El papagà (Camillo Nalin)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El papagà
1857-58
←  El consulto medico Edission e fonte ▼ El quadro  →


[p. 161 modifica]
EL PAPAGÀ.


Certa siora Betina,
     Zovene e in conseguenza
     Dal so vechio mario sera e matina
     Esercitada in ati de pazienza,
     5Volendo, povareta,
     Procurarse un'onesta distrazion
     Co qualche ocupazion
     Che la dileta,
     La s'aveva arlevà
     10Un bravo papagà,
     Bravo a tal segno,
     Che da quando gh'è mondo
     No s'à trovà, me impegno,
     El so secondo.
15Un prodigio, una cossa sorprendente,
     Perchè non solamente

[p. 162 modifica]

Esato, pronto e chiaro el pronunciava
In modo che stupiva
Quelo che i ghe insegnava
20E che 'l sentiva,
Ma co una gran bravura
Superando
La lege de natura
Dava de quando in quando
25Da so posta,
Voi dir senza lizion.
Una risposta
A ton;
E se solo el restava
30Sto can no ghe lassava
Un mumento de requie al so gargato,
Ma discorsi el faceva
Confusi che pareva
El volesse imitar qualche avocato;
35Infati un papagà
Che podeva deboto,
Senza oltragio de quei che ghe ne sà,
Aspirar ai congressi come doto,
E apartegnir a vari
40De sti nostri Istituti leterari,
Possedendo i esenziali requisiti
De tanti membri che se trova inscriti.

Più de qualche bravissimo sogeto
Ze restà del prodigio imatonio,

[p. 163 modifica]

45No avendo mai senfio,
Né avendo leto
Fra la strage de autori consultai,
Che la madre natura
Daga dei papagai
50Co una bravura
Cussì eminente e strana
Da far supor che i ga,
Come la specie umana,
E memoria, e inteleto, e volontà.
55Un numero de tose
Se faceva la crose,
Sentindo sto animal
A dirghe tal e qual.
Anca co più bon sesto o più maniera,
60Quel che matina e sera
Ghe da da intender Tizio,
Che infenochia Sempronio,
E imbevue de ignorante pregiudizio
Lo credeva el demonio
65Bon e belo,
Che in forma de un oselo
Co de le strane burle,
Co de le brute scene,
Tentasse de ridurle
70Madalene,
Prima, s'intende za, che la conscienza
Fusse arivada ai dì de penitenza.

[p. 164 modifica]


E più de qualche dona,
Veramente zucona,
75A sentirse un oselo che ghe parla
Col frasario adotà per el bel sesso,
E che nel tempo istesso
Se slonga per becarla,
Scaldandose la testa
80Per moto de natura
Ze corsa via a la presta,
Tremante da paura,
Che in quel'afar ghe sia
Qualche gran strigaria,
85E che nel darghe reta
Ai discorsi imprudenti de culù
La so propria virtù
Se comprometa.

Sto caro papagà
90Siora Betina
Se l'aveva arlevà,
Per consegio de un doto in medicina,
A no magnar che vovo,
E un zorno che i ga dà
95Del cibo novo
Per esperimentar
Se 'l voleva cambiar,
Al colmo indispetio
Do mocoli à tirà de quei sonori,
100Che l'aveva sentio

[p. 165 modifica]

Tante volte a tirar dai servitori,
Dandoghe a tuti quanti
Dei ludri, dei birbanti;
La coa l'à destirà,
105Le pene el s'à irizzà,
El ze montà in furor,
La crozzola à becà,
L'à roto el bevaor,
La slanzà via el magnar,
110El s'à messo a cigar,
E ga mandà in malora
Anca la precetora,
Co improperie de quele
Da portar via la pele,
115De quele da galioto
Assae ben amaestrà,
Che per cavar el goto
La gaveva insegnà,
E che con gusto grando
120(Stranezze del bel sesso)
La ghe andava assae spesso
Ricordando,
Acio che 'l le gavesse
Continuamente impresse,
125Godendose a sentir
El so famoso arlevo ogniqualtrato
Un frasario tegnir
Da baronato;

[p. 166 modifica]

El ga dito più p,
130El ga dito più v,
Più vate a far,
Che a qualunque bu e via
Un omo popolar
No ghe diria.

135Quando po el gera in bona
El gera da magnar.
Se meteva a scherzar
Co la parona
Nel modo che fa tanti
140De sti nostri galanti,
E forsi megio,
Co più bon sesto ancora
De vari vegnui fora
Da un colegio;
145Col beco el la basava,
El ghe tirava i ochi,
E alegro ghe saltava,
Menandose la coa, sora i zenochi;
El gera un vero tomo,
150El ghe diseva suso certe cosse
Come dirave un omo,
Un omo che conosse,
E che ze pratico
Del dialogo che ocore
155Per esserghe simpatico
A tute o a squasi tute le signore;

[p. 167 modifica]

Ela, che tal e qual come un putelo
Se l'aveva co amor ben istruio,
La stava volentiera co l'oselo
160Più assae che col mario,
Che veramente
Gera un lapio deciso, un vero susto,
Un omo in tuti i sensi inconcludente,
Incapace de dar qualunque gusto.

165Sicome po le done tutequante,
E spezialmente quele
Che fa vita galante,
Ga sempre fra de ele,
Ne convince la pratica,
170Qualcuna de antipatica;
E sicome s'à buo da combinar,
Che per un certo afar
De sentimento,
Se crede per el conte Manganelo,
175Che à dà gran argomento
De bordelo
In tuta la contrada,
Betina fusse urtada
Con una certa tal
180El mario de la qual,
Sior Checo Noni,
A casa per andar
Ghe doveva passar
Soto i balconi,

[p. 168 modifica]

185Cussì sta maledeta
Per far una vendeta,
Dopo un studio acanito,
S'a pensa,
De meter a profito
190El papagà,
Nè abadandoghe gnente,
(Giustizia da Pilato)
Che sul disgusto nato
El mario de sta tal fusse inocente,
195Perchè le done co ghe salta el grilo
No le sente più el fren de la prudenza,
No le ghe abada tanto per sutilo,
Nè le sa preveder la conseguenza.

Ferma in sta so intenzion
200Lo coloca pulito
Co la crozzola arente del balcon,
E po se posta in sito
Da non esser scoverta,
Indove stando a l'erta,
205E stando sconta,
La podesse esser pronta
Co sior Checo
Passava per de là
De far che 'l papagà
210Disesse «beco.»

Cussì sucede, e drio co sta filada
Per vinti zorni boni

[p. 169 modifica]

Con esito felice la ze andada,
Finchè sior Checo Noni
215Entra in sospeto
Che a lu fusse direto,
Nè per caso inocente,
Quel epiteto ingrato veramente,
Ma che da qualcheduno
220De casa stuzzegà
A mumento oportuno
Vegnisse 'l papagà,
Un zorno malapena l'à sentio
El beco proferio,
225Se dà una gran zirada
In mezzo de la strada.
E tanto repentina,
E tanto presta,
Da vederghe la testa
230De Betina,
Ch'essendose fidada
Sul fortunato evento
De la pratica usada
Insina quel mumento,
235La s'aveva nel posto
Un poco tropo esposto,
E no la ga podesto
Sconderse tanto presto.

Sior Checo favorio
240Da sto incidente

[p. 170 modifica]

El bergamo à capio
Subitamente,
Ma fingendo da storto
De no aversene acorto
245Con un'aria de scherzo el s'à voltà
Verso del papagà,
Disendoghe — baron,
Capisso, ti me tol per el paron. —

Chi per far una vendeta
250L'inocente no rispeta,
Fala spesso el so progeto
O a pentirse ze costreto.