Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/151

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


 
E co l'ogio fumante de fornigole
130Go sin fato passar le catorigole. —

El locandier, che za naturalmente
Andando via co la so lista in man
A leser el s'à messo atentamente
La tiritera de quel zarlatan,
135Propaga dapertuto sul mumento
L'arivo fortunà de sto portento.

Venuda a Forapopoli dì fa,
Qualo fusse l'ogeto
Gnancora se lo sa,
140S'aveva butà in leto
La contessa Crestina,
Muger da cinque mesi al conte Naso,
Con una malatia cussì cagnina,
Che no ghe gera caso
145Per quante i ghe ne fasse
Che la se risanasse,
Anzi, acuratamente
Esaminando,
L'andava lentamente
150Pegiorando,
E pareva senz'ombra de gravianza,
Che 'l mal gavesse sede nela panza,
Ma cossa el fusse. e qualo el vero sito,
Gera questo el dificile quesito.

155El zorno drio che al conte ghe ze stà
L'arivo notizià