Sonetto in desperation, con el comento

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Sonetto in desperation, con el comento
1557
← Canzoni Edission e fonte ▼ Sonetto de contrarietae, con el comento  →
[p. 88 modifica]
SONETTO IN DESPERATION,
CON EL COMENTO.


Palvi pieni de tosse, e de ragassi,
     Lagreme, che sbaxisse tutto'l pesce,
     Spuasse, che i canali sgionfa, e cresse.
     Suspiri, che resveia albori, e fassi.
Suori, che arcoierave i fassi,
     Dolori, che la vita me recresse,
     Tremassi, che me fa trar mille veffe,
     Affanni, che i piombini me tien bassi.
Cognosso da che vien ste missianze,
     E vedo che'l caligo m'ha tochao,
     Che son pi zalo, che n'è le naranze.
Che poss'io si me trovo desfrassao?
     E che d'instae me vegna le buganze,
     Causa, perche son vecchio inamorao.


In tel precedente Sonetto el Poeta con dolce lamentation fa una digression del prencipio del so amor, azonto cusi all'improviso in t'una etae debele, E puo anche in donna troppo alta, alla so condition. E per piu intelligentia, trovandose el Poeta al manizo de le valle, e di cogholi de ste lagune Hadriatiche, a caso passando co la so pescaressa da Palestina via, viste una Donzella bellitiss. fia del Governaor de le Pantiere da le Bebe, che giera vegnua a visitar una so parente. Donde, che stalando la barchetta, ofuscao da luser di so occhi, e volendoghe oferir qualche bel pesce, subito la ghe voltè le spalle scampando via, ni piu tutto quel zorno el Poeta la posse veder, delche tornao alla so peschiera, e vale tegnua sul confin de Loreo, investigando de la donna, vede per vera scientia, che la impresa ze troppo difficile, e [p. 89 modifica]spaurosa a i so anni. Onde'l pover'homo, vento dal martello, e sbattuo dal pensar, e dessechao dall'apetito, e puo per l'andar de notte se sfredì bestialmente. Donde che'l scomenzete a patir, come carne frazile, e tornao no podando pi sopportar le frezze cupidinesche, volse per qualche via esalar, sfogar, e anichilar tanta smania, che'l feva andar cusi remengo, e vagabondo, no sperando mai de haver niente del premio del so amor tanto appetaizzo; attento che la giera sta promessa per muier a un da Buran homo fastidioso, e de mala natura; Ita che piu de zorno in zorno la volontae cresceva, e sorabondava alla timida so complension, e la vertue natural mancando l'indebelì de sorte, che per l'estremo marturio, e per la scalmana, che de continuo ghe bogiva in le viscere, no n'è liogo in sto circuito Ducal, che no alda, e che no participa, e che no patissa per causa de sta so desgratia, ho volemo dir ignorantesco poco antiveder; niente de manco el Poeta no n'è tanto soffegao in tel fumo amoroso, che'l no cognossa el so ben, el so mal; ma (co dise'l Petrarca) Lasso el ducato, e al bagatin m'afferro; per tanto tolto el so bizzacho a luze de canelle su un costrao, de mezo, scrive in che condition el se trova, daspuo che'l sa lagao piar a fossina, prencipiando a dir, che per la prima impresa el s'ha scomenzao a malar si fortemente, che'l no n'ha mai un reposso.


Palvi pieni de tosse, e de ragassi,
     Lagreme, che sbaxisse tutto'l pesce,
     Spuasse, che i canali sgionfa, e cresse
     Suspiri, che resveia albori, e sassi.


El Poeta afflitto per l'inquerir de la so Donna da strahore, e tal [p. 90 modifica]fiae bagnao da la piozza commemora, e se lamenta, digando contra di Palui vesini alle Valle che daspuo che'l xe incozzao in la treziola Venerea l'ha piao tanto sferdimento, che'l no xe Velma, Ghebo, Cogholo, Peschiera che no sia piena de tosse, la qual veramente ressona, e masime voiando andar cauto alla bruna, come l'Eco de le caverne, Ita che'l s'ha impio de intonantia tutto sto contorno, e perche da la tosse depende i ragassi, el Poeta dixe anche, che in ogni momento spento da la stretura del petto giera forza a smaltir quela superfluitae corporal, de qualitae, che oltra el fastidio del intonar della tosse, l'ha anchora racamao per tutto dove che'l negotiava, talmente, che'l se iudica, che le maxenete sia de quei ragassi, per che da l'humor de le acque le puol haverse indurio, e cressuo le gambe (come recita Plinio) che'l lion nasce un pezzo de carne simplice, o cusi l'orso, e dal tanto fiao, che ghe da el pare, e la mare, vien aspontar in cao de certi zorni tutti li so membri. Seguita el Poeta, che pensando alla bellezza de la so donna sempre dì, e notte restava mai da pianzer, eo massima, che i vecchi ha parichiao sempre do fontane in tel cerebro, e cusi pianzando el so cattivo, e mal tessuo destin, aghitando le ree, e conzando i lisini abondantemente ghe pissolava da i occhi ladgreme tanto fogose, e amare, che subito cho le giera arivae in acqua, le sbasiva tutto'l pesce; E questo per cason de la crudeltae, che al povero brighente ghe veniva usao, che pur almanco si la ghe havesse fatto un cignetto alliegro, el no sarave [p. 91 modifica]cazuo in cusi foffià desperation; onde che'l va digando drio, che per la passion, e imbastia che sempre el tien inliquidao dal tanto spuar, non ostante l'ingraviar de ste nostre acque da i fiumi propinqui, dal superfluo, e abondante humor, oltra e'l corso de Nettuno; l'è causa per le tante spuazze, che i canali vien piu alti del solito, e de l'ordenario, certamente cossa d'haverghe gran compassion al stentatissimo Poeta, el qual oltra le sopraditte adversitae habbiando sulpio, e sigillao, e instagnao in mezzo el cuor Madonna; dixe che'l treva si fatti, e terribeli suspiri, e susti, donde che l'andava, che da la piatae se resveiava i albori, e i sassi, perche anche lori fu creature (cho dise missier Ovidio) e per inamorarse da murloni, de sensibili, e rationali i fu fatti materiali, e insensibeli; tamen da la gran commiseration del Poeta resveiandose dal so cusi longo sonno, ghe feva compagnia participando in eodem genere del so deslanegao brusor amoroso; dove che tra el sfreddimento, e tra la tosse, e'l spuar, e tanti suspiri infiammao vegniva a suar tanto liquor, che a stalandose in barca, o in terra besognava con la sessola sunar el suor da dosso; Ita chel Poeta dixe in questi altri quatro versi, che'l ghe sorabondava tanto, che'l se haverave podesto sunar cho se fa i fassi de paia in tei cortivi di vilani.


Suori, che se arcoierave i sassi,
     Dolori, che la vita me recresse,
     Tremazzi, che me fa trar mille vesse,
     Affanni, che i piombini me tien bassi.


Spesse volte le passion fa vegnir tal angonia, che la natura no [p. 92 modifica]le puol comportar, e tanto trovandose el desdolao Poeta chon arme tenere a cusi gran assalto, però tutto da cao a i pie de momento; In accidens considerando una si magnifica prospettiva le vene slargandose, premeva tanto humido, che si ben dixe'l Poeta che i giera fuori; niente de manco, tutto in t'un attimo se conzelava, e questo per che usciva fuora in tra carne e pele, sustantia cordial, donde no n'è maravegia, se'l se haverave podesto arcogier a brancae, e a fassi; Seguita digando, che per depenientia de ste tante so tribulation, ghe veune tanti dolori, che'l no podeva requiar, taliter che l'haveva perduo el cibo, e che'l sia el vero, dixe'l Poeta, che la vita ghe recresse, trovandose abbandonao da Madonna, tutto bastonao da i supplitij Venerei indebelio, chiama la morte per ultimo reffrigerio, ni vuol piu viver in sti tormenti, e cusi pien de aversitae, dixe'l desnuao Poeta, che'l ghe saltete i tremazzi inversiandoghe l'interior, e metandoghe sottosora el resto di membri, talmente, che al contrario de le altre malattie, che no se puol tegnir l'orina, e lu no podeva per modo algun strenzer la cana posterior, che de angossa anche essa no se lamentasse, scrochando ventositae pianziota, e inrochia, deva gran spasemo al Poeta, che l'anima insieme, no se ne accorzando ghe scampasse, e stando in sta malinconia, dixe'l Poeta, che trovandose cargao, e circondao da tanti cattivi nemizi, ghe venne affanni per tutta la vita de si fatta sorte, che toccandose al liogo de la monition a malastente giera un segno de vergha, e i testicoli fiappij, tirai a revetene; steva tutti de mala voia; ma el Poeta per più honestae ghe da nome [p. 93 modifica]de piombini, acomparandoi a la rede, che si ben la xe circondà da i Suri, niente de manco, un puoco'l piombo la tira a fondi; ma el Poeta prudentissimamente parlando in methaphora, ghe da nome de piombini, e puo va drio a digando al fin conquassao, strussiao, e mal menao per vigor de sto so inamoramento, ghe sbalette un puoco quei accidenti furiosi, donde che tornao in si in questi tre versi seguenti dise.


Cognosso da che vien ste misianze.
     E vedo che'l caligo m'ha tocao,
     Che son pi zalo, che n'è le naranze.


Continua el misero Poeta, siando in tel so bon cervello, e dise che'l cognosce de vera scientia, da che vien tutti quei ardori, passion, tremazzi, affanni, dolori, & c. E per no parer prolisso el le chiama misianze amorose, subintel ligitur per i versi de sora, per no star a specificar tante sorte de travagi, dixe anche, che'l caligo l'ha tocao, perche andando su l'imbrunir, continuamente fra quei paltani, sia da che tempo se vogia se trova calighi grandissimi, e fosco, e niole terribele, e si no fosse i boni vini, e tante spetie che i mette in tei bruetti i Valesani no porave viver, E per tanto con maurissimo intelletto, el Poeta dixe, che per voler andar super loco a far reverentia a la colomba ha piao si fattamente de quella humiditae, che la ghe intrao in fina in le meole, e voiando la natura cazzar fuora simel poltronaria, no giera capace da si, ma converso quel humor, reverberao da quei odori fangheschi, vene tutto zalo, perche (cho afferma i notomisti) la carne dell'huomo è proprio cho xe la sponza, e perche ghe sia dao credulitae, che veramente el se trova a [p. 94 modifica]mala condition, el fa parangon, no trovando altro in quel instante che la so zalura è più scura che no xe le naranze, che passa anchora el vero zalo, che xe'l citron; volendo el Poeta espedirse de dir tutto el so anemo, restrenzandose in tel bozzolo de la rason visis videndi, e mesurando tutte quelle cosse che recerca in sta so giostra; dixe in sti ultimi terzetti, che'l no puol far altro si tutto (co esplora el savio) piove da le bande de sora.


Che poss'io si me trovo desfrassao?
     E che d'instae me vegna le buganze,
     Causa, perche son vecchio inamorao.


El Poeta revolzendo la mente alle cose, che cotidie temporibus intravien a le creature, colpa de chi la xe, e no podando ni tirarse in drio, ni suspender la impresa, ni haver pur un tantolin de favor, che l'invidasse a proseguirla, come quel che ha visto diversi libri de antighi, e moderni, che se ha trovao anche in pezor termene; dove che anche lu al tandem se conforta (allegando quelle belle parole) che le un solazzo de quei che habbia habuo un schiaffo, e rasonar con altri che sia sta cargai de mustazzoni, e dixe al mondo, che poss'io, si me trovo desfrassao? idest a mo una fassina, che xe desligà le strope, che tutti i legni va chi in quà, e chi in là, e a quella condition ghe par da esser, che tutto el so corbame corporeo, e anche estrinseco crudelmente strapazzao, e mal menao, l'è romaso desmembrao, zoe che tutte le conzonture, e le cosse unie a un, se ha despetao, e oltra de questo asiando d'instae, ghe sia vegnuo le buganze, cossa fuora de ordene per tal muodo, e vie, el bon Poeta humelmente tollera, [p. 95 modifica]soffrisse, come agnello mansueto, no podando contradir a' la so mala ventura, che in fina per piu despetto la sorte gha mandao le buganze a tempi calidi, e per far che mo, azzo che si ben el fosse vario da tutte le altre circonstantie el no se possa caizar, e andar a saludar la so donna, ma stagando in barca, o in Vale sotto'l cason, vegna furiosamente asaltao da le squadre de martelli, con darghe tal colpo, che no n'è possibele a resister; hora ben, havendo fatto el sfortunao Poeta, sta so minuta, e sto calculo; e sta so revision amorosa, vuol dar fin al Sonetto con iusta, e sapiente sententia, e dise che'l ghe sta ben, e meritamente ogni disciplina, e ogni infermitae, attento, che da le cause vien i effetti; videlicet, che'l se xe andao a inamorar in t'una etae decrepita, descressua, dessavia, e con puoca virilitae, inanci trovarse tutto pelegate, che ogni minimo straccolo, che se patisse, el se deventa spalliere de sagrai, talmente, che volontario el piaxevole Poeta se sottomette a ogni censura, come quel che'l so stomego no ghe comporta ha volerse inamorar de ottanta anni, lagando andar de mal, barche, ree, canestri, fossine, grisiole, e impoverirse, per non attender a piar del pesce; e de san, e gaiardo, segondo la so etae, deventar pezo, che un paralitico, e anche esser mostrao a deo da le brigae, con far historie del so poco governo, e saver; pur no n'è tanto da incolpar el Poeta; perche con la bocca el confessa el so error de andarse a innamorar in vecchiezza, ruzzene, lagremoso, crevao, in cusi galante fia, e de mior grao cha lu; pur omnia rapuit Amor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sonetto_in_desperation,_con_el_comento&oldid=56124"