Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Nessun signor gia ma in superbia monta
Con el lion lo lida de zata16
Convien che lo la bata17
68Tal che mai più non seguita tal volgia.
     Or mai lassiamo de tal dir la folgia18
E ripilgiamo el fior che piu se gusta
E del bon fruto lusta19
72Hogni sentito tal che ognor più bramo.
     Io dico el vero io dico quel chio amo
Che Troya non fo mai sì posente
Ne Roma antichamente
76Quanto e Veniexia e dezo chiaro el mostro.20
     Tu signorizi in Tramontana e in Ostro
Garbin Grego Levante e Ponente
Siroco veramente
80Vento maistro senza lei non varga.21
     Pizola fosti e mo sei tanta larga22
A torno a torno el mondo se inchina
Tu sola sei Raina23
84Sopra ogni regno nel mondo creato.
     El gran lion un pe tien in sul prato24
Laltro nel inonte el terzo in piana terra
El quarto al mar saferra25
88Per modo che la fato un largo vargo.26
     Se io tazese asai sarebe in chargo
Ami: che de dexiri son copioxo
E più volontoroxo
92Adir quanto cuopre le sue ale.
     Ma schomenzando al verbo prinzipale
Apresso lei sie la terra el castello
Muram Chioza e Torzello
96E Malamocha con Buran de mare.
     Mazorbo e fuor de porto e voio andare27
Chaurole Grado Chaodistria trovo
E possa qui da pruovo28
100Ixola e Citanuova atorno zinti.29
     Io dico ancor de luogi piu de vinti
Che non li anomo e son revolti al naspo30
Mulgia Piran e Raspo
104Sotto questombra si va trastulando.
     Dalaltra banda io von seguitando
Parenzo Puola fina a Polmontore
La sua posanza chore
108Fina ale porte de la Schiavonia.
     E per seguir el terzo de la dreta via
Belgrado trovo Zara e Sebenicho
E per el ver chio dico
112Pago con Arbe che son zonti in schiera.31

     E schorsizando per quella Reviera
Castelli assa gene per la Dalmazia
Ancor della Chroazia
116Molti sono posti soto laura fiama.32
     E Lalbania ancor san Marco chiama
Scutari con Durazo e molte terre
Ma el balsa li fa guerre33
120E si non pensa ale fin come li vegnera fato.
     El lion dorme e contra lui sta guato
Ma sel se turba con el so fiero dente
Li dara dure stente
124Si che zia mai non lavera pensato.
     O ritornando pur sul primo stato
Da laltra banda i dico qui ancor piui
Segnor son de Corfui
128Che ixola asai richa e posente.
     Copia de zera truovi veramente34
De seda li se vende a gran devizia35
Pero con gran letizia
132Se puol ben trastular chi dentro anida
     I marchadanti qui suo nave guida
Fazando de comprar un gran frachaso
Poi dize adio te laso
136Fin al ritorno el qual non vede lora.
     Verso Veniexia poi volze la prova36
Stendando le sue vele al dolze vento
Hognum par che sia contento
140Ma io ritorno a dir el conveniente.
     Da poi chaminando verso Loriente
Fur del cholfo e questo chiaro se vede
Son lixole de crede37
144Primi Modon Coron qui se truova.
     O quanto bello e alta cosa nuova
Parerebe questo a chi vedese tuto
Non laveria creduto
148Piu non dico ne asai ben dizerno.
     Candia bella soto tal governo
Retemo Lachania con lei sa poza38
De zentileza aloza
152Qui se ritrova su Lixola magna.
     E schorsizando el monte e la campagna
Sono sezia e luogi infiniti
Copioxi de viti
156Formento vin e olgio asai se trova.
     Devizia non ne bixogna far prova
Quanto le richa de marchadancia
Ben sette zento mia39
160Atorno zonze el mar e si la zircunda.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/12&oldid=59225"