Pagina:Rime pescatorie.djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


cazuo in cusi foffià desperation; onde che'l va digando drio, che per la passion, e imbastia che sempre el tien inliquidao dal tanto spuar, non ostante l'ingraviar de ste nostre acque da i fiumi propinqui, dal superfluo, e abondante humor, oltra e'l corso de Nettuno; l'è causa per le tante spuazze, che i canali vien piu alti del solito, e de l'ordenario, certamente cossa d'haverghe gran compassion al stentatissimo Poeta, el qual oltra le sopraditte adversitae habbiando sulpio, e sigillao, e instagnao in mezzo el cuor Madonna; dixe che'l treva si fatti, e terribeli suspiri, e susti, donde che l'andava, che da la piatae se resveiava i albori, e i sassi, perche anche lori fu creature (cho dise missier Ovidio) e per inamorarse da murloni, de sensibili, e rationali i fu fatti materiali, e insensibeli; tamen da la gran commiseration del Poeta resveiandose dal so cusi longo sonno, ghe feva compagnia participando in eodem genere del so deslanegao brusor amoroso; dove che tra el sfreddimento, e tra la tosse, e'l spuar, e tanti suspiri infiammao vegniva a suar tanto liquor, che a stalandose in barca, o in terra besognava con la sessola sunar el suor da dosso; Ita chel Poeta dixe in questi altri quatro versi, che'l ghe sorabondava tanto, che'l se haverave podesto sunar cho se fa i fassi de paia in tei cortivi di vilani.


Suori, che se arcoierave i sassi,
     Dolori, che la vita me recresse,
     Tremazzi, che me fa trar mille vesse,
     Affanni, che i piombini me tien bassi.


Spesse volte le passion fa vegnir tal angonia, che la natura no

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/91&oldid=56113"