Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E driedo questo vedo veramente
De molte choche andar per la Soria
Charge de marchadantia
548Pur de Gotoni filadi e Comolezi.
     Zuchari e pulvere de diversi prezii81
E da Palermo par che asai ne vegna
Sì che in Veniexia regna
552Dogni mal condizion vedo esser qui possa
     Verso Valenza vedo esser qui mossa82
Un altra sorta de nave fresche e sane
I va a chargar de lane
556Poi ritorna qui come far suole.
     Se me domandi ancor se vende e tuole
Ognano va e ritorna e porta
De tante merze sorta
560Dirotel presto se el bel dir non mancha
     Da ogni parte qui se vede la branca
De marchadantie Italize e Lombardischi
E poi molti Todischi
564Che nel fontego fano molti fati.
     Chi a contadi vende e chi abarati
Merze per merze vende e chi a danari
Ma ben convien che impari
568La loycha chi vuol uxar in tali luogi
     Li non se schriza li non se fa zuogi83
Anzi sempre se vede ligar bale
Ma stu me di che vale
572Un trexoro de moneda a dir el vero.
     In el Rialto ognum con suo tabaro
Chi compra con dinari e poi revende
E tal chredenza prende
576Per trapassar suo vita con honore.
     I cambi sono atorno a tute lore
Par con la moneda Doro e Darzento
Chi ben sa zir con tempo
580Chi piu nella sua chassa ne ritrova.
     Za non riguarda per tempesta o piova
Quanto piu richi piu zercha e chiama
Ognum dexira e brama
584De esser uno Alessandro de posanza
     La zoventu par che vegna de Franza
O de Chatelogna o de stranii paixi
Tanto sono devixi
 588lor vestidi de diversa foza.
     Su per le banche de rialto e in loza
I vedi star con sue veste de setta
Che molto ben sasetta
592Che par che sia nati nelo Imperio regno.

     Ognum de ben vestir se stima degno
El povero non cognossi di mazori
Tuti me par signori
596Stadi de terra o zitade o chastelli.
     Con ati adorni asai politi e belli
Le done vedi andare con tal maniera
E con la frescha ziera
600Che le par che le vegna dal paradixo
     Le vano liete con el polito vixo
Con richi formaieti in sula spalla
le veste che non challa
604Doro e de Seda e Rechami de Perle
     O dio quanto piazer e da vederle
A qualche festa tal hora piu de zento
Con tanto adornamento
608Che le par Raine de gran continate.84
     Le fodre de lor veste sbardelate
Martori vedo vari e armelini
Che val tanti Fiorini
612Che faria guerre a Troya se ancor fosse.
     La mente che a tal dir me introdusse
Me fa ancor ricordar di nostri antixi85
El ne recaduto i Bixi86
616E zanbaloti con scharlati fini.
     Ognum de lor me par de paladini
Che era soto limperio del bon Charlo
Non poria mai contarlo
620Quanto trionfo in questa terra regna.
     Pero de laudar piu de un altra e degna
Par che iustizia serve a ognune
In una opinione
624Star fermi e saldi e mai non se tramuta
     E quanto e vano cholui che la refuta
Non la voler per sua dona veraze
Che sempre mete paze
628Dove dischordia sente che sia.
     Ognum se inchina a la tua Signoria
Costantinopoli apresso el mar maore
El suo imperadore
632El alto magno Re de Trabexonda.
     El gran Soldan con la sua fede immunda
Honora molto i nostri marchadanti
Per che molti contanti
636Ze trova aver sotto chaxon de quelli.
     Prinzipi e Duzi de Tore e Chastelli
El Re de Puglia con quel de Cezilia
Ancor quel de Sibilia
640El Re de Ragona e digo in questo ballo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/17&oldid=59230"