El consulto medico

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El consulto medico
1857-58
←  El bariloto Edission e fonte ▼ El papagà  →


[p. 144 modifica]
EL CONSULTO MEDICO.


L'ano mile siecento e otantadò,
     El mese lo dirò,
     El dì no me ricordo,
     Un medico balordo,
     5Che la so gran bravura,
     I so talenti,
     Consisteva in vestir co cargadura
     Da impatarghela afato a un cavadenti,
     Da darghe scacomato
     10A un bufo caricato,
     Come saria, velada
     A fiori ricamada,
     Longa de vita e streta,
     Co una mua de botoni
     15Contornai de zergoni,
     E de sta peta,

[p. 145 modifica]

Camisiola de raso coi lustrini,
Braghesse curte, fiube ai centurini,
Calze bianche de sea, scarpe impontie,
20Che tien in morsa i pie,
Cravata co un galan che a la lontana
A chi no ga la vista tropo fina
Par un piato de pana,
O una puina,
25Bocheta ben stocada
Che par una palada,
Tanto de patacon
Per pontapeto,
Una dose abondante de coleto
30Più duro del carton,
Che ghe sconde la boca,
Manegheti che sfioca,
Magnifico topè,
Che a la parola
35Par un deser da tola,
Un cabarè,
Lumazza soto el brazzo,
Do bei relogi al fianco
Coi so sigili a sguazzo,
40E co tre quarte almanco
De caena,
Una mezza dozzena
Atorno i dei
De vere, rosetoni e de camei,

[p. 146 modifica]

45Canadindia bislonga col pontal
E 'l pomolo de azzal,
Guanti lustri de pele de cavreto,
Scatola da tabaco co l'odor,
El so mato ochialeto
50Per esplorarghe el cuor
A qualche bela,
Bozzetina da spirito in scarsela
Da darghela in tel naso
Ai so clienti
55Quando sucede el caso
De asfisie, convulsion, de svanimenti,
Muso da inquisitor,
Aria da gran signor,
E certi movimenti,
60Certi sesti che adesso
Li chiamaria galanti
Qualche genio bastardo del progresso,
Ma che, per no dir altro, i ze l'indizio
De assae poco giudizio.

65E sicome in quei tempi,
Ch'essendo pianta esotica el bon senso,
El numero dei sempi
Dir se podeva imenso,
L'abito gera quelo
70Che stabiliva l'omo da cartelo,
E nela medicina a preferenza
Determinava i gradi de la scienza,

[p. 147 modifica]

Cussì sto sìor dotor,
Che, se no falo,
75Se chiamava Vetor
Zampadegalo,

A merito esclusivo del vestiario
El gera in poco tempo deventà,
Mi no ve digo un Creso, un milionario.
80Ma tanto ben provisto de casnà
Da poder sodisfar senza pensieri
Ai bisogni, ai caprici, ai desideri;

E per sta eloquentissima rason,
Che influisce sul grando e 'l picinin.
85Sora l'omo de sesto e sul melon
A disponerghe l'animo al morbin,
Vetor Zampadegalo, benchè tondo,
Se cazza in testa de zirar el mondo,

Difati a la metà, credo, de magio,
90Mese per certi istinti predileto,
Co quelo che ghe vol se mete in viagio,
E col pensier de trovar più dileto,
Pien de bizzare idee la fantasia,
Se risolve de andar prima in Turchia.

95L'ariva a Forapopoli, el desmonta
A la nota locanda del Pavero,
La zente de servizio trova pronta,
Ch'esercita el so basso ministero,
Chi descarga i bagagi sul mumento,
100E chi lo mena nel so apartamento.

[p. 148 modifica]


Sicome po anca là se vol saver
Nome, cognome, patria, condizion,
E motivo che ariva el forestier,
Cussì mezz'ora dopo va el paron
105Co la lista normal dove che esati
Esser deve indicai tuti sti dati.

Ligio a le discipline sior dotor
Ghe scrive suso in barbaro toscan:
— Mi son Zampadegalo e son Vetor,
110De domicilio e patria venezian,
Son medico spergirico e qua son,
Ma no so precisar per che rason;

Per altro posso dir che no me move
Senon el desiderio de viagiar,
115E dar nel tempo istesso de le prove
Quanto valente sia nel medicar,
Se per fortuna soa se combinasse
Dove capito mi che i se amalasse.

Go col valor de le ricete mie
120Guario neorisme, tisi polmonari,
Congestion cerebrali, idropisie,
Tifi, maligni, cancari, catari,
E tanti ò risanà che gera stai
Da più colpi centrali incomodai;

125Putei, putele de qualunque età,
Omeni, done, richi, povareti,
Regazze da mario go liberà
Da incomodi insolenti e da difeti,

[p. 149 modifica]

 
E co l'ogio fumante de fornigole
130Go sin fato passar le catorigole. —

El locandier, che za naturalmente
Andando via co la so lista in man
A leser el s'à messo atentamente
La tiritera de quel zarlatan,
135Propaga dapertuto sul mumento
L'arivo fortunà de sto portento.

Venuda a Forapopoli dì fa,
Qualo fusse l'ogeto
Gnancora se lo sa,
140S'aveva butà in leto
La contessa Crestina,
Muger da cinque mesi al conte Naso,
Con una malatia cussì cagnina,
Che no ghe gera caso
145Per quante i ghe ne fasse
Che la se risanasse,
Anzi, acuratamente
Esaminando,
L'andava lentamente
150Pegiorando,
E pareva senz'ombra de gravianza,
Che 'l mal gavesse sede nela panza,
Ma cossa el fusse. e qualo el vero sito,
Gera questo el dificile quesito.

155El zorno drio che al conte ghe ze stà
L'arivo notizià

[p. 150 modifica]

De sto dotor,
Mosso da vero amor
Per so muger,
160Vol sentir un parer,
Far una prova
Se sto novo Esculapio ghe la trova.

Per poder conseguir pronto l'efeto
El ghe scrive un biglieto,
165Dove impenindo tre fazzae del fogio
Nel farghe imenso elogio
A la so inarivabile bravura,
Col resto de la carta,
Che val a dir co la fazzada quarta,
170Lo prega, lo sconzura
In tuta pressa
De voler favorir da la contessa,
Dandoghe la più esata
Informazion de cossa che se trata,
175E come i se trovava in quei paesi
Sposi da cinque mesi,
Da un medico assistii che sarà doto,
Sarà un'arca de scienza,
Ma che da l'aparenza
180Un stolido, un dindioto,
Se lo deve supor,
Vestio come che 'l va bislacamente,
Cossa per un dotor
Poco decente.

[p. 151 modifica]


185Zampadegalo gera ancora in leto
Co i ga portà el biglieto,
E pronto a la chiamata
Urgente del mario,
Dopo averse vestio,
190Dopo aver fata
La solita taoleta
De tre ore,
Dove i lo aspeta
El core;
195E siben la locanda
Fusse da l'amalada
Distante, a farla granda,
Vinti passi de strada,
Nonostante in riflesso a la premura,
200Ma più per un riguardo al so decoro,
El tol sto can da toro
Una vetura.

Ecola bela e pronta,
Eco che drento el monta,
205Ed ecolo smontà
Dove che l'è aspeta;
El va su de la scala,
I ghe va incontro in sala
No ve so dir in quanti,
210Elo camina avanti,
Naso ghe stà dadrio
Co un muso da mario,

[p. 152 modifica]

Che chi ze del mistier
Ghe vede in testa
215El peso d'un pensier
Che lo molesta,
E a mezzodì sonà
Quel gran talento,
Fra l'aplauso e 'l contento,
220Che da chi l'à incontrà
Ghe vien espresso,
Fa el so solene ingresso
Nela camara dove
La povera amalada
225Insina da le nove
A riceverlo gera preparada,
Ossia, megio parlando,
La lo stava aspetando,
Lusingada
230D'esser da sto sapiente risanada.

Senza far complimenti
Con chi ze là presenti,
Subito che l'ariva
Domanda a la signora
235Se la se sente viva,
Se in forze la ze ancora;
Ghe ricerca l'età,
El nome che la ga;
Se prima che sposada
240Se fusse al conte Naso

[p. 153 modifica]

Qualcun per raro caso
L'avesse inamorada;
Se la ga fato fioi,
(Scordandose el biglieto)
245E certi fati soi,
Che a l'omo più indiscreto,
El più imprudente,
No vegnarave in mente.

El medico curante là presente,
250Che no gera minchion,
Sorpreso estremamente,
E co rason,
Nel sentir quela gotica figura
A far de ste domande singolari,
255Che 'l sia deventà mato ga paura,
Nonostante in detaglio e in modi chiari
Sora la malatia, sora la cura
Se mete a dirghe su i particolari,
Concludendo che 'l mal da quanto el vede
260Ga drento de la panza fato sede.

Zampadegalo, senza far comenti
Su la storia del mal,
Nè sui medicamenti,
Ghe dà de l'animal,
265De l'ignorante,
Al medico curante
Co improperie de quele
Da portar via la pele

[p. 154 modifica]

Nel modo el più spietato
270Anca a chi la gavesse de soato,
Stabilindo a dretura
Che 'l l'à precipitada,
Che la medicatura
Ze falada,
275Falada de presenza,
E che ze in conseguenza
Dai rimedi contrari compromessa
La vita de la povera contessa,
Se co la so bravura
280No l'afronta el furor de la natura,
Perchè la malatia.
L'è neta e schieta,
Ze quela brufoloide o discresia,
A la qual va sogeta
285La manza quando el chilo
Per virulenta fasi
Ghe investe el tamburlan del lai sutilo,
La falange sensoria ingombra i vasi
Impedindoghe el mal
290Che la se ingrossa
Se la causa vital
No vien rimossa.
E con pratiche esate
No i ghe rinfresca el late;
295Che ste so osservazion le lo conferma
Un principio narcotico ghe sia

[p. 155 modifica]

Nel muco sanguinario de l'inferma
Da condurla a morir da epizoosia,
Ma che drio la corporea esplorazion,
300Che 'l va a meter in pratica deboto,
Darà senza ecezion
Preciso un voto.

Dopo sta gran salata,
Sta classica parlata,
305Sagio da formar testo in medicina,
Che 'l medico curante à imatonio,
De la malada al leto se avicina,
E con lu se avicina anca el mario);
La osserva atentamente
310Tirando i sporteloni
Senza mai dirghe gnente
Vinti minuti boni
Per veder de inzucarla,
Ossia magnetizzarla,
315E aver in sta maniera
A furia d'esperienze
Indizio se ghe gera
In quele soferenze
Le anomalie che spesso
320Fa martire el bel sesso;
Ma avendo fato tuto
Senza nissun costruto,
Senza nissun efeto,
El cambia de progeto,

[p. 156 modifica]

325E adota i esperimenti,
I esami sempre stai
Da medici valenti
Presenti e esercitai,
Per poder stabilir,
330Che l'amalà,
Se nol ga da morir,
El guarirà;

Sul polso co la dreta
El sona la spineta
335Per esser ben sicuro
Se a caso el fusse duro,
Opur se 'l bate esato,
La lengua ghe ispeziona
Come membro integral per ogni dona,
340E po tuto in un trato
El so gran stetoscopio tira fora,
E co la rechia sora
El ghe lo mete
Dessoto de le piete,
345Per sentir
Se se possa dal palpito nervoso
Un principio morboso
Stabilir
Nele concomitanti pulsazion
350De l'orta, del polmon,
Cuor, coraela,
De la milza, e qualch'altra bagatela;

[p. 157 modifica]

La esamina, la toca,
Stando atento
355Al vario movimento
Dei ochi e de la boca,
E co la riflession,
Co l'importanza,
Che vol la profession,
360Ghe fa in sostanza,
Usando de la massima insistenza,
E dei modi prescriti da la scienza,
Una esata revista
Da gran naturalista
365In ogni sito,
Per poder conseguir qualche profito,
Sinatanto che stufada
Esclamà ga l'amalada:
— Cossa diavolo me falo
370Sior dotor Zampadegalo! —

El mario testimonio a quela festa,
Stando dal leto a debita distanza,
Andava via gratandose la testa,
E fra el giusto timor, fra la speranza,
375Che sto dotor sia un'arca de sapienza,
Diseva a so muger — abi pazienza,
No aver riguardi, no te far paura,
Lassa liberamente che 'l laora,
Che se a colpir l'ariva la natura,
380Semo a cavalo, ti la porti fora,

[p. 158 modifica]

E co le so scientifiche ricete
In pochissimi zorni el te rimete. —

Quando Zampadegalo, che ze esperto,
Se sente intimamente persuaso
385La vera malatia de aver scoverto,
Rivolgendose verso el conte Naso,
El spua tre volte, el se schiarisce, el tosse,
E po ghe dise su ste bele cosse:
Lassando star la zotica ignoranza
390De quel scioco de medico a la cura,
Che 'l calo tol in falo per buganza,
Che un brusco lo supone una rotura,
E tol per una piaga o una cancrena
Quel buso che se ga dadrio la schena;

395Lassando star le massime, i aforismi,
Da Ipocrate e Galeno tramandai,
Che ze secondo mi tanti idiotismi,
Roba che no val giusto i so pecai,
Perchè ogni malatia la sente adesso
400L'epidemico influsso del progresso;

Da le mie patologiche esperienze
Dai scandagi anotomici locali
Sul torace, sul ventre e so adiacenze,
Dai sintomi linfatico carnali,
405Dal moto peristaltico che inquieta
La cresta del polmon su l'ala dreta,
Da le protuberanze elementari,
Che altera el diafragma de l'inferma,

[p. 159 modifica]

Da l'angustia dei vasi vascolari,
410Dove la massa fetida se ferma,
Se intonaca, se incrostala, se indura,
Ribele contumace d'ogni cura,
E urtando co furor la polissena
(Che ze una nova vena
415Tuta de mia invenzion,
Catada fora
Nele grespe dessora
Del setimo faldon
Dadrio la vita,
420Denominà campana)
Ghe investe la membrana,
E ghe la irita,
Mandandoghe in sfacelo
L'elastico edifizio
425A esclusivo servizio
Del cervelo,
Ossia la bocaporta
De l'arteria central,
Co se stropa la qual
430La dona è morta;
Da sti evidenti dati precursori,
Che decompone i umori,
E li sparpagna,
Generando sicura la magagna,
435Ma più dal tristo efeto
Co lento stilicidio ocasionà

[p. 160 modifica]

Da un interno difeto,
Maligno e parassito,
In qualunque sia sito
440Penetrà
Nei tubi mercenari
Dei muscoli lunari,
Imperfezion funesta,
Che se ghe manifesta
445Anca de fora
Nela parte brutal de l'organismo,
Trovo la malatia de la signora
Un fiero virulento isterilismo,
E par po a mio giudizio,
450Basà sora le regole più chiare,
Che 'l mal sia gentilizio;
Gerela forsi sterile so mare? —

Da sto strano complesso de stramboti,
Ma sora tuto da la conclusion,
455Ga podesto capir sina i più idioti,
Che Vetor gera un aseno, un bufon,
E finia la parlata i l'à paga
Come 'l s'à merita,
Anzi, se pol supor, sora la broca,
460Perchè 'l cigava basta a piena boca.

Una prova ze questa fra le tante,
Che no giubila sempre l'ignorante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_consulto_medico&oldid=39216"