Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/159

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


La esamina, la toca,
Stando atento
355Al vario movimento
Dei ochi e de la boca,
E co la riflession,
Co l'importanza,
Che vol la profession,
360Ghe fa in sostanza,
Usando de la massima insistenza,
E dei modi prescriti da la scienza,
Una esata revista
Da gran naturalista
365In ogni sito,
Per poder conseguir qualche profito,
Sinatanto che stufada
Esclamà ga l'amalada:
— Cossa diavolo me falo
370Sior dotor Zampadegalo! —

El mario testimonio a quela festa,
Stando dal leto a debita distanza,
Andava via gratandose la testa,
E fra el giusto timor, fra la speranza,
375Che sto dotor sia un'arca de sapienza,
Diseva a so muger — abi pazienza,
No aver riguardi, no te far paura,
Lassa liberamente che 'l laora,
Che se a colpir l'ariva la natura,
380Semo a cavalo, ti la porti fora,