tanta povertà,
    54Perchè 'l soldo quà, e là solea zirar.

Ghe vuol dei passatempi in le Città,
    Che 'l popolo cussì se divertissa,
    57E no senta 'l so stato el desperà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/223&oldid=64686"