Pagina:Rime pescatorie.djvu/95

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


soffrisse, come agnello mansueto, no podando contradir a' la so mala ventura, che in fina per piu despetto la sorte gha mandao le buganze a tempi calidi, e per far che mo, azzo che si ben el fosse vario da tutte le altre circonstantie el no se possa caizar, e andar a saludar la so donna, ma stagando in barca, o in Vale sotto'l cason, vegna furiosamente asaltao da le squadre de martelli, con darghe tal colpo, che no n'è possibele a resister; hora ben, havendo fatto el sfortunao Poeta, sta so minuta, e sto calculo; e sta so revision amorosa, vuol dar fin al Sonetto con iusta, e sapiente sententia, e dise che'l ghe sta ben, e meritamente ogni disciplina, e ogni infermitae, attento, che da le cause vien i effetti; videlicet, che'l se xe andao a inamorar in t'una etae decrepita, descressua, dessavia, e con puoca virilitae, inanci trovarse tutto pelegate, che ogni minimo straccolo, che se patisse, el se deventa spalliere de sagrai, talmente, che volontario el piaxevole Poeta se sottomette a ogni censura, come quel che'l so stomego no ghe comporta ha volerse inamorar de ottanta anni, lagando andar de mal, barche, ree, canestri, fossine, grisiole, e impoverirse, per non attender a piar del pesce; e de san, e gaiardo, segondo la so etae, deventar pezo, che un paralitico, e anche esser mostrao a deo da le brigae, con far historie del so poco governo, e saver; pur no n'è tanto da incolpar el Poeta; perche con la bocca el confessa el so error de andarse a innamorar in vecchiezza, ruzzene, lagremoso, crevao, in cusi galante fia, e de mior grao cha lu; pur omnia rapuit Amor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/95&oldid=56122"