Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/154

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che chi ze del mistier
Ghe vede in testa
215El peso d'un pensier
Che lo molesta,
E a mezzodì sonà
Quel gran talento,
Fra l'aplauso e 'l contento,
220Che da chi l'à incontrà
Ghe vien espresso,
Fa el so solene ingresso
Nela camara dove
La povera amalada
225Insina da le nove
A riceverlo gera preparada,
Ossia, megio parlando,
La lo stava aspetando,
Lusingada
230D'esser da sto sapiente risanada.

Senza far complimenti
Con chi ze là presenti,
Subito che l'ariva
Domanda a la signora
235Se la se sente viva,
Se in forze la ze ancora;
Ghe ricerca l'età,
El nome che la ga;
Se prima che sposada
240Se fusse al conte Naso

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/154&oldid=64183"