Quartine in dialetto veneziano del secolo XV

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Quartine in dialetto veneziano
1420
Edission e fonte ▼
[p. 3 modifica]
QUARTINE IN DIALETTO VENEZIANO.


     Inchoronato regno sopra i regni1
De luniverso dove al christianismo
In el santo batesmo
4Simel a te al mondo non se trova
     E chiaro mostri espirienzia e prova
Del tuo bon operar prinzipio e mezo
Innel prexente sezo2
8Più alta sei che ma fosti da prima.
     E quaxi al ziel rezenze la tua zima3
E meza christianitade tuo fronde chuopre
E ben se vede lopre
12Che ognor più brancha e piglia tuo radize.
     Tu sei nel mondo una viva fenize
Che se renovi e mai non muti forma
Simel la tua norma
16Me par tramutata in quel chio parlo.
     Qual Alesandro Sepione e Charlo
Che zia segnorizo chome se trova4
Tu ne vedi la prova
20Chome son ziti i lor sezi e maxone.5
     Chome ian fato del bon lione6
Transfigurato a Marcho evanzelista
De chui parla mia vista
24Sempre più brama dir che quel vero sona.
     Veniexia franca del mondo chorona
Dona del mare del pian e del monte
Hognun in la tua fronte
28Se spechi evedera lefeto.
     Beati cholor che a te vol star suzeto
Per che tu li tien seguri in nel suo porto
Poche sei conforto
32Dogni afanato che a te se ritorna.

     Tute virtude in te sola se adorna
De zentileza piena e de costumi
Ove se vede i lumi
36Dogni scienzia chi vuol esser ben chiari.
     Hognun da questa convien che impari
Come se oserva el suo bon rezimento
Tal: che zaschun e contento
40Asai se tien soto lei posto.
     Ma qui de seguitar son disposto
Quanto sia el suo poder el suo governo
E se il ver dizerno
44Costei e francha e le altre son suzete...
     Ormai la lengua mia più non vol che dorma
De ricontar de lei sua fama apieno
Se pur vien ameno
48El saper dir come mia volgia brama.
     Prima questa zita nobel chiama
Uno suo chapo per sua prima luze
El qual se chiama Duze
52Riman fin che la morte li da dipilgio.
     Apresso lui el suo santo consilgio
Secreto e presto al ben far non dorme
Tal chel suo rede ognore
56Piu a longa e larga e pilgia quel chel vole.
     Qui se presta e qui se dona e tuole
E tal che contra lei fa resistenzia
La da la penitenzia
60E molti tien per suo fradelli e filgi.
     Beati color che siegue i suo conselgi
Che lor e seguri non perir sì tosto
Pur che tutora disposto
64Sia de seguir quel che mie rime conta.

[p. 4 modifica]

     Nessun signor gia ma in superbia monta
Con el lion lo lida de zata7
Convien che lo la bata8
68Tal che mai più non seguita tal volgia.
     Or mai lassiamo de tal dir la folgia9
E ripilgiamo el fior che piu se gusta
E del bon fruto lusta10
72Hogni sentito tal che ognor più bramo.
     Io dico el vero io dico quel chio amo
Che Troya non fo mai sì posente
Ne Roma antichamente
76Quanto e Veniexia e dezo chiaro el mostro.11
     Tu signorizi in Tramontana e in Ostro
Garbin Grego Levante e Ponente
Siroco veramente
80Vento maistro senza lei non varga.12
     Pizola fosti e mo sei tanta larga13
A torno a torno el mondo se inchina
Tu sola sei Raina14
84Sopra ogni regno nel mondo creato.
     El gran lion un pe tien in sul prato15
Laltro nel inonte el terzo in piana terra
El quarto al mar saferra16
88Per modo che la fato un largo vargo.17
     Se io tazese asai sarebe in chargo
Ami: che de dexiri son copioxo
E più volontoroxo
92Adir quanto cuopre le sue ale.
     Ma schomenzando al verbo prinzipale
Apresso lei sie la terra el castello
Muram Chioza e Torzello
96E Malamocha con Buran de mare.
     Mazorbo e fuor de porto e voio andare18
Chaurole Grado Chaodistria trovo
E possa qui da pruovo19
100Ixola e Citanuova atorno zinti.20
     Io dico ancor de luogi piu de vinti
Che non li anomo e son revolti al naspo21
Mulgia Piran e Raspo
104Sotto questombra si va trastulando.
     Dalaltra banda io von seguitando
Parenzo Puola fina a Polmontore
La sua posanza chore
108Fina ale porte de la Schiavonia.
     E per seguir el terzo de la dreta via
Belgrado trovo Zara e Sebenicho
E per el ver chio dico
112Pago con Arbe che son zonti in schiera.22

     E schorsizando per quella Reviera
Castelli assa gene per la Dalmazia
Ancor della Chroazia
116Molti sono posti soto laura fiama.23
     E Lalbania ancor san Marco chiama
Scutari con Durazo e molte terre
Ma el balsa li fa guerre24
120E si non pensa ale fin come li vegnera fato.
     El lion dorme e contra lui sta guato
Ma sel se turba con el so fiero dente
Li dara dure stente
124Si che zia mai non lavera pensato.
     O ritornando pur sul primo stato
Da laltra banda i dico qui ancor piui
Segnor son de Corfui
128Che ixola asai richa e posente.
     Copia de zera truovi veramente25
De seda li se vende a gran devizia26
Pero con gran letizia
132Se puol ben trastular chi dentro anida
     I marchadanti qui suo nave guida
Fazando de comprar un gran frachaso
Poi dize adio te laso
136Fin al ritorno el qual non vede lora.
     Verso Veniexia poi volze la prova27
Stendando le sue vele al dolze vento
Hognum par che sia contento
140Ma io ritorno a dir el conveniente.
     Da poi chaminando verso Loriente
Fur del cholfo e questo chiaro se vede
Son lixole de crede28
144Primi Modon Coron qui se truova.
     O quanto bello e alta cosa nuova
Parerebe questo a chi vedese tuto
Non laveria creduto
148Piu non dico ne asai ben dizerno.
     Candia bella soto tal governo
Retemo Lachania con lei sa poza29
De zentileza aloza
152Qui se ritrova su Lixola magna.
     E schorsizando el monte e la campagna
Sono sezia e luogi infiniti
Copioxi de viti
156Formento vin e olgio asai se trova.
     Devizia non ne bixogna far prova
Quanto le richa de marchadancia
Ben sette zento mia30
160Atorno zonze el mar e si la zircunda.

[p. 5 modifica]

     Ancor più parlar mia volgia abonda
In questa nasse asai grana e gotoni31
E chaxi e vini boni32
164I piu perfeti che al mondo se trova.
     I marchadanti ben par che i piova
Dexideroxi con suo choche e nave
Per che iano ben le chiave
168De quel che io vecontai e sopra dissi.
     Da poi alzando con i ochi me fizi33
Per lalto mare vargando spiaze e monte
Io vedo Negroponte
172Con molti luogi ape della Turchia34
     Napoli ancor della Romania
Lor signoriza e son suzeti a loro
E per el dio chio adoro
176Asai gene chel mio seguir non stima.
     Ma se io potesse i dico con mia rima
Aponto aponto dechiarar el testo
Nonne soto el terresto35
180Al mondo più alta e magna Signoria.
     Or seguitando pur linstoria mia36
Io ve diro della zita de terra
Che anno prexo per guerra
184E tal sono soto posti per amore.
     Lassiamo star molte roche e tore
Che sono nella Marcha Trevixana
Padoa e Padoana
188Sono suzeti con Ville e Castelli
     Ma pur vedero parte de quelli
Miran Stian ancor Campo san piero
Noal per dir el vero
192De qua da Brenta elze Livenza bella.37
     Da laltra banda in pian e in ramella38
Pieve de sacho truovo e Castelcharo
E Bovolenta al paro
196Sopra un bel fiume che chiama Brenta
     E per far esser più mia volgia contenta
Al bel monte me von dove truovo
Arqua e Pendize aprovo
200Este me par qui senza so mura.
     Monzelexe nel monte su laltura
E Montagnana al pian che e molto grassa
E tutto in questa madassa39
204Del Padoan io trovo e piu dizerto.
     E per non tegnir el bel parlar coperto
Cologna vedo e tutta Vexentina
Vizenza che domina
208La magna signoria alta e posente

     Castel san piero vedo veramente
Apresso la zita apresso del monte
E per suo aque e fonte
212El Bachion se chiama el fiume sparso.
     De schriver qui non bexogna esser scharso
Come Verona e asai samassa e magna
El monte e la champagna
216Lei signoriza con suo signoria.
     El ladexe vi passa ognor per via
Qui vedi palazi qui vedi fontane
Con aque zuste e sane
220Che gusta a cui de so piazer se sazia.
     Qui vedi zente altiera pien de audazia
Posenti e richi de possesione
E senza piui tenzone
224Le quaxi la fior de tuta la Lombardia.
     Ancor la nostra a più signoria
El vola san Marco sopra le alte tore
Fina a Chaxal maore
228Ancor Brexelo con porto Legniago.
     I vedo in guarda sopra el dolze lago
Esser qui possa più duna forteza
Che sopra la sua alteza
232El Vanzelista aposto le sue piante.
     Asai gene castelli e tore tante
Chel non me achade nela mente adesso
Ma ritornando apresso
236Ne volgio dir de uno novo Paradixo.
     Veniexia e dona de Mestre e de Trevixo
De Castelfrancho e poi de Citadella.
Bassan apresso de quella
240Marostega, che iaze sopra il monte40
     Alzando i ochi mei sopra el monte
Axlo me par veder e Conegiano41
E possa a pe del piano
244Vedo el Montello e poi san Salvadore.
     Apresso dello dove la piave chore
Me par chio trova un Castelnuovo
E poi un di da pruovo
248La chiuxa e san Vetor con la so possa.
     Zonzendo a Feltre nui avemo riscosso
Delia gran forza del Re Dongaria
E in nostra ballia
252Remessa som la schala a Cividale.
     E con so onta e con so dano e male
Tutol Freul e fato nostri servi
Ben che zia i fosse protervi
256Iam convegnuti star della dal segno.

[p. 6 modifica]

     Pero de lor parlar quaxi me sdegno
Ma pur te contero parte del fato
Tu sai che sempre el mato
260Mai non paziza se non con suo dano42
     Sopra Livenza le nostre barche vanno
Per terra zente darme senza falo
E da pe e da chavalo
264Tal che non trepa ne non li da zuogo.43
     Qui se guasta e qui se pone fuogo
Bombarde e veretoni par che tempesta
E questa son la festa
268Che ivien fata e non se fa vezelia.
     Chiama san Piero e chi santa Zezilia
Chi san Christofal forte, e chi san Zuane
E chi chiama el vermochane44
272Diavol fradi poi chiala baron45
     Li non zuova domandare pardon
Se non se rendi som morti del tuto
Nissum non li va suto46
276Che non siano prexi che non pagi el schoto47
     A mi par veder quaxi de boto
Haver abuto el bon teren furlano
I dicho el monte el piano
280Sono za soto i nostri chonfaloni.
     Ma arquanto ve vogio dir di luogi boni
Portogruar Sazil e Saravale
In terra dele spale
284A Prata a fato dar per tal destino.
     Maran e Munfalchon quaxi al marino
Vedo esser qui soto Uderzo
Non za chodier ne terzo48
288Anzi di primi che se rexe a nui49
     Cividal de freul e pessier soi
Anchora volse mudar tal che romaxi
Per nostri veri ostaxi
292Chordegnan e Porzenigo cho piu castelli.
     Ceneda poi ne devento rebelli
Ora sono fati nostri servi in tuto
Nisum non li va suto
296Che non chonvegna far nostro volere.
     Ma el non chade al mio pichol sapere
Narrarve tutto pero fazo un salto
E de freul me parto
300Chamino e vado su per el ferarexe.
     Questa non e trufa anzi e vero palexe
Roigo Lendenara e Labadia
Soto nostra signoria
304Sono sotomessi per far suo miore50

     Loredo apresso el suo chon molte tore
Vedo ben chel dir qui non la priexia51
I ritorno a Veniexia
308Per che ho fato zia longo chamino.
     Sempre regrazio lalto dio devino
Ghe madato secondo el mio sperare
Or ve volgio narrare
312Chome li posta e chome li se vive.
     Non chredo che mai qualunque più schrive
Podese contar lultima parte
E che feze ma charte
316A pena poria far tanti quaderni.
     Veniexia bella con ati moderni
Edificata ne landriano mare52
O quanto ben sape fare
320I primi che penso tal maisterio
     Certo ben vene dal zelesto imperio
Miracoloxamente fo inspiradi
I nostri antixi passadi
324Quando in tal luogo feze lor maxone
     Dentro alberga dogni condicione
Zente Todescha Italize e Lombarda
E se el bel dir non tarda
328Franzexi e Borgognoni e molti Englexi.
     Ongari e Schiavi de molti paexi
Tartari e Mori Albanesi e Turchi
Che vien con nave e burchi
332A far suo vita e zamai non se parte.
     Molti maistri de diverse parte
Puiexi e Griegi ancor Ceziliani53
E molti Saraxini
336Fin dal Chaiero par che qui ne veda.
     E de Tuschana gran maistri de seda54
Luchexi me par quaxi tutti quanti
E grossi marchadanti
340Simel mi par veder star qui fiorentini.
     Con suo borsoni de molti fiorini
Suxo una piaza che dito rialto
Ognum se tien più alto
344Che melgio sa dar aqua al suo molino.
     Apresso anui quaxi ale confine
Vedo qui Milanexi e Bergamaschi
Piazentini e Monzaschi
348E Zenovexi con Piamontani.
     Qua si zonze spesso Chatellani55
Con suo nave charge de formento
E de diverse zente
352Puia e Chalavria ze manda la grassa.

[p. 7 modifica]

     Chi vuol danari qui convien che passa
Perche le fonte de molto trexoro
E tanto arzento e oro
356Se trova qui: che par che essa de vena.
     Da Rimano e da Fam e da Zexena56
E da Pezaro per tuta la riviera
Che de diversa maniera
360Perfeti vini zonze a gran devizia.
     Imola e Modena ancor con gran letizia
Furli che non li fazo tropo torto
Conduze al nostro porto
364Vini che ne fa star lieti come corpi humani.
     I vedo possa apresso Istriani
Con sue barchete piene de ribuole57
Puone tuor chi ne vuole58
368Per lor danari asai per zusto priexio
     Ancona e Rechanati non despriezio
Che son segnori de boni tribiani
I qual ne fa star sani
372Come oxeleti sopra le ramelle.
     De Chandia le malvasie novelle
El Tiro e poi da Modon la Romania
Ma sia pur chi se sia
376Che melgio dir potesse al mio parere.
     Da Napoli me par griegi vedere
Plusquam perfeti e cose da signori
Con suo perfeti odori
380Che ogni vil cuor sana e fa star lieto.
     Pero de tal parlar quaxi devento
De tal condizion notar in folgio
De grasso grano et oglio
384In questa zonze de diverse parte.
     I nostri marinari che sano ben larte
Vano nella Puglia anchor nella Zezilia
E li fano festa e vezilia
388Chargando le sue nave apiu non posso.
     Chorfu chel mar mazor gel buto adosso
E Schutari con tuta Lalbania
Che nostra Signoria
392Fano copioxi dogni mia raxone.
     Ancor de meglio per munizione
Chon asai mestura e più diverse
Qui par che se converse
396In tanta quantità vi zonze hognora.
     De grano e grassa e Murlachi anchora
E Ceziliani e ben se vede
Con lixola de crede
400Modon Coron Corfu ancor non resta.

     E se ben dizerno qui se vede festa
Vegnir Mantoani e Modenexi
Ancor Veronexi
404Con suo formai dolzi e molte frute59
     Chome son chastagne e chosse sute
Tal che resorze dogni ben devizia
Pero con gran letizia
408Possemo star nel mondo a dir el vero.
     Nonne già charestia de pome e pere
Anzi iven chargi i burchi a onda a onda
Si che quaxi sa fonda
412E in sul ponte son spazadi adesso.
     Ma dime quanto nui habiamo qui presso
Chugumeri zeriexe e po meloni
Infiniti e boni
416Angurie e zuche Bixi e Fava frescha.60
     Marasche e Uerle per seguir la trescha61
Zizole grosse tante che non mancha
Or mai la penna e stanca
420A dir quante ne vien Chorobe e Noxe.
     Le Fige fresche darbe ad alta voxe.62
Uva muschatella e persege da losso
Tal che piu dir non posso
424Tante Noxelle freche e Armelini
     Pere Giazuole e muschatelli fini
Nespole truovi quaxi a san Martino
Or mai de tal latino
428Non sogno de parlar ritorno al Pesse.
     Tanti ne vedo che de laqua esse
Che piano con suo redi i peschadori
Iem de diversi colori
432Zamai non crederia chi non el vedesse.
     Non so che gia contar vel potesse
Qui truovi Truti e grossi Sturioni
Molti perfeti e boni
436Passere Rombi Sfoi e Go da late.
     Asai gene pessi menudi da gatte
Non sogno de parlar de tal latini
Conterove i più fini
440Dentali grossi e bone Orade vechie.
     A nostra pescharia ognum se spechie
Qui vedi Meglie Corbi Caustelli
Litrigani più belli
444E Botoli per seguir la norma.
     Albori e Spari de molta alta forma
Barboni e Schombri Suri in gran frachasso
Non te muover dun passo
448Se truovi Tenche grosse e molte chiepe.

[p. 8 modifica]

     Gambari grossi Gambareli e Seppe
Anguille Fiumenale e poi Marine
Varvolli con molte Raine
452E Chape longe e Ostrege desboba.63
     Ancor tu non vedi solamente una boba64
Menole tante con molte anguxigolle
Piu che non son formigolle
456Tu truovi Luzi e molti pessolini.
     Qual sum di fiumi qual sum marini
Dc tante sorte chel nonne lengua humana
Che in una setemana
460Podesse za contar el suo nome aponto
     De questo fato più non vene conto
E si ritorno ormai a nostra becharia
Che de la Schiavonia
464Asai ne vien di suo Manzi e Moltoni.
     De Istria ne vien de molti Castroni
Agnelli grossi e puo Chavreti
Non za molti perfeti
468Ma pur i passa infra el ben el male.
     I vedo da Castelfrancho e da Noale
Dc Veronexe e puo de vexentina
Da Trcnto e Voltolina
472Vegnir la fior delle menude charne.
     Oxele asai che se chiama starne65
Neli paludi molte se ne trova
Se voi veder la pruova
476Vegnir Linverno e vedera leffete66.
     Galine Padoaue a parlar neto
De Ferarexe asai Polastre e Oche
E Pernixe son poche
480E men Faxani ma pur se ne trova.
     E questo e quello che ancor più zuova
Vegnir zoxo per po nuove a bondeta
Luganega infinita
484E onto de porco con altre fossare
     E niente de men pur se vende ben chare
Con tanto spazio che dio mixerere67
Non puol manzar ne bere
488Da la gran pressa del populo magno.
     La lengua mia de più parlar sparagno
De tal condizion chio dito tropo
Or mai voio far gropo
492E ritornar ala più bella tenzone.
     Contar ve volgio della condizione68
Del navegar che fano le gallie
Tuti la notte el die
496Per lalto mare nelixola de Fiandra.

     Or chanta un poco dolze mia chalandra
Costoro de grano chargi e de draperie
Vendendo per le vie
500Zo per le schale io dico al suo ritorno.
     I Galioti ognun de lor e adorni
Con suo devixe de piu man colori
De servi i par signori
504Quando i ritorna de cotal paexe.
     Altre gallie altro viazo prexe
In aque morte vano senza lagni
E con molti guadagni
508Poi ritorna ne le sue maxone
     Ancor de melgio per munizione
In Romania gie posto un altra muda
Che spesso convien che suda
512I bacharini avanti che sia a Latana69.
     E li se ne spaza asai drapi de lana
E reveste in Piere in Perle in zoie
Non so se par foie
516De persege e de more tal barati.
     E chi acontadi vende e chi abarati
Chi compra de molta zera e de molta setta
E in gallia silla conventa70
520Fin al ritorno el qual e con gran festa.
     La nave della rata poi limpresta
Charga de marchadantia che lor lassa
E in questa madassa
524Marona e teste par che lor conducha.
     Ancor per la Soria el nostro ducha
Con el suo savio conseio a proveduto
Che le gallie in tuto
528In Alesandria vada e a Baruto
     Queste do mude non vano ma sute
Che non sia charge de marchadantia
Zoe de spizaria71
532Chanella Pevere Fusti e Cardamoni.
     Noxe muschiade e Mastichi molti boni
Zenzero Beledi mechin e rosso
Chubebe e Spudio rosso
536Garofoli Inzenso e Melegete.
     Pevere longo e Aque Ruoxe schicte
Mira Turbiti Ambra e Schamonia
E ogni altra armonia
540Me par che renasca tra quelli Pagani.
     Con gran trionfo torna i nostri chapitani
Tal che in Veniexia el par chel se ritrova
Al campanon che sona
544Per lalegreza che fano quella zente.

[p. 9 modifica]

     E driedo questo vedo veramente
De molte choche andar per la Soria
Charge de marchadantia
548Pur de Gotoni filadi e Comolezi.
     Zuchari e pulvere de diversi prezii72
E da Palermo par che asai ne vegna
Sì che in Veniexia regna
552Dogni mal condizion vedo esser qui possa
     Verso Valenza vedo esser qui mossa73
Un altra sorta de nave fresche e sane
I va a chargar de lane
556Poi ritorna qui come far suole.
     Se me domandi ancor se vende e tuole
Ognano va e ritorna e porta
De tante merze sorta
560Dirotel presto se el bel dir non mancha
     Da ogni parte qui se vede la branca
De marchadantie Italize e Lombardischi
E poi molti Todischi
564Che nel fontego fano molti fati.
     Chi a contadi vende e chi abarati
Merze per merze vende e chi a danari
Ma ben convien che impari
568La loycha chi vuol uxar in tali luogi
     Li non se schriza li non se fa zuogi74
Anzi sempre se vede ligar bale
Ma stu me di che vale
572Un trexoro de moneda a dir el vero.
     In el Rialto ognum con suo tabaro
Chi compra con dinari e poi revende
E tal chredenza prende
576Per trapassar suo vita con honore.
     I cambi sono atorno a tute lore
Par con la moneda Doro e Darzento
Chi ben sa zir con tempo
580Chi piu nella sua chassa ne ritrova.
     Za non riguarda per tempesta o piova
Quanto piu richi piu zercha e chiama
Ognum dexira e brama
584De esser uno Alessandro de posanza
     La zoventu par che vegna de Franza
O de Chatelogna o de stranii paixi
Tanto sono devixi
 588lor vestidi de diversa foza.
     Su per le banche de rialto e in loza
I vedi star con sue veste de setta
Che molto ben sasetta
592Che par che sia nati nelo Imperio regno.

     Ognum de ben vestir se stima degno
El povero non cognossi di mazori
Tuti me par signori
596Stadi de terra o zitade o chastelli.
     Con ati adorni asai politi e belli
Le done vedi andare con tal maniera
E con la frescha ziera
600Che le par che le vegna dal paradixo
     Le vano liete con el polito vixo
Con richi formaieti in sula spalla
le veste che non challa
604Doro e de Seda e Rechami de Perle
     O dio quanto piazer e da vederle
A qualche festa tal hora piu de zento
Con tanto adornamento
608Che le par Raine de gran continate.75
     Le fodre de lor veste sbardelate
Martori vedo vari e armelini
Che val tanti Fiorini
612Che faria guerre a Troya se ancor fosse.
     La mente che a tal dir me introdusse
Me fa ancor ricordar di nostri antixi76
El ne recaduto i Bixi77
616E zanbaloti con scharlati fini.
     Ognum de lor me par de paladini
Che era soto limperio del bon Charlo
Non poria mai contarlo
620Quanto trionfo in questa terra regna.
     Pero de laudar piu de un altra e degna
Par che iustizia serve a ognune
In una opinione
624Star fermi e saldi e mai non se tramuta
     E quanto e vano cholui che la refuta
Non la voler per sua dona veraze
Che sempre mete paze
628Dove dischordia sente che sia.
     Ognum se inchina a la tua Signoria
Costantinopoli apresso el mar maore
El suo imperadore
632El alto magno Re de Trabexonda.
     El gran Soldan con la sua fede immunda
Honora molto i nostri marchadanti
Per che molti contanti
636Ze trova aver sotto chaxon de quelli.
     Prinzipi e Duzi de Tore e Chastelli
El Re de Puglia con quel de Cezilia
Ancor quel de Sibilia
640El Re de Ragona e digo in questo ballo.

[p. 10 modifica]

     El Re de Franza senza nisum fallo
El Re de Chrovazia con quel de Polana
E con la mente sana
644Ognum honora tutti Veniexia bella.
     El comun de Fiorenza renovella
E quel de Pixa e zenovesi ancora
Ben che fosse ben ora
648Che insieme feno guerre molto forte.
     Ma possa seguitando le nostra sorte
El signor de Lucha che nostro gran amigo
Asai più che non digo
652Obizo da Polenta e da Ravena.
     I Mala testa signor de Cexena
Da Rimano e da Fam el signor Pandolfo
Dentro el nostro cholfo
656Nonne nisum che non la tegna chara.

     Da Este el bon Marchexe da Ferrara
Qui convien chel mio dir la voia paga
El signor da Gonzaga
660Che Mantova possiede e reze quella
     Molti ne vedo che ancor mia loquella
Non sogno de parlar per tropo tedio
Si che el me par remedio
664Or mai el bel taxer de tal sermone.
     Veniexia francha porta el confalone
Dogni Cita che Regna in christianesmo
Simel de questa al mondo non se trova
668Pero de laudar de lei molto mi zuova
     Mille corendo a Vintido de mazo78
Cun anni Quatrozento e vinti a pruovo
Fo compito questo dito in dodexe hore
672Per quella che reserve ogni suo honore.




Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 18 crop).jpg


[p. 504 modifica]
CORREZIONI E GIUNTE


TRATTE DA UN CODICE DEL SECOLO XIV ALLE QUARTINE IN LODE DI VENEZIA.


Pag. 4. tra la nota 30, e 31. Muglia e Parenzo (invece di Parenzo Puola).
—— tra la nota 38 e 39. Vini formenti e grassa ivi si atrova (invece di vino e oglio assai.
Devizia (corr.) Di ciò.
Pag. 5 tra la nota 48 e 49. Samassa (correggi) famosa.
zuste (correggi) dolze
possa (correggi) posto
tore tante (correggi) terre tante
—— tra la nota 49 e 50. sopra el monte (correggi) verso la fronte.
—— tra la nota 50 e 51. Quero e Castelnovo
Pag. 6. alla nota 54. Diavolo fradi mo chiar baron.
—— tra la nota 69 e 60. Loredo appresso el suo (correggi) Io vedo appresso el Po.
—— tra la nota 62 e 63. Saraxini (correggi) Suriani.
Pag. 7 tra la nota 67 e 68. Invece del verso: De grano e grassa e Murlachi ancora si legga: Di caxo e grassa e vedo Puglia ancora
—— tra la nota 68 e 69. ponte (correggi) ponto.
—— tra la nota 71 e 72. e go da late (correggi) e goate
—— ivi Trovi luzi e tenche e moleche e chiepe.
Pag. 8 tra la nota 77 e 78. Costoro de grano (leggi) questi e de lana
—— ivi munizione (leggi) condizione
—— tra la nota 80 e l'81. Beledi Mechin (leggi) meledi e mechi.
Pag. 9. tra la nota 82 e l'83. Lombardischi (leggi) Franceschi e Todischi (leggi) Todeschi.
—— tra la nota 83 e l'84. vero (correggi) chiaro.
—— ivi el povero (leggi) el populo
—— alla nota 86. el ne recaduto i Bixi (leggi) che chiamiti e Bixi
Pag. 10. tra la nola 86 e l'87. El re de Franza ec. Nel Codice si legge invece.

               El re Inghilterra con lo re di Castilia
          Non e za meravilia
          El re di Navara e quel di Portogallo
               El re di Franza za niun fa più stalo
          E quel di Spagna ancora quel di Polana
          E con la mente sana....,

—— ivi dopo il verso: Dogni Cita che regna in Cristianesmo, vi si aggiunga l'altro: In el santo batesmo.
—— ivi alla nota 87. Si legge nel Codice così:

               Mille corando adi sedexe mazo
          Con ani quattrozento e ventisette aprovo
          Io Michaele atrovo
          Compito questo cantare novo.

Finis.



Note
  1. [p. 505]Parla di Venezia, ossia della repubblica veneta.
  2. [p. 505]Sezo, seggio.
  3. [p. 505]Resenze, raggiunge.
  4. [p. 505]Zia, gia.
  5. [p. 505]Ziti, giti; maxone, magione.
  6. [p. 505]Ian, essi hanno.
  7. [p. 505]Lo lida de zata, gli dà di zampa.
  8. [p. 505]Lo la bata, prende la fuga.
  9. [p. 505]La folgia, la foggia, il modo.
  10. [p. 505]Lusta, voce toscana, che nell'odierno dialetto veneziano equivale ad usma.
  11. [p. 505]Dezo, adesso, ora.
  12. [p. 505]Varga, varca, da varcare.
  13. [p. 505]Pizola, piccola.
  14. [p. 505]Raina, regina.
  15. [p. 505]Pe, piede. La descrizione del veneto leone è conforme alle pitture antiche che abbiamo di esso.
  16. [p. 505] Saferra, si afferra.
  17. [p. 505]Vargo, varco.
  18. [p. 505]Voio, voglio.
  19. [p. 505]Possa, poscia.
  20. [p. 505]Zinti, cinti.
  21. [p. 505]Anomo, nomino. Revolti al naspo, posti all'intorno; è detto allegoricamente.
  22. [p. 505] Pago con Arbe, due paesi delia Dalmazia.
  23. [p. 505]Laura fiama, orifiamma, famosa bandiera degli imperatori antichi.
  24. [p. 505]El balsa, si ritiene certo per Bascià.
  25. [p. 505]Zera, cera.
  26. [p. 505]Seda, seta. Da questo verso rilevasi, che in Corfù si raccoglieva a quell'epoca molta seta, o per lo meno se ne faceva grande commercio.
  27. [p. 505]Prova, prora.
  28. [p. 505]Lixole de crede, l'isola di Creta.
  29. [p. 505]Retemo Lachania, Retimo e Canea.
  30. [p. 505]Zento mia, cento miglia.
  31. [p. 505]Grana e gotoni, grana, insetti, che si adoperano per tingere in rosso. Gotoni, cotoni. Questo prova, che in Candia si coltivava a quell'epoca abbondantemente il cotone.
  32. [p. 505]Chaxi, forse cassia.
  33. [p. 505]Ochi me fizi, cioè, ho fissato gli occhi.
  34. [p. 505]Ape, a piede, appresso.
  35. [p. 505]Nonne soto el terresto, non è sotto il terrestre.
  36. [p. 505]L'autore coi seguenti versi ricorda i luoghi, che i veneziani hanno conquistato coll'armi, o che si son dedicati ad essi volontariamente. Descrive la battaglia data alle genti del re d'Ungheria, e l'altra per cui si ebbe tutto il Friuli. Le imprese venete in quella provincia durarono dal 1411 al 1413, come scrive il Sanuto nelle vite dei dogi.
  37. [p. 506]Elze, egli è.
  38. [p. 506]Ramella, ramicelli.
  39. [p. 506]Madassa, matassa.
  40. [p. 506]Iaze, giace.
  41. [p. 506]Axlo, Asolo.
  42. [p. 506]Paziza, errore dell'originate, si legga patiza cioè pateggia.
  43. [p. 506]Trepa, in vernacolo trepo, che significa unione, e talvolta inganno.
  44. [p. 506]Vermochane, vermocane, parola toscana.
  45. [p. 506]Fradi, fratello; chiala, guarda, da chialar, guardare; parole friulane.
  46. [p. 506]Nissum non li va suto, nessuno va esente.
  47. [p. 506]Pagi el schoto, pagar lo scoto, modo di dire toscano.
  48. [p. 506]Chodier, codiere, quello che va in coda, ultimo. Voce, che si potrebbe aggiugnere a l vocabolario della crusca del Cesari, ove trovasi solo codiatore.
  49. [p. 506]Rexe, rese, rendette.
  50. [p. 506]Miore, migliore.
  51. [p. 506]Priexia, fretta; in pressa nell'odierno dialetto veneziano.
  52. [p. 506]Landriano mare, il mare Adriatico.
  53. [p. 506]Puiexi, Griegi, Ceziliani, pugliesi, greci, siciliani.
  54. [p. 506]E de Tuschana. Questo verso conferma ciò che altri scrittori affermano, che i toscani portarono in Venezia l'arte di far drappi di seta; spezialmente i lucchesi qui la recarono. Vedi le Inscrizioni veneziane del Cicogna vol. I, ove parla della chiesa di S. M. dei Servi.
  55. [p. 506]Chatellani, catalani. Da questo verso rilevasi, come nel 1420 Venezia ritraeva il grano anche dalla Spagna, che ora da quì ne ritira.
  56. [p. 506]Rimano, Fam e Zexena, Rimini, Fano e Cesena.
  57. [p. 506]Ribuole, ribole, vino eccellente, così forse detto perchè bolle due volte.
  58. [p. 506]Puone, ne può.
  59. [p. 506]Formai, formaggio.
  60. [p. 506]Bixi, piselli.
  61. [p. 506]Verle, verle è nome volgare indicante una varieta di ciliege.
  62. [p. 506]Le fige fresche darbe, i fichi freschi d'Arbe in Dalmazia.
  63. [p. 506]Ostrege desboba, ostriche di Sdoba. La Sdoba è un ramo dell'Isonzo, che mette in mare poco lungi da Aquileja.
  64. [p. 506]Boba, boga, pesce di mare del genere degli spari.
  65. [p. 506]Oxele, uccelli.
  66. [p. 506]Leffete, l'effetto.
  67. [p. 506]Che Dio mixerere; modo di dire toscano.
  68. [p. 506]Parla l'autore delle galee veneziane mercantile, che si mandavano nelle Fiandre, a Barutti, ed in Alessandria.
  69. [p. 506]Bacharini, bagarini, voce che in vernacolo suona fanciulli, e così l'autore chiama i marinai.
  70. [p. 506]Si la conventa, così la conventa; così la raduna nella galera. Nel vocabolario del Cesari vi è conventare nel senso di ascrivere nell'adunanza de' dottori; e qui è posto in senso più esteso, che è quello di unire una cosa in un luogo.
  71. [p. 506]Zoe de spizaria, cioe spezieria. Quì l'autore fa la enumerazione delle diverse droghe, che si comperavano nel Levante.
  72. [p. 506]Questi due versi confermano che all'epoca del 1400 si coltivava, e fabbricavasi in Sicilia lo succhero; notizia anche da altri autori riportata.
  73. [p. 506]Verso Valenza. I tessitori veneti di drappi di lana andavano a provvedersi in Ispagna delle migliori lane, conosciute ora sotto il nome di merinos.
  74. [p. 506]Si schriza, si scherza.
  75. [p. 506]Raine de gran continate, regine nate di gran corti.
  76. [p. 506]Antixi, antichi.
  77. [p. 506]Bixi, quì una tal voce vuolsi intendere per bissi panni-lini nobilissimi.
  78. [p. 506]Nell'anno 1420 al 22 maggio alle ore 12 dice l'autore d'avere compiuto questo suo lavoro.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Quartine_in_dialetto_veneziano_del_secolo_XV&oldid=59553"