Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/226

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Se fà un gran caso, s'un batte alla porta
    D'una puttana, e s'un và drento in casa
    90D'una, che ga Marìo, gnente gh'importa.

I vuol in summa, che 'l passà despiasa,
    E siben, che le cose andava meggio,
    93Quelle, che corre adesso, i vuol, che piasa.

Le puttane no gà più privileggio,
    L'è scazzae da per tutto, perchè i vuol,
    96Ch'abbia le Maridae tutto 'l corteggio.

Sentarse in piazza ancuò più no se puol,
    E gnanca in le botteghe le più belle,
    99Ma in te le Case a scuro no ghe diol;

E là no ghè ferali, nè candelle,
    Come ghè in le botteghe, e in conseguenza
    102I puol far delle belle cosarelle;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/226&oldid=64689"