Sonetto de contrarietae, con el comento

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Sonetto de contrarietae, con el comento
1557
←  Sonetto in desperation, con el comento Edission e fonte ▼
[p. 96 modifica]
SONETTO DE CONTRARIETAE,
CON EL COMENTO.


Paxe no trovo, che'l pan me fa verra,
     E me pelo da fame, e si no magno,
     Ho calze bone, e si mostro un calcagno,
     E volo col cervello sotto terra?
Tal me crede a piar, che no m'afferra,
     Nuo in paltan, e in acqua no me bagno,
     Ston debele su i pie, ni vogio scagno,
     Son in preson, e i zaffi no me serra,
Son vivo, tamen son in l'altro mondo,
     Vedo senz'occhi, no ho lengua, e crio,
     Son in forno agiazzao, pianzando rido.
Amo chi lioga el so, buto via'l mio,
     E credo à tutti, e de mi no m'infido,
     E cerco'l Sol, e de zorno me scondo
                         Pio grue a san Segondo,
Son frate, son dottor, e son soldao,
     Dormo, e camino, e canto adolorao,
                         Son spauroso armao,
Ho cinque denti, e fuzo le panae,
     Son propio l'un baston fra le do spae.


Trovandose el stracco Poeta tutto confuso, per mille accidenti, sovrazonti in t'una settemana; talmente che lassao el pescar, reduto alle so pantiere, in Iesolo, assaltao da le scaramuzze mondane, in descendentia de vigorositae, cognossando con la prospicacitae de le raise, intellettive; e puo anche per el so studiar, e graviss. natural esser cosse, che besogna gran repari, eo maxime à chi no n'è pi ponesse, bizaramente tolto un pezzo de carbon de grizzolo scrisse'l presente Son. per mostrar i cagasangui, [p. 97 modifica]che tien in ganzega le pereone, con farli saltar de, palo in pertega, cho si se fosse tante zuete? niente de manco chi fuze'l pugno, no scapela el baston; zoe chi scampa da no imbratarse in tei traffegamenti terreni in zoventue, à pezor condition se trova puo in vechiezza, e chel sia la veritae, el Poeta lassao cusi bella arte del pescar, spontignao dalle bizarie, se cognosse esser squasi deventao ganzante de varij colori, ho per dir meio un Camaleonte, cho afferma Plinio, che segondo el pano, chel se mete suso, tal devisa el par, e à sta condicion se trova el liquido Poeta desquadernao, e si ghe par de esser un pezzo in Levante, l'altro in Ponente, l'altro in mezzo dì, l'altro in tramontana, conquassao da i elementi, e dalla Fortuna, e da le sorte, e anche qualche volta suffragao dalla ventura e dalla prosperitae, pur el so principio scomenza molto fastidioso digando cusi.


Paxe no trovo, che'l pan me fa verra.


El Poeta in sto primo verso mostra trovarse in gran calamitae, chel no trova requie, attento chel pan ghe fa verra, zoe, che trovandose senza, danari, e con spesa, assaltao da carestia, no puol resister el meschin, ni sa trovar remedio da far paxe con el pan, si la carestia no contenta, tamen par chel no se conturba, anzi constantinissimo dixe.


E me pelo da fame, e si no magno.


Vuol dir con tutto chel sia affamao, e che l'appetitto ghe fazza paura, el nu vuol nianche manzar, questo perche trovandosse in costumacia con la so donna pien de pensieri, destanlentao no po [p. 98 modifica]deva haver un reposso, talmente che si ben l'haveva fame, el ghe scampaba la voia, e si no la temeva; perche assae volte intravien, che un contrario cazza l'altro, va seguitando puo in sto verso, che non ostante sti primi travaggi, ghe nasse cossa mazor.


O calze bone, e si mostro un calcagno,


Dixe'l melifluo Poeta che forsi a qualch'un ghe parerhave da stranio, che l'havesse bone calze, e mostrar un calcagno spesse fiae, chi no varda le so cosse le va de mal el bon brighente havendose fatte un per de calze paonazze alla martingala, e voiando saltar in pescaressa se bagnette tutti do i pie, dove, che voiando sugar le calze, la notte un sorze assedao ghe roseghette tutto el scapin, in fna la cavecchia; Ita che per no andar descalzo scovene metersele a quel muodo, de qualitae desperao scrive, che l'ha ben calze niove; ma el mostra i calcagni per respetto de sta so desgratia, dove che con la mente zavariando, disse chel vola, chel corre, chel camina; al contrario del Petrarca che andava con el pensier chaveva le ale infina in cielo.


E volo col cervello sotto terra.


Se fa intender el fantastico Poeta, chel col cervello spento dalla rabbia, andava volando, pezo che no fa le foleghe in tei canei, per sotto terra, tra quelle altre sorte de zente, perche in tutto el no vuol el Poeta parer fuora de sentimento, che l'andasse dove sta i rospi, e le topinere; ma infra altre creature, per passarse, la stizza chel premeva da ste so fortune, pur con tutte ste adversitae el no se vuol perder de anemo, co.uc [p. 99 modifica]come per sto verso se intenderà.


Tal me crede à piar, che no m'afferra.


El Poeta ben impastao, e pien d'antiveder, fa sto presente verso; con darghe do sensi, e dixe tal'un me crede intender, e si se radega, perche mi solo so zo che voio dir; l'altro la mia donna si crede a piarme a stracho, con farme bruto viso; tamen considerando sta so ingratitudine, e mi ston pi duro, cha un malmoro, una incolorao, e l'altra per parer pur che à qualche tempo sia homo.


Nuo in paltan, e in acqua no me bagno.


El teneriss. Poeta, mostra in ste parole, che l'è tanto ben complessionao, e forte de natura, chel nua in paltan, zoe slicega, cho fa le anguille, la veritae si è questa, che pensando cho fa tutti i inamorai suspettosi, che la donna fosse andà a star in berta a una peschiera d'una vale so vesina giera l'acqua bassa, e fango tenero, ghe vene vogia d'andar per desotto de le grisiole via, e tanto, e con le man, e cho i pie el se aidete chel passà, e no trovete niente, in sto mezo l'acqua crescete, e voiando pur veder el fin, dove che la giera per no esser cognossuo tolse un per de ree in spalla, e fense d'andar a butarle vestio pur con un per de vuose, idest stivaloni, che nol bagna va infina a i zenocchi, si chel Poeta parlando in parabola va drio al so desegno a digando.


Ston debele su i pie ni voio scagno,


Dixe'l fruao Poeta, che non ostante chel giera stracco mai el se volse repossar; perche chi ha martello, e grinta, vol al tutto veder el compimento del so desiderio, e tanto piu che tutte le persecution a un [p. 100 modifica]tempo ghe vegniva adosso, pur scrimiamdose da relation del so vigoroso anemo, come per st'altro verso se vede chiaramente, oculata fide.


Son in preson, e i zaffi no me serra.


El studioso, e integerimo, e ben nudrigao Poeta, mostra che con arteficio el se governa, parlando securamente, che l'è in preson d'Amor, no de haver fatto giotonarie, e s'il mondo, n'il vulgo nol serra, e no ghe deveda chel no se contenta, e per antiphrasin parlando, che si ben madonna el tien un puocheto separao, fagando divortio continuamente, volontario el se fa so preson; e per questo el favela, che nissun no l'astrenze, perche l'è schiavo, e libero cho ghe piaxe a lu, si come creatura humana, benche in ti sussequenti versi, el para chel sia fuora de si; ma el Poeta beschizzando vuol che se veda miseria di homeni, garbelai da le desgratie.


Son vivo, tamen son in l'altro mondo.


A notitia de ste parole, è da saver, che quando le pensone xe sbatue da i travaggi mondani, se ben i maza, e che i dorme, e che i camina ghe par da esser fuora de si, come in t'un altro paise, per questo dixe'l Poeta, che si hen vivo, ghe par trovarse in tun'altro aiare; tamen ofuscao dal so infortunio, perzò el no perde'l sentimento.


Vedo senz'occhi, no n'ho lengua, e crio.


O quanti xe, che a siando orbi vede da lontan, per tanto el mauro Poeta, che a siando imbertonao el no ha occhi da veder el so defetto, che è bruta cossa à un homo, da ben, perderse drio un pezzo [p. 101 modifica]de carne d'una femena, donde se scovien taxer ogni arlasso, e ogni inganno fattoghe, e soffrir per no hauer pezo; ma siando puo solo criar, lamentase, dolerse de la so puersa fortuna, come destinao, e sottoposto a i comandi celesti, chel sa volzer contra so muodo alla volontae guida di pensieri.


Son in forno agiazzao, pianzando rido.


A confermatio delle cosse antedite, e alegae; el zonze, anchora el poeta trovarse agiazzao, timoroso in tel forno d'amor, e no n'è dubbio, che i amanti tutti xe pieni de fiamma d'ardor, e de fuogo; ma veramente puo puo dagn'hora i xe fredi in saver dir le so rason, ni domandar aiuto a chi ghe porave dar soccorso in tun attino; per tanto sto verso el seguita la so intention.


Amo chi lioga el so, buto via'l mio.


L'ascorto Poeta, è tutto adornao de puritae, dixe che vol ben a chi se sa governar con prudentia, e no matescamente, como esso che s'ha butao alla zaffa, per esser un'homo qualificao, e morigerao, e honorao tra i altri so consaguinei, e stracargo de amaistramenti; ma chi no n'è sta acchiapai da sto vischio, e da i rampegogni Venerei; però el salvio Torcellan lassete in testamento ste parole; che mai nissun ze puovero, chi sa cavalcar la ventura, dove beao è colù, che se nassuo sotto Luna cresente, pur mai el no n'ha restao el grizzolo Poeta da mostrar a totus orbem sempre la so bontae, come per sto verso s'intende.


E credo à tutti, e de mi no m'infido,


Dixel saoro Poeta, che [p. 102 modifica]l'è tanto gravio d'amorevolezza, e benivolentia, e dolce de cuor, che'l crede zo l'alde, e zo che ghe vien dito, e conseiao, tamen el no s'infida in lo proprio; perche cho dixe el Statuto in causa soa medema, besogna tior un'Avocato; perche la passion no lagherave dir ben el fatto so, si che el no s'infida d'usar parole in so deffesa, e anche per reprender chi l'offende; perche l'è certo che chi ama teme, e temando adonca el no se puol infidar del so anemo, e chel sia el vero, el deslanegao poeta voiando una cossa el ghe va drio, ma cauto, azzo che no g'intravegna stracollo.


E cerco el Sol, e de zorno me scondo.


Se vede con quanto contrapeso el Poeta scrive a che condition el se trova, che voiando inquerir della so donna sotto nome del Sol, el se va scondando da le cattive lengue, e dalle triste creature, che no ghe ruina la so cusi longa fabrica del so inamoramento: perzo el zorno el sta quieto, e de notte puo el va per poder daspuo el so affannoso martirio conseguir tranquila paxe; perche siando in bona con madonna del resto ogni cossa ghe parerave lezeriss. ma pur sempre el sta in motto col cervello digando.


Pio grue à san Segondo.


Vol che s'intenda el stangalin Poeta, che inversiao da le cosse de sora l'andava a chimerizando de cattar qualche reposso, ma in vanum laboraverunt, perche cusi cho no se pia grue a San Segondo per esser troppo liogo frequentao da i viandanti, cusi versa vice el no trova remedio al saldar de le so piaghe crudelissime che'l lacera, e chel bastona fina drento le raixe de le meole continuamente, anchora chel Poeta fruaiss. in le lettere, se [p. 103 modifica]cognosce participar de diverse cosse.


Son frate, son dottor, e son soldao
Dormo, e camino, e canto adolorao.


La causa è questa che fa vagar con la memoria el troppo saver, perche'l Poeta da bon buelo dise che l'è frate, idest continente, e che l'è anche dottor, zoe chel sa zo che porta i andari, terreni, come bon sapiente, l'è può ancora soldao, intendendo, gaiardo, forte, a sustegnir ogni fadiga, e repararse quando besogna virilmente, e si ben el par forsi a la zente chel dorma, e lu col spirito camina, dove piu el desiderio l'offende, donde che tal volta per sfuogar, e passar qualche affanno, si ben l'è sbatuo, e strusciao, e lu canta per no incorer a deventar matto (cho dixe el Petrarca) chel cantava, e sonava, per scanzelar qualche onza del so dolor, pur drento di meati el giera timido a mo un lieuro la veritae se intenderà più diffusamente in sto mezzo versetto.


Son spauroso, armao.


El schitoloso Poeta dixe che l'è spauroso da tanti spontignoni che ghe sa presenta davanti, ancora chel sia armao de patientia ma no miga de armadure de ferro, perche mai in so vita el portete altro cha el so cortelo da taiarse'l pan, e revera le armadure de un savio si è la prudentia, la continentia, e la eloquentia, se no el vien tegnuo da un discolo, e che l'habbia puoca robba sotto la bareta, niente de manco sustentando le so rason arguisse, che con tutto chel sia vecchio l'è tanto ben complessionao da la natura, chel vuol esser gran impazzi che ghe vegna chel se voia atterrar, e dar bona capara del fatto so, in sto fin del Sonetto. [p. 104 modifica]


Ho cinque denti, e fuzo le panae,
Son proprio l'un baston fra le do spae.


El valoroso, e ben contesto Poeta afferma che l'è homo daspuo, ante desgatie, e fortune, contrarietae chel no stima niente, anci chel no n'ha si no cinque denti in bocca, e si no vuol per condition del mondo manzar panae; zoe, idest videlicet, che si ben el Poeta è decrepito non però el se vuol sottometter a cosse frazile, e liquide, ma come patron de le cosse creae vuol al despeto de i so appetiti dominarle, cho dixel savio, sapiens dominabitur astris, a benche Amor el fazza parer a la similitudine de l'un baston in mezo le do spae, che certamente chi volesse dirlo al muodo del vulgazzo le una cossa sporchissima, ma el strucolao poeta, sotto simel ombra dixe al tandem trovarse come un membro in la vulva, che fa bel intrar, e tristo finir, e in effetto, non senza gran misterio l'ha metuo quella resolution del Son perche quando l'homo ha ben fatto, e bisigao, e zugao a le brazze col mondo el resta puo da un minchion, a da un pandol, perchel se muor, e tutto a un tempo la facultae se spartisse, si che sic transit gloria mundi brigae, mie care, e cusi le meio far murloni in vita i so parenti, cha parer puo lori in morte babioni, e spuzzar sora terra per no spese del funeral.


REGISTRO.
A B C D E F G.
Tutti sono quaderni, ecccetto G, ch'è Duerno.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sonetto_de_contrarietae,_con_el_comento&oldid=56147"