Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/230

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



O che la so natura xe fruada,
    Che del meggio, e del bon, che ghe xe in tera,
    150No i ghe n'hà voggia più 'na buzarada.

In Casa i le vorrìa tutta la sera
    In un tempo, ch'i xe de sta natura
    153Ch'in casa no stà gnanca la massera.

Come, che tutte cerca la ventura,
    Per questo quà, e de là sempre le zira,
    156E a farghe opposizion le se snatura.

Sulle povere Donne se delira,
    Ch'i vorrìa, che le stasse in un feral,
    159E no i rifflette quando la ghe tira,
    O quando le gà voggia de Cotal.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/230&oldid=64693"