Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/224

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E se in bottega nasce qualche rissa,
    Giustizia vuol, che quello se castiga,
    60E chi no ghe n'hà colpa no patissa.

Quei Giudici mi vardo, che s'intriga
    In quelle cose, che no val un bezzo,
    63E de quel, che val più, no i se tiol briga;

Che l'arti venda tutto a caro prezzo,
    Che 'l lusso vesta fuora de misura,
    66Ste cose no ghe fà gnessun ribrezzo;

Se sfratterà una povera creatura,
    Che dà dei gusti a tante gran persone;
    69E vìa quei no se manda, che fà usura;

I pensa a mandar vìa le buzarone,
    Che xe d'impedimento a tanti mali,
    72E no i pensa all'onor dell'altre Done;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/224&oldid=64687"