Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/162

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Da un interno difeto,
Maligno e parassito,
In qualunque sia sito
440Penetrà
Nei tubi mercenari
Dei muscoli lunari,
Imperfezion funesta,
Che se ghe manifesta
445Anca de fora
Nela parte brutal de l'organismo,
Trovo la malatia de la signora
Un fiero virulento isterilismo,
E par po a mio giudizio,
450Basà sora le regole più chiare,
Che 'l mal sia gentilizio;
Gerela forsi sterile so mare? —

Da sto strano complesso de stramboti,
Ma sora tuto da la conclusion,
455Ga podesto capir sina i più idioti,
Che Vetor gera un aseno, un bufon,
E finia la parlata i l'à paga
Come 'l s'à merita,
Anzi, se pol supor, sora la broca,
460Perchè 'l cigava basta a piena boca.

Una prova ze questa fra le tante,
Che no giubila sempre l'ignorante.