Pagina:Rime pescatorie.djvu/93

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


de piombini, acomparandoi a la rede, che si ben la xe circondà da i Suri, niente de manco, un puoco'l piombo la tira a fondi; ma el Poeta prudentissimamente parlando in methaphora, ghe da nome de piombini, e puo va drio a digando al fin conquassao, strussiao, e mal menao per vigor de sto so inamoramento, ghe sbalette un puoco quei accidenti furiosi, donde che tornao in si in questi tre versi seguenti dise.


Cognosso da che vien ste misianze.
     E vedo che'l caligo m'ha tocao,
     Che son pi zalo, che n'è le naranze.


Continua el misero Poeta, siando in tel so bon cervello, e dise che'l cognosce de vera scientia, da che vien tutti quei ardori, passion, tremazzi, affanni, dolori, & c. E per no parer prolisso el le chiama misianze amorose, subintel ligitur per i versi de sora, per no star a specificar tante sorte de travagi, dixe anche, che'l caligo l'ha tocao, perche andando su l'imbrunir, continuamente fra quei paltani, sia da che tempo se vogia se trova calighi grandissimi, e fosco, e niole terribele, e si no fosse i boni vini, e tante spetie che i mette in tei bruetti i Valesani no porave viver, E per tanto con maurissimo intelletto, el Poeta dixe, che per voler andar super loco a far reverentia a la colomba ha piao si fattamente de quella humiditae, che la ghe intrao in fina in le meole, e voiando la natura cazzar fuora simel poltronaria, no giera capace da si, ma converso quel humor, reverberao da quei odori fangheschi, vene tutto zalo, perche (cho afferma i notomisti) la carne dell'huomo è proprio cho xe la sponza, e perche ghe sia dao credulitae, che veramente el se trova a

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/93&oldid=56118"