Pagina:Rime pescatorie.djvu/94

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


mala condition, el fa parangon, no trovando altro in quel instante che la so zalura è più scura che no xe le naranze, che passa anchora el vero zalo, che xe'l citron; volendo el Poeta espedirse de dir tutto el so anemo, restrenzandose in tel bozzolo de la rason visis videndi, e mesurando tutte quelle cosse che recerca in sta so giostra; dixe in sti ultimi terzetti, che'l no puol far altro si tutto (co esplora el savio) piove da le bande de sora.


Che poss'io si me trovo desfrassao?
     E che d'instae me vegna le buganze,
     Causa, perche son vecchio inamorao.


El Poeta revolzendo la mente alle cose, che cotidie temporibus intravien a le creature, colpa de chi la xe, e no podando ni tirarse in drio, ni suspender la impresa, ni haver pur un tantolin de favor, che l'invidasse a proseguirla, come quel che ha visto diversi libri de antighi, e moderni, che se ha trovao anche in pezor termene; dove che anche lu al tandem se conforta (allegando quelle belle parole) che le un solazzo de quei che habbia habuo un schiaffo, e rasonar con altri che sia sta cargai de mustazzoni, e dixe al mondo, che poss'io, si me trovo desfrassao? idest a mo una fassina, che xe desligà le strope, che tutti i legni va chi in quà, e chi in là, e a quella condition ghe par da esser, che tutto el so corbame corporeo, e anche estrinseco crudelmente strapazzao, e mal menao, l'è romaso desmembrao, zoe che tutte le conzonture, e le cosse unie a un, se ha despetao, e oltra de questo asiando d'instae, ghe sia vegnuo le buganze, cossa fuora de ordene per tal muodo, e vie, el bon Poeta humelmente tollera,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/94&oldid=56120"