Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Chi vuol danari qui convien che passa
Perche le fonte de molto trexoro
E tanto arzento e oro
356Se trova qui: che par che essa de vena.
     Da Rimano e da Fam e da Zexena65
E da Pezaro per tuta la riviera
Che de diversa maniera
360Perfeti vini zonze a gran devizia.
     Imola e Modena ancor con gran letizia
Furli che non li fazo tropo torto
Conduze al nostro porto
364Vini che ne fa star lieti come corpi humani.
     I vedo possa apresso Istriani
Con sue barchete piene de ribuole66
Puone tuor chi ne vuole67
368Per lor danari asai per zusto priexio
     Ancona e Rechanati non despriezio
Che son segnori de boni tribiani
I qual ne fa star sani
372Come oxeleti sopra le ramelle.
     De Chandia le malvasie novelle
El Tiro e poi da Modon la Romania
Ma sia pur chi se sia
376Che melgio dir potesse al mio parere.
     Da Napoli me par griegi vedere
Plusquam perfeti e cose da signori
Con suo perfeti odori
380Che ogni vil cuor sana e fa star lieto.
     Pero de tal parlar quaxi devento
De tal condizion notar in folgio
De grasso grano et oglio
384In questa zonze de diverse parte.
     I nostri marinari che sano ben larte
Vano nella Puglia anchor nella Zezilia
E li fano festa e vezilia
388Chargando le sue nave apiu non posso.
     Chorfu chel mar mazor gel buto adosso
E Schutari con tuta Lalbania
Che nostra Signoria
392Fano copioxi dogni mia raxone.
     Ancor de meglio per munizione
Chon asai mestura e più diverse
Qui par che se converse
396In tanta quantità vi zonze hognora.
     De grano e grassa e Murlachi anchora
E Ceziliani e ben se vede
Con lixola de crede
400Modon Coron Corfu ancor non resta.

     E se ben dizerno qui se vede festa
Vegnir Mantoani e Modenexi
Ancor Veronexi
404Con suo formai dolzi e molte frute68
     Chome son chastagne e chosse sute
Tal che resorze dogni ben devizia
Pero con gran letizia
408Possemo star nel mondo a dir el vero.
     Nonne già charestia de pome e pere
Anzi iven chargi i burchi a onda a onda
Si che quaxi sa fonda
412E in sul ponte son spazadi adesso.
     Ma dime quanto nui habiamo qui presso
Chugumeri zeriexe e po meloni
Infiniti e boni
416Angurie e zuche Bixi e Fava frescha.69
     Marasche e Uerle per seguir la trescha70
Zizole grosse tante che non mancha
Or mai la penna e stanca
420A dir quante ne vien Chorobe e Noxe.
     Le Fige fresche darbe ad alta voxe.71
Uva muschatella e persege da losso
Tal che piu dir non posso
424Tante Noxelle freche e Armelini
     Pere Giazuole e muschatelli fini
Nespole truovi quaxi a san Martino
Or mai de tal latino
428Non sogno de parlar ritorno al Pesse.
     Tanti ne vedo che de laqua esse
Che piano con suo redi i peschadori
Iem de diversi colori
432Zamai non crederia chi non el vedesse.
     Non so che gia contar vel potesse
Qui truovi Truti e grossi Sturioni
Molti perfeti e boni
436Passere Rombi Sfoi e Go da late.
     Asai gene pessi menudi da gatte
Non sogno de parlar de tal latini
Conterove i più fini
440Dentali grossi e bone Orade vechie.
     A nostra pescharia ognum se spechie
Qui vedi Meglie Corbi Caustelli
Litrigani più belli
444E Botoli per seguir la norma.
     Albori e Spari de molta alta forma
Barboni e Schombri Suri in gran frachasso
Non te muover dun passo
448Se truovi Tenche grosse e molte chiepe.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/15&oldid=59228"