Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/155

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Qualcun per raro caso
L'avesse inamorada;
Se la ga fato fioi,
(Scordandose el biglieto)
245E certi fati soi,
Che a l'omo più indiscreto,
El più imprudente,
No vegnarave in mente.

El medico curante là presente,
250Che no gera minchion,
Sorpreso estremamente,
E co rason,
Nel sentir quela gotica figura
A far de ste domande singolari,
255Che 'l sia deventà mato ga paura,
Nonostante in detaglio e in modi chiari
Sora la malatia, sora la cura
Se mete a dirghe su i particolari,
Concludendo che 'l mal da quanto el vede
260Ga drento de la panza fato sede.

Zampadegalo, senza far comenti
Su la storia del mal,
Nè sui medicamenti,
Ghe dà de l'animal,
265De l'ignorante,
Al medico curante
Co improperie de quele
Da portar via la pele