El libro primo de la Iliade de Omero/Testo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 7 modifica]

1.

Contime vià, Caliope, quela bile,
Tanto fatal per i infelici Achei,
Che ha chiapà el semidio Pelide Achile,
E i Greghi, co dolori e piangistei,
Ga fato andar al Orco a mile a mile;
Chè pur tropo cussì el gran re dei Dei
El gaveva za belo e destinà
Co Achile e Agamenon ga barufà.

2.

Ma chi xe stà quel Dio che ga permesso
Che sti do se tacasse a litigar?
Febo xe stà, che dopo el se ga messo,
Causa de Atride, i Greghi a castigar.
Sentì che caso grando xe sucesso:
Crise so fia vegnudo a rescatar,
Sul far del zorno, ga trovà i Achei,
Che a merenda magnava i figadei.

[p. 8 modifica]


3.

- Scusè (el ghe dise) se per tor mia fia
So vegnuo a disturbarve che magnè;
La vogio rescatar e condur via;
Meneme per piacer dal vostro re... -
I ghe risponde: - Se l'Atride el cria!
No cade gnanca che ghe ne parlè. -
E intanto salta suso Agamenon,
Che vicin el zogava a pea peazzon1.

4.

- De cossa discoreu senza de mi,
Chè m'ha parso, sentirme a menzonar?
No gavè da pensar ai fati mi'
Perchè a vualtri no toca comandar.
(E voltandose a Crise) Chi estu ti,
E cossa xestu qua vegnudo a far? -
Risponde Crise: - A rescatar mia fia,
Che me la dè, che me la porta via. -

[p. 9 modifica]


5.

Crise gaveva in man del biondo Dio
I sacri segni; e Atride, co rason,
Pensando su un momento, ga capìo
Che el cercava Criseide; ma el birbon,
Che no voleva minga darla in drio,
Credendo aver da far con un minchion,
El ghe risponde: - Vustu in te la gnuca
Quatro pugni da perder la paruca? -


6.

Crise se impontolisse: - E questo po
(Ghe replica) xe massa a un pari mio,
Xe un tratar da vilan, che para i bo;
Ghe vol rispeto al servitor de un Dio;
Perchè quando che a Apolo ghe 'l dirò,
Assae caro el farà pagarve el fio:
I Dei, sapiè, no paga al sabo sera
Ma quando i paga i dà moneda intiera. -

[p. 10 modifica]


7.

- Quanto ancora penseu de chiacolar,
Ecelenza, lustrissimo, siorìa?
Podaressi un'oreta anca parlar
Che za Criseide no la mando via;
(Risponde Atride, e al torna a insolentar
Un pare che lo prega per so fia);
No val, el dise, i vostri bezzi un peto;
La voi co mi che la me fazza el leto.-


8.

Crise sempre batendo per la puta,
Finalmente l'Atride smagonà
Sta zonta el ghe refila suta suta:
- Che no te trova, o vechio sdentegà,
Da rente a le galìe, chè gnanca tuta
La potenza de Apolo podarà
Cavarte da le ongie d'un Atride,
Altro che crivelà da le feride. -

[p. 11 modifica]


9.

A sta sgnesola Crise, povareto,
Pensè vualtri che strazzo de fufoto;
No ghe passava gnanca un pignoleto;
Nè zuraria che el fusse neto solo
Davanti Agamenon. Solo soleto
L'è andà sul lio del mar tuto devoto
A pianzerghe e a pregar el biondo Dio
De Latona e de Giove el più bel fio.


10.

- O fradelo de Diana, Apolo, ascolta
Sto infelice: se mai dei grassi agnei,
O vache, t'ho scanà; se qualche volta
T'ho fornido i to sacri capitei;
Fame dar la mia fia, che me ga tolta
Atride, quel birbon re dei Achei;
Fazza sora de quei le mie vendete
El to arco d'arzento e le saete. -

[p. 12 modifica]


11.

Crise gera de Apolo el beniamin,
E per questo de esser esaudio
El se tegniva in pugno, el berechin.
Infati el lo ascoltava sto so Dio
Co le rechie tirae vicin, vicin.
No 'l gaveva gnancora ben finio
Che el ga risposto: - Si lassime far
Che el sior Atride lo farò saltar. -


12.

El core in Cielo a destacar dal lazzo
Le so arme, e irabià zoso el tornava.
El gavea longo el muso più de un brazzo,
L'arco in spala, e la corda ghe passava
Soto el scagio. Faceva un gran schiamazzo
Le frezze, perchè in pressa el caminava.
De fazza a le galìe po 'l s'ha sentà,
E co l'arco una frezza el ga tirà.

[p. 13 modifica]


13.

Apena descargà l'arco d'arzento
Se ga sentìo un teribile rumor,
Che ai sassi gavaria fato spavento.
Le bestie prima el Dio col so furor
El copava, e po dopo a cento a cento
I povari soldai; e sto dolor
Per nove boni zorni el ga durà,
Chè a forza de tirar el s'ha stracà.


14.

A quel dei diese, Achile finalmente
A l'arengo ha volesto convocar
I capi e tuta quanta la so zente,
Per veder cossa se podeva far.
Chè a lu ghe lo aveva messo in mente
La Dea, che i antighi ga vossuo chiamar
Dai bianchi brazzi, insuma za Zunon,
Che dei Achei ga avudo compassion.

[p. 14 modifica]


15.

Svelto de gamba Achile salta su,
Subito che i xe stadi tuti là:
- Atride, per piacer diseme vu
Se no xe tempo de andar via de qua.
Ancora un poco, e no podemo più
Mocarsela, da seno in verità;
Perchè la peste a zonta de la guera
Farà bater a tuti el cul per tera.


16.

Se volè, domandeghimo a un strigon,
O a quei che spiega dei osei el svolo;
Domandeghimo, digo, la rason
Perchè co nu irabià xe tanto Apolo;
Se perchè tralassade le orazion
Gavemo o i sacrifizj, o pur se solo
Per altre cosse, e se el perdonarà
Co avessimo a lu sacrificà. -

[p. 15 modifica]


17.

Achile gera apena sentà zoso,
Che se alza su Calcante, un indovin,
Del sior Testore fio, strigon famoso,
No so, se pien de Febo o pien de vin;
Ma insuma a dir ga scomenzà sto toso:
- Caro Achile, de Giove cocolin,
Permetime che prima de parlar
Una grazia te venga a domandar:


18.

Che ti me doni la to protezion,
Perchè a parlar, mi zogo al loto el colo.
Ti vol che diga schieta la rason
Che in colera con nu xe tanto Apolo;
Ma la darà sul naso a un omenon,
Che qua vol comandar sempre lu solo;
E se contro de mi l'alza la cresta,
Te so dir se el me conza e se el me pesta. -

[p. 16 modifica]


19.

In bota e in furia Achile ga risposto:
- Me fazza deventar Apolo muto,
No 'l me fazza più mover de sto posto,
Se un pari to, che al fato xe de tuto,
Difender no volesse a ogni costo;
Anca se tratasse de quel bruto
Mostro de Atride sempre barufante,
Che se avanta de esser un zigante. -


20.

Alora l'indovin ga chiapà fià,
E alzando la so magica bacheta,
El dise: - No pensè che invelenà
Febo, che tanto grosse el ve le peta,
Sia perchè no gavè sacrificà:
La rason ve la canto neta e schieta,
Xe perchè Atride ga tratà da can
Crise, e so fia lu vol tegnirse in man.

[p. 17 modifica]


21.

El delito, vedeu, xe proprio questo.
Adesso deve de le man a torno;
A Febo un sacrifizio ofrighe, e presto,
Perchè podaria darse che un bel zorno,
Stufo de vualtri el ve petasse el resto,
Chè, se crepè, no ghe ne importa un corno.
Criseide, mandè via, vostra rovina,
In pressa, col vapor, doman matina. -


22.

Cossa te vien in testa? Me dirè,
El vapor a quel tempo no ghe gera.
Scusè, letori cari, e no credè
Che ve traduza Omero in sta maniera
Senza la so rason, el so perchè;
Un perchè, una rason mo proprio vera.
Ma ve la lasso indovinar, amici,
Torno a Calcante, e siè sempre felici.

[p. 18 modifica]


23.

El se senta a la turca; e salta suso
El teribile e forte Agamenon,
E el scomenza cussì sto bruto muso,
Vardando storto el povaro strigon:
- Questo qua xe sta sempre el to bel uso
De predirme desasi, lasagnon,
E i Greghi ti infenichi su che el Dio
Ga fato causa mia, pagar el fio;


24.

Perchè la tosa, che voleva Crise,
Coi bezzi baratar no go volesto:
Massa ben la me lava le camise!...
Tolevela, peraltro, chè per questo
El popolo, che xe le mie raise,
No ga da tor de mezo. Ma da resto,
Se la me brusa! Chè per far i fati
La xe una spada e per broar i piati.

[p. 19 modifica]


25.

Ma vualtri almanco me darè qualcossa,
Se me rassegno, senza gnanca arfiar;
Chè proprio la saria, vardè, ben grossa
Se gnente gnente me volessi dar.
No pretendo po minga sta gran cossa;
Poco mi me contento de chiapar:
Però ve prego, generosi Achei,
De no esebirme a uso dei Ebrei. -


26.

Salta su Achile rosso come el fogo:
- Cossa xe, bruta tegna, che voressi?
Xe sta spartido tuto, e mi ghe zogo
Che nè roba nè soldi podaressi
Trovar sconti o imbusadi in nessun logo;
Sì che me par che megio assae faressi
A darghela per gnente: co sarò
Paron de Trogia, mi ve pagarò. -

[p. 20 modifica]


27.

Duro, duro risponde Agamenon:
- La ose, ve consegio, sparagnè;
No cerchè de imbrogiarme, sior birbon,
Che no son minga po, come credè,
Sto scioco, sto balordo, sto minchio
Da inghiotir tuto quelo che disè.
Fiabe no ghe ne bevo gnanca una:
No son cascà dal mondo de la luna.


28.

Co Ciacole nessun no se la cava;
Se go da mandar questa a so sior pare,
Mi vogio co le bone un'altra schiava;
Se no, a un altro, o anca a ti, caro compare,
A torghe vegnarò la so più brava;
Le mie intenzion mi ve le digo chiare;
E a chi ghe andarò a tor la so putela
Ga proprio da vegnir la cagarela.

[p. 21 modifica]


29.

Ma dopo parlaremo, intanto vogio
Che sia mandada sta regazza ai soi,
Cussì me cavo presto da l'imbrogio.
La barca menarà dei barcaroi,
Che sapia el so mistier; chè in qualche scogio
No la petasse, tanto più che voi
Un centener de bo cargarghe suso,
Per sacrifizio al Dio, come xe uso.


30.

Un zentilomo o l'altro ghe sarà,
O Agiace, o Ulisse, o Idomeneo, o ti,
Che la guardia in viazo ghe farà,
Perchè no posso minga andarghe mi.
Coi bo che mando el Dio l'imbonirà,
Che fin adesso n'ha tratà cussì;
E anca de grazia, se no semo a st'ora
Andadi tuti quanti in gran malora. -

[p. 22 modifica]


31.

Co l'ochio storto Achile l'ha vardà,
- Muso roto disendoghe, avaron,
Chi mai de nualtri Greghi ghe sarà
Che te vogia conosser per paron,
E che vogia agiutarte gnanca un fià?
Ti ga za da saver che mi no son
Vegnuo dal mio paese in te sta tera
Per l'odio dei Trogiani a far la guera.


32.

A mi i Trogiani no i m'ha fato gnente,
No i m'ha robà nè piegore, ne bo;
Avudo mai da quella bona zente
Una parola storta mi no go;
La xe proprio co mi tuta inocente:
E tuti sa che quà vegnudo so
A menar contro Trogia ben le man
Per Menelao e per ti, muso da can.

[p. 23 modifica]


33.

E adesso in sta maniera so tratà
Dopo tante fadighe che go fato,
E el premio che m'ho in guera guadagnà
Robarmelo ti vol, toco de ingrato!
Quando che i Greghi Trogia chiaparà,
E de la division se farà el pato,
So cossa nassarà, siben che in fin
Mi fazzo qua da Zan e buratin.


34.

Sempre, quando se fa le division
De la roba che s'ha portada via,
Xe toa la prima parte, el megio, el bon;
L'ultima, la più picola, xe mia;
E go da esser contento, contenton.
Fradei, tornemo presto presto a Ftia:
Piutosto a casa mia a magnar polenta,
Che sfadigar per quei che me insolenta. -

[p. 24 modifica]


35.

- Va dunque (Agamenon el salta suso)
Va pur, chè de nissun licar el cesto
No, no xe, nè xe sta mai el mio uso:
Va indove che ti vol, che za per questo
Anca senza de ti, del to bel muso,
Go chi del ben me vol e m'ha volesto:
Va dunque presto, va per la to strada,
Chè te go dove i sorzi ga la spada.


36.

Da la mia parte mi go Giove ancora;
Dunque va se ti vol, te lo ripeto;
Va dove che te piase, va in malora;
Anzi adesso voi dirte a to dispeto
Che vegnarò un dì o l'altro a farte fora
La puta de Briseo, roba de gheto.
No me la lasso far in nissun caso
Nè da ti, nè da altri soto el naso. -

[p. 25 modifica]


37.

Pensè vualtri, se Achile el buta fogo
Sentindose tratar in sta maniera.
Nol savea se quietarse, o farse logo
Per destinarlo là morto per tera.
El tol in man la spada, e mi ghe zogo
Che el lo sbuelava proprio, se no gera
Minerva corsa zo da cosa soa,
Che svelta lo tirasse per la coa.


38.

Sconta a tuti la gera capitada
E vista Achile la gaveva solo,
Perchè co el ga sentido la tirada
L'avea trato un scorlon e voltà el colo.
Siben che no la fusse petenada
Dai ochi conossua el la ga de svolo,
E el ghe domanda: - Cossa vienstu a far,
Vienstu forsi a sentirme strapazzar? -

[p. 26 modifica]


39.

Minerva a brazzacolo l'ha chiapà;
E la ga dito: - Achile, vià essi bon;
Dal Cielo so vegnuda in pressa qua
Per fa che no ti mazzi Agamenon.
Gera drio che scoava; e m'ha pregà,
Quasi pianzendo, de vegnir, Zunon,
Spanta morta per vualtri, povareta,
Perchè meta una bona paroleta.


40.

Capisso che l'Atride xe insolente;
Ma cossa vustu far? gabi pazienza:
Perchè quela una razza xe de zente,
Che sa de esser de una gran semenza;
Ti dighe pur quel che te vien in mente;
Ma de spada fa conto de esser senza.
Scoltime adesso, e un zorno vegnarà
Che el Cielo un premio grando te darà. -

[p. 27 modifica]


41.

El cava alora, ma de mala vogia,
Dal pomo de la spada la so man,
E el ghe dise: - Siben che mi quel bogia,
Quel infame, quel broto fiol de un can,
Lo voria far termar come una fogia,
Co vualtre no vogio esser vilan.
NO se xe cari ai Numi altro che quando
Se sa sbassar la testa al so comando. -


42.

In t'un salto Minerva xe tornada
A cosa soa dove che stava i Dei.
La gera proprio tuta consolada;
E dopo averse fato su i cavei,
Da Zunon tuta alegra la xe andada.
In sto mentre col re dei Greghi Achei
Achile andava avanti a far fracasso,
Disendoghene zo d'ogni erba un fasso.

[p. 28 modifica]


43.

- Fiol de una negra, infame Agamenon,
Bon solo che da ofender e insultar,
Par a sentirte che ti si' Sanson,
Ma quando che sul campo xe da star,
Se vede che da gnente ti xe bon.
Se ti trovi el to conto a sgranfignar
A chi voria farte sbassar la cresta,
La rason chiara e tonda la xe questa.


44.

Ma se roba da cani e zente bassa
No fusse quela che te serve ti,
No ti faressi, no, tanto manbassa;
E quel che adesso ti m'ha fato a mi
Per fartela finir saria anca massa;
Ma se el destin la ga vossua cussì,
Sta atento ben a quel che te dirò,
Chè in do parole mi me spiegherò:

[p. 29 modifica]


45.

Per sto baston, che qua ti vedi zuro,
Zuro davanti a Giove e a tuti i Dei,
Che un zorno vegnarà certo e sicuro
Che ti te magnarà, pianzendo i dei
De averme fato adesso andar al muro.
Co Etore vegnarà contro i Achei
Lassarò che el li fazza in tante fete,
E in sto modo farò le mie vendete. -


46.

Cussì dito per tera el ga butà,
Co dispeto e co rabia, el so baston,
Tuto de broche d'oro tempestà,
E intanto spuava verde Agamenon.
Se ne xe acorto un vecchio navegà,
Nestore, proprio un vero Ciceron,
Che ha cercà de butar aqua sul fogo
Perchè el vedeva farse serio el zogo.

[p. 30 modifica]


47.

Prima el se supia el naso e dopo el tol
Una presa; e el scomenza: - I soli Dei,
Altro che lori sa quanto me dol
Sentir che fe barufa fra fradei;
Perchè dir co la boca no se pol
Che dispiacer i gavarà i Achei,
E come sara Trogia consolada,
Co de sto fato la sarà avisada.


48.

Scolteme mi; se tanto digo e fazzo,
Lo digo e fazzo per el vostro ben;
Che più esperienza go de sto mondazzo.
Atride, la putela no convien
Che a Achile ti ghe toghi, povarazzo,
Che come i ochi cara el se la tien;
E ti, Achile, co un re no barufar
Che pol su tanta zente comandar.

[p. 31 modifica]


49.

Se più forza ti ga de Agamenon,
Come fio de una Dea; lu xe potente,
E tanto più de ti, per la rason
Che, eceto la to parte solamente,
De tuti quanti i Greghi el xe paron;
De tuta quela sgnesola de zente.
Via, dunque, via, fenimo sta facenda:
QUieteve, e andemo insieme a far marenda. -


50.

- Cofà un libro stampà vu ne parlè,
Bon vechio (ghe risponde Agamenon);
Ma questo adesso vogio che sapiè,
Che Achile xe un infame, xe un birbon
Che vol tuti zapar soto i so piè:
Ma, nol me zapa mi. Ghe xe rason
Che el me gabia in sto modo da insultar
Se forte i Dei lo ga volesto far? -

[p. 32 modifica]


51.

Ga serà Achile le parole in boca:
- Saria (el dise) a obedirte un gran balordo:
Fa da paron a la to zente gnoca;
Quanto a mi, ai to comandi fazzo el sordo,
Perchè a mi comandarme no te toca.
Ma voi lassarte un ultimo ricordo;
Questo adesso voi dirte solamente,
Perchè ti te lo tegni ben in mente:


52.

Se la mia schiava a tor ti vegnarà,
Te la lassarò tor, in to malora;
Ma de st'altra mia roba gnanca un fià
Nessun podarà mai farmene fora.
Se no ti credi, vien; ti vedarà
Che la sarà per ti l'ultima ora... -
Senza aspetar, e senza dir sioria,
El se incalca el capelo e el volta via.

[p. 33 modifica]


53.

Finida la barufa in t'un momento
Atride fa varar un gran batelo
Co vinti barcaroi; ghe mete drento,
Coi cento manzi, quel viseto belo
De la tosa de Crise; intanto el vento
S'aveva fato bon, seren el cielo;
E el ghe consegna tuto al savio Ulisse,
Che in bota ha comandà che se partisse.


54.

In t'un lampo el batelo xe spario;
E Agamenon, come che gera l'uso
Quando i sacrificava a qualche Dio,
Manda a tuti a lavarse e man e muso:
Po i bo scanar el fa e rostir sul lio.
E intanto el bon odor, che andava suso,
Scomenzava un pocheto el Dio a imbonir
L'aqua in boca facendoghe vegnir.

[p. 34 modifica]


55.

In quel mentre che tuti infacendai
I nostri Greghi gera in sti lavori,
Atride Agamenon el ga chiamai
Euribate e Taltibio servitori,
Zente de cuor e omeni fidai.
- Da Achile (el dise) come imbassadori
Mi ve mando perchè ghe portè via
Da la so tenda de Briseo la fia;


56.

Se co le bone darla no'l volesse
Co un pochi de soldai vegnarò là,
E alora el calarà ben le braghesse
E più presto che in pressa el la darà. -
Ste do creature alora lesse lesse
Le ga ubidìo; chè a dir la verità
A portar de sta sorte de imbassae
Ghe gera da chiapar de le frustae.

[p. 35 modifica]


57.

Quando che i arivai dai Mirmidòni,
Achile ai so batei sentà vicin
Co Pàtroclo un dei so gran amigoni
Per straviarse el zogava a tressetin.
Co'l ga visto vegnir i do garzoni
El ga impiantà le carte sul taolin;
E lori, apena i ghe xe stai davanti,
I lo ga saludà tuti tremanti.


58.

No i aveva coragio de parlar
Ma Achile za gaveva indovinà
Cossa che i gera là vegnudi a far.
Però da cortesan el ga tratà,
Disendo: - No tremè, no ve voi dar,
Co vualtri no son minga irabià:
El xe el vostro dover: ma Agamenon
Lo voria sbarar fora de un canon. -

[p. 36 modifica]


59.

Questo se ghe diria butar le bave.
Ma a Patroclo el ghe dise che l'andasse
A tor Briseide; e là vicin la nave
El ga fato che i arfieri se sentasse;
Perchè ora che la puta a le altre schiave
Ghe dasse un baso, e che la se chinchiasse,
El cosmetico dandose e el sbeleto,
Certo che ghe voleva un bel tocheto.


60.

Intanto el ghe diseva a quei do puti:
- Siè testimoni de la mia parola
Ai omeni davanti e ai Numi tuti,
E al vostro re, che go soto la siola,
Quando che vegnarà quei zorni bruti
Che l'aqua el gavarà fin a la gola;
Perchè co tuto quanto el so schiamazzo
Difender no 'l se pol senza el mio brazzo. -

[p. 37 modifica]


61.

Pàtroclo da là un poco co la tosa
A pianin da la tenda l'arivava;
E siben che la fasse la ritrosa,
A quei do puti el ghe la consegnava,
Rossa che la parea proprio una rosa.
Ma intanto che a l'Atride i la menava,
Achile, che gavea la freve adosso,
A pianzer el s'ha messo a più no posso.


62.

E per sfogarse megio, su la riva
Solo soleto el s'ha sentà del mar,
Senza che lo vedesse anema viva;
E so mare metendose a chiamar,
Cussì co ela el cuor el se verziva:
- Xelo questo el conforto che aspetar
Dovea da Giove, se m'ha dà la sorte
Poca vita, e vicina xe la morte?

[p. 38 modifica]


63.

Cussì Giove me lassa strapazzar?
(Tra i sanghioti e le lagrime el diseva)
Tuti me se ga meso a disprezzar,
La megio de le schiave che gaveva
Atride in fin me ga vossuo robar,
Che el cafè tanto ben la me faceva:
Giove me ga promesso Roma e toma,
E go dei schiafi, e gnente toma e Roma... -


64.

Tetide in fondo el mar la ga sentio
I sospiri che trava el so Achileto,
Intanto che al fogher la gera drio
A cusinarse i cievoli in broeto
E a farghe la panada a so mario:
So quà, so quà (la ziga) povareto:
E la impianta la techia e el pignatin,
A rischio che i chiapasse el brustolin.

[p. 39 modifica]


65.

La vien, col palagremo a torno, a gala
E le man tute sporche da pignata;
De so fio la ghe bate su la spala,
Ansando come un fiolo e meza mata:
- Xesto forsi cascà zo de la scala?
Che disgrazia (la dise) te xe nata?
Dime vià la rason del to dolor,
El mio Achile, mie vissere, mio cuor. -


66.

- Eco la cossa va da quà fin quà
(Achile ghe risponde) mare mia:
De Eezion semo andai in te la cità,
E tuto quel che avemo portà via
Tuto quanto in sto campo s'ha muchià.
Fando le parte, a Agamenon la fia
De Crise sacerdote ghe tocava,
A Febo consacrà, che assae lo amava.

[p. 40 modifica]


67.

Una matina capita el vechieto
Col baston del so Dio, col so capelo,
Per rescatar coi bezzi, povareto,
La so puta Criseide, el so zogielo;
Ma Atride pien de rabia e de dispeto
El xe andà in furia, e te dirò che un pelo
Ga manca che partisse le sacerdote
Col muso pesto e co le coste rote.


68.

Brontolando el xe corso invelenà
A spifararghe tuto al biondo Dio.
Co le lagrime ai ochi el l'ha pregà
Che pagar el ghe fasse ai Greghi el fio;
E pur tropo el so Febo l'ha ascoltà.
Per nove dì a mandarne el xe andà drio
De le so frezze una tempesta suta;
Chè i Greghi e Atride se l'ha vista bruta.

[p. 41 modifica]


69.

De far che in consistori alfin se andasse
Me xe vegnua la bona ispirazion;
El perchè Febo i Greghi petufasse
Calcante n'ha spiegà, bravo strigon.
Che a casa soa Criseide se mandasse,
Tanto el se rassegnava Agamenon;
Ma de voler qualcossa impontiglià,
Contro de mi la rabia el ga sfogà.


70.

El me ga dito tondo che una schiava
A farme fora certo el vegnaria,
Che Briseide el voleva la più brava;
E infati me l'ho vista portar via
Dai so fanti che a tormela el mandava,
Subito che la soa gera partia...
Mare, prega per mi, cori da Giove,
Che fa vegnir el Sol quando che piove.

[p. 42 modifica]


71.

Me ricordo co gera picenin
Che de le volte ti ti me contavi,
Per far che stasse quieto un tochetin,
Intanto che le calze ti giustavi;
Che Giove, come un ladro, un berechin
I gaveria incaenà pezo dei schiavi
Un zorno i Dei, se ti vegnuda in quelo
No ti mandevi in aria el so castelo.


72.

Chiamando in pressa Egeon quel tal zigante,
Che de San Marco el campanil in spala
El gavaria portà sin in Levante.
E quando el xe vegnudo in te la sala
Xe andà a monte el progeto in t'un istante:
Co quei fachini là la cresta cala;
E tanto più che Giove, gnente manco,
Lo ga fato sentar proprio a so fianco.

[p. 43 modifica]


73.

Credo anca mi che el se tegnisse in bon!
Ma el struco xe che Giove ga co ti
Da quela volta tante obligazion:
Va, mare mia, valo a pregar per mi,
Faghe vegnir in mente che Egeon
L'ha salvà per to merito quel dì:
Che el fazza che i Trogiani a sti martufi
Ghe le refila ben fin che i xe stufi. -


74.

Tetide ghe risponde sanghiotando:
- Ah! mostro de un destin, infame sorte,
Perchè, perchè t'hogio arlevà, se quando
T'ho partorio saveva che la morte
Drio te vegniva, i passe spessegando?
E adesso che ti xe arivà a le porte,
I pochi zorni che te xe lassai
Ti gabi da passarli in tanti guai!

[p. 44 modifica]


75.

Ti no combater: mi pregarò Giove
Che el ghe meta rimedio ai to dolori.
Le mie lagreme sempre el cuor ghe move:
Adesso, el xe andà a nozze zo dai Mori,
Che del so amor vol darghe tante prove:
Co da la campagnada pien de onori
In Cielo el tornarà tuto contento,
Alora svelta chiaparò el momento. -


76.

Col cuor strazzà la Dea del mar partiva
Lassandolo soleto e mezo morto,
Devorà da la bile, su la riva.
Intanto la galìa de Ulisse in porto
Spenta da vento cussì bon, l'ariva
Tanto presto che gnanca i se n'ha acorto.
Mainà le vele, le ancore i ha butà
E de tole un pontil improvisà.

[p. 45 modifica]


77.

Un dopo l'altro in tera tuti quanti
I desmonta, e Criseide a man de Ulisse,
Vestio de negro, in chicara coi guanti.
L'aspeta che i so omeni finisse
De descargar i bo, che gera tanti.
Crise, avisà che presto el se vestisse
Dai soi, che gavea visto chi arivava,
Xe corso e a meza strada el lo incontrava.


78.

- Agamenon (ghe dise Ulisse) a Crisa
Me manda a consegnarve vostra fia;
La rovina dei Greghi za decisa
Febo gaveva se no l'andava via:
Per questo el nostro re, se anca in camisa
El restasse, volea farla finia:
Tolè la puta... - Ringraziando Apolo
Crise se la chiapava a brazzacolo.

[p. 46 modifica]


79.

E in bota atorno al ben fornido altar
Tute le bestie in riga i destirava;
Le man i se xe andai dopo a lavar;
La solita fugazza i preparava,
La careghe e la tola per disnar;
E i cortei per scanar i bo i guava.
Quando che tuto xe sta pronto, Crise,
Le man alzando al Cielo, cussì el dise:


80.

- Febo, che tanto ben l'arco d'arzento
Ti manizi, e che soto al to comando
Ti ga tante cità, fame contento:
Se l'altro zorno i Greghi castigando
Subito ti ascoltavi el mio lamento,
Ascoltime anca ancuo che te domando
De far che el mal dei Greghi sia finio. -
E anca sta volta l'ha esaudio.

[p. 47 modifica]


81.

Finido de pregar, i manizava
I magi, le manere e le mastele,
E in t'un momento tuti i bo i scanava:
I da drio, dopo fata zo la pele,
Impirai in te i spei i brustolava,
Coverti ben col grasso de le buele;
I garzoni zirava i rosti; e intanto
Crise ghe li sgianzava de vin santo.


82.

Dei bo la coraela i ga sazà,
Co xe sta le cossate cusinae;
In tanti tochi el resto i ga tagià,
E i ghe n'ha fato de le altre ispeae.
Tripe, rognoni, cuor, spienza e figà
Ga servìo a le piatanze, preparae
Dai coghi, che gavea da lavorar,
Perchè Crise voleva un bel disnar.

[p. 48 modifica]


83.

Chi fa vento a le techie sui fornei,
Chi fa passar el brodo coi tamisi,
Chi mete in tingoleto in polastrei,
Chi xe atento a scaltrir pulito i bisi,
Chi lava i dureleti e i figadei
Per meterli a tocheti drento i risi.
Quando che tuto xe sta coto, i puti
L'ha chiamai che i venisse a tola tuti.


84.

Omero dise che i ga magnà colori
Tuto, e bevudo assae de vin sincero:
Bisogna proprio dir, cari letori,
Che i gavesse dei stomeghi de fero,
A magnar cento bo coi so interiori.
Ma sapiè che ai famosi Eroi de Omero
Un quartesin de bo no gera gnente,
E co un porcelo i se curava un dente.

[p. 49 modifica]


85.

Co i xe stai tuti pieni in fin la gola,
I s'ha messo a balar fin a la sera,
Cantando a Febo; e intanto la parola
De rosolio i bagnava e de Madera,
No in gotesini, ma in goti da tola,
Che in ziro andava sora una guantiera:
Sentindo Apolo i canti de sti Eroi
L'andava tuto in brodo de fasioi.


86.

Apena note, i s'ha buta a palir
El vin, sora coverta, a ciel seren:
Anca un leto de tole per dormir,
Strachi e pieni che i gera, andava ben.
Svegiai, co xe sta zorno, per partir
In bota i ha preparà quel che convien;
E subito le vele i ha despiegà
Al bon vento che Febo ga mandà.

[p. 50 modifica]


87.

Arivai al so campo, i tira in seco
La nave, e tuti indove che voleva
A spassizar i và, o a bagnarse el beco;
Achile dal dolor el se struzeva,
De tuto smagonà, de tuto seco,
E da tuto e da tuti el se scondeva.
Ma dopo undese dì xe vegnuo quelo,
Che i Dei xe stadi de ritorno in Cielo.


88.

Tetide zo dal leto presto, presto,
Co xe sta apena dì, la xe saltada.
Siben che tuta note poco in sesto
Senza dormir un fià la fusse stada;
Per amor de so fio, co tuto questo,
Da Giove, che fa i toni, la xe andada,
E la lo ga trovà solo, soleto,
Che el fumava in Olimpo un zigareto.

[p. 51 modifica]


89.

Ai so pi la s'ha in bota inzenochià
Fifando, e la ga dito: - Pare mio
Se mai in qualche ocasion ve go agiutà,
Consolè adesso el povaro mio fio,
Che dai Greghi xe tanto maltratà;
Feghe, vu che podè, pagar el fio
A l'Atride: fe vincer i Trogiani
E co le pezo andar quei fioi de cani. -


90.

Intanto che cussì la lo pregava,
Teti la barba ghe faceva cara,
E ai zenochi de lu la se russava
Tornando a pianzer la so sorte amara;
Ma el pareva incantà, no 'l ghe badava:
Stufa po in fin la ghe dise chiara:
- Che no possa cavarve una parola!
Volue farme arsirar proprio la gola? -

[p. 52 modifica]


91.

Giove, tirando alora un sospiron,
- L'è un bruto imbrogio (el dise) in verità,
Co la furia che xe siora Zunon;
Guai se la sa che apena t'ho ascoltà!
Chè farghe no se pol capir rason:
Presto vissere mie, va via de quà:
La xe, se la te vede ai mi' zenochi,
Muso capace de cavarte i ochi.


92.

Femo le cosse come le va fate,
Tegnimo sconto tuto a mia mugier:
Se fa cussì co quele teste mate!
Doman co quiete te farò el piacer:
Za, dime chiò, de poco la se imbate.
A cossa fata la starà a dover. -
Sbassae le segie i rizzi el ga scorlà,
E tuto el monte Olimpo ga tremà.

[p. 53 modifica]


93.

Restai d'acordo, Tetide dal Cielo
In mar la xe saltada in t'un momento.
Subito dopo Giove va a bel belo
In sala de consegio, e apena drento,
Co tuti i Dei se ga cavà el capelo,
Sul trono el s'ha sentà s'oro e d'arzento:
Zunon, che sconta gavea visto Teti,
Pensè se la ga fato dei dispeti!


94.

E la scomenza: - Chi xe sta de là
A infenochiarte su, bruto busiaro?
Sempre mile scondagne ti me fa,
Tuto tegnirme sconto ti ga caro... -
E lu: - Zunon un granchio ti ga chiapà
Se ti vol veder tuto neto e chiaro:
De le cosse ghe xe che pol saver
Giove solo, e po gnanca so mugier. -

[p. 54 modifica]


95.

Cossa xe mai (Zunon dise) sti pochi!
Se ti xe furbo, mi so son de manco.
Za un poco te go visto co sti ochi
A chiacolar co Teti, che a to fianco
Gera pusada e te strenzea i zenochi:
No son orba, e conosso el negro e el bianco;
Ghe scometo, co 'l monte ga tremà,
La rovina dei Greghi ti ha zurà. -


96.

Giove fora de lu, el salta suso:
- Ficar el naso in quel che no te toca
Xe sta sempre, petegola, el to uso;
Ma cassarte so ben la lengua in boca;
Pensa de tender a la roca e al fuso;
Se no, ti vedarà, toco de gnoca,
Se te arivo a chiapar per i cavei
No te salva nessun de tuti i Dei. -

[p. 55 modifica]


97.

Zunon ga sbassà i ochi e ga tasesto:
La saveva che pevare che 'l gera!
Ma in tel so cuor la ghe diseva el resto.
I Dei xe diventai smorti de ciera:
Ma Vulcan, un furbazzo de bon sesto,
Se ga fato coragio, e co maniera
El ga dito: - Da seno a mi me par
Che no ghe sia rason de barufar.


98.

Se i omeni se mazza, cossa importa?
No gavemo da perder l'alegria;
Che 'l diavolo a l'inferno el se li porta!
(In rechia po a Zunon): vià mare mia,
(El ghe dise) se 'l ga la luna storta
Moleghe un ponto e che la sia finia:
Se ghe salta a colù la mosca al naso
Ve pol suceder qualche bruto caso.

[p. 56 modifica]


99.

El cuor me pianzarave in verità,
(El diseva, sporzendoghe un bel goto)
Ma dopo quel afar che m'ha tocà
Saria a rischiarme ancora un gran merloto:
Savè che zo dal Cielo el m'ha slanzà,
So sta per aria un zorno e restà zoto,
Tuto perchè me son messo de mezo,
E anca de bon che no go avuo de pezo. -


100.

Zunon, ridendo, ga vardà so fio,
E el goto la ga tolto pien de vin.
Vulcan, co le botigie, avanti e indrio
L'andava a far vegnir ai Dei el morbin:
Fin a sera a trincar i xe andai drio.
Febo intanto sonava el chitarin,
E le Muse cantava le vilote.2
Adesso i va a dormir: felice note.



Note
  1. [p. 6]Nome de una spezie de zogo da putei, che le mistre ghe fa per tegnirli quieti un toco: e el se fa cussì: sti putei sentai in ziro, i mete i so penini fora, e la mistra, co un bastoncin in man, scomenza la cantilena: Pea peazzon, co quel che ghe vien drio; e ogni parola che la dise la toca un dopo l'altro i penini dei putei, e el penin, che xe tocà quando la finisse la filastroca, disendo: tira drento quel bel penin, el putelo lo sconde. La torna la mistra da recao, e la va drio cussì fin che tuti i pie xe tirai drento, se no la se stufa avanti.
    I dise che sta sempiada vegna da l'antigo Poean dei Greghi e dei Latini. Ma ghe zogo che Apolo se stroparia le rechie, se el sentisse la so Canzon cussì strapazzada.
  2. [p. 6]La vilota in italian se diria la villanella. La xe una Canzon curta curta, a uso de campagna.