Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/150

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Sicome po anca là se vol saver
Nome, cognome, patria, condizion,
E motivo che ariva el forestier,
Cussì mezz'ora dopo va el paron
105Co la lista normal dove che esati
Esser deve indicai tuti sti dati.

Ligio a le discipline sior dotor
Ghe scrive suso in barbaro toscan:
— Mi son Zampadegalo e son Vetor,
110De domicilio e patria venezian,
Son medico spergirico e qua son,
Ma no so precisar per che rason;

Per altro posso dir che no me move
Senon el desiderio de viagiar,
115E dar nel tempo istesso de le prove
Quanto valente sia nel medicar,
Se per fortuna soa se combinasse
Dove capito mi che i se amalasse.

Go col valor de le ricete mie
120Guario neorisme, tisi polmonari,
Congestion cerebrali, idropisie,
Tifi, maligni, cancari, catari,
E tanti ò risanà che gera stai
Da più colpi centrali incomodai;

125Putei, putele de qualunque età,
Omeni, done, richi, povareti,
Regazze da mario go liberà
Da incomodi insolenti e da difeti,