Pagina:Rime pescatorie.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


le puol comportar, e tanto trovandose el desdolao Poeta chon arme tenere a cusi gran assalto, però tutto da cao a i pie de momento; In accidens considerando una si magnifica prospettiva le vene slargandose, premeva tanto humido, che si ben dixe'l Poeta che i giera fuori; niente de manco, tutto in t'un attimo se conzelava, e questo per che usciva fuora in tra carne e pele, sustantia cordial, donde no n'è maravegia, se'l se haverave podesto arcogier a brancae, e a fassi; Seguita digando, che per depenientia de ste tante so tribulation, ghe veune tanti dolori, che'l no podeva requiar, taliter che l'haveva perduo el cibo, e che'l sia el vero, dixe'l Poeta, che la vita ghe recresse, trovandose abbandonao da Madonna, tutto bastonao da i supplitij Venerei indebelio, chiama la morte per ultimo reffrigerio, ni vuol piu viver in sti tormenti, e cusi pien de aversitae, dixe'l desnuao Poeta, che'l ghe saltete i tremazzi inversiandoghe l'interior, e metandoghe sottosora el resto di membri, talmente, che al contrario de le altre malattie, che no se puol tegnir l'orina, e lu no podeva per modo algun strenzer la cana posterior, che de angossa anche essa no se lamentasse, scrochando ventositae pianziota, e inrochia, deva gran spasemo al Poeta, che l'anima insieme, no se ne accorzando ghe scampasse, e stando in sta malinconia, dixe'l Poeta, che trovandose cargao, e circondao da tanti cattivi nemizi, ghe venne affanni per tutta la vita de si fatta sorte, che toccandose al liogo de la monition a malastente giera un segno de vergha, e i testicoli fiappij, tirai a revetene; steva tutti de mala voia; ma el Poeta per più honestae ghe da nome

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/92&oldid=56115"