Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/227

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Assae più facilmente una licenza
    I se puol tior in t'una Casa a scuro,
    105Che d'una lume chiara alla presenza;

Ma per quanto i voggia tegnir duro,
    Ch'in bottega no vaga più le Done,
    108Gnente no i farà mai, ve l'asseguro.

El creder anca, che deventa bone
    Le femene a tegnirle in sta maniera,
    111Co le xe per natura buzarone,

El xe quanto supponer, ch'una fiera
    La perda 'l so furor, co l'è ligada,
    114Ch'anzi la vien più indomita, e più fiera.

Una, ch'a farse fotter la sia usada,
    Co no la puol andar in gnessun liogo,
    117Per Dìo, la se fà fotter per la strada,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/227&oldid=64690"