Pagina:Rime pescatorie.djvu/88

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SONETTO IN DESPERATION,
CON EL COMENTO.


Palvi pieni de tosse, e de ragassi,
     Lagreme, che sbaxisse tutto'l pesce,
     Spuasse, che i canali sgionfa, e cresse.
     Suspiri, che resveia albori, e fassi.
Suori, che arcoierave i fassi,
     Dolori, che la vita me recresse,
     Tremassi, che me fa trar mille veffe,
     Affanni, che i piombini me tien bassi.
Cognosso da che vien ste missianze,
     E vedo che'l caligo m'ha tochao,
     Che son pi zalo, che n'è le naranze.
Che poss'io si me trovo desfrassao?
     E che d'instae me vegna le buganze,
     Causa, perche son vecchio inamorao.


In tel precedente Sonetto el Poeta con dolce lamentation fa una digression del prencipio del so amor, azonto cusi all'improviso in t'una etae debele, E puo anche in donna troppo alta, alla so condition. E per piu intelligentia, trovandose el Poeta al manizo de le valle, e di cogholi de ste lagune Hadriatiche, a caso passando co la so pescaressa da Palestina via, viste una Donzella bellitiss. fia del Governaor de le Pantiere da le Bebe, che giera vegnua a visitar una so parente. Donde, che stalando la barchetta, ofuscao da luser di so occhi, e volendoghe oferir qualche bel pesce, subito la ghe voltè le spalle scampando via, ni piu tutto quel zorno el Poeta la posse veder, delche tornao alla so peschiera, e vale tegnua sul confin de Loreo, investigando de la donna, vede per vera scientia, che la impresa ze troppo difficile, e

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/88&oldid=56110"