Pagina:Rime pescatorie.djvu/90

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


fiae bagnao da la piozza commemora, e se lamenta, digando contra di Palui vesini alle Valle che daspuo che'l xe incozzao in la treziola Venerea l'ha piao tanto sferdimento, che'l no xe Velma, Ghebo, Cogholo, Peschiera che no sia piena de tosse, la qual veramente ressona, e masime voiando andar cauto alla bruna, come l'Eco de le caverne, Ita che'l s'ha impio de intonantia tutto sto contorno, e perche da la tosse depende i ragassi, el Poeta dixe anche, che in ogni momento spento da la stretura del petto giera forza a smaltir quela superfluitae corporal, de qualitae, che oltra el fastidio del intonar della tosse, l'ha anchora racamao per tutto dove che'l negotiava, talmente, che'l se iudica, che le maxenete sia de quei ragassi, per che da l'humor de le acque le puol haverse indurio, e cressuo le gambe (come recita Plinio) che'l lion nasce un pezzo de carne simplice, o cusi l'orso, e dal tanto fiao, che ghe da el pare, e la mare, vien aspontar in cao de certi zorni tutti li so membri. Seguita el Poeta, che pensando alla bellezza de la so donna sempre dì, e notte restava mai da pianzer, eo massima, che i vecchi ha parichiao sempre do fontane in tel cerebro, e cusi pianzando el so cattivo, e mal tessuo destin, aghitando le ree, e conzando i lisini abondantemente ghe pissolava da i occhi ladgreme tanto fogose, e amare, che subito cho le giera arivae in acqua, le sbasiva tutto'l pesce; E questo per cason de la crudeltae, che al povero brighente ghe veniva usao, che pur almanco si la ghe havesse fatto un cignetto alliegro, el no sarave

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/90&oldid=56112"