Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Gambari grossi Gambareli e Seppe
Anguille Fiumenale e poi Marine
Varvolli con molte Raine
452E Chape longe e Ostrege desboba.72
     Ancor tu non vedi solamente una boba73
Menole tante con molte anguxigolle
Piu che non son formigolle
456Tu truovi Luzi e molti pessolini.
     Qual sum di fiumi qual sum marini
Dc tante sorte chel nonne lengua humana
Che in una setemana
460Podesse za contar el suo nome aponto
     De questo fato più non vene conto
E si ritorno ormai a nostra becharia
Che de la Schiavonia
464Asai ne vien di suo Manzi e Moltoni.
     De Istria ne vien de molti Castroni
Agnelli grossi e puo Chavreti
Non za molti perfeti
468Ma pur i passa infra el ben el male.
     I vedo da Castelfrancho e da Noale
Dc Veronexe e puo de vexentina
Da Trcnto e Voltolina
472Vegnir la fior delle menude charne.
     Oxele asai che se chiama starne74
Neli paludi molte se ne trova
Se voi veder la pruova
476Vegnir Linverno e vedera leffete75.
     Galine Padoaue a parlar neto
De Ferarexe asai Polastre e Oche
E Pernixe son poche
480E men Faxani ma pur se ne trova.
     E questo e quello che ancor più zuova
Vegnir zoxo per po nuove a bondeta
Luganega infinita
484E onto de porco con altre fossare
     E niente de men pur se vende ben chare
Con tanto spazio che dio mixerere76
Non puol manzar ne bere
488Da la gran pressa del populo magno.
     La lengua mia de più parlar sparagno
De tal condizion chio dito tropo
Or mai voio far gropo
492E ritornar ala più bella tenzone.
     Contar ve volgio della condizione77
Del navegar che fano le gallie
Tuti la notte el die
496Per lalto mare nelixola de Fiandra.

     Or chanta un poco dolze mia chalandra
Costoro de grano chargi e de draperie
Vendendo per le vie
500Zo per le schale io dico al suo ritorno.
     I Galioti ognun de lor e adorni
Con suo devixe de piu man colori
De servi i par signori
504Quando i ritorna de cotal paexe.
     Altre gallie altro viazo prexe
In aque morte vano senza lagni
E con molti guadagni
508Poi ritorna ne le sue maxone
     Ancor de melgio per munizione
In Romania gie posto un altra muda
Che spesso convien che suda
512I bacharini avanti che sia a Latana78.
     E li se ne spaza asai drapi de lana
E reveste in Piere in Perle in zoie
Non so se par foie
516De persege e de more tal barati.
     E chi acontadi vende e chi abarati
Chi compra de molta zera e de molta setta
E in gallia silla conventa79
520Fin al ritorno el qual e con gran festa.
     La nave della rata poi limpresta
Charga de marchadantia che lor lassa
E in questa madassa
524Marona e teste par che lor conducha.
     Ancor per la Soria el nostro ducha
Con el suo savio conseio a proveduto
Che le gallie in tuto
528In Alesandria vada e a Baruto
     Queste do mude non vano ma sute
Che non sia charge de marchadantia
Zoe de spizaria80
532Chanella Pevere Fusti e Cardamoni.
     Noxe muschiade e Mastichi molti boni
Zenzero Beledi mechin e rosso
Chubebe e Spudio rosso
536Garofoli Inzenso e Melegete.
     Pevere longo e Aque Ruoxe schicte
Mira Turbiti Ambra e Schamonia
E ogni altra armonia
540Me par che renasca tra quelli Pagani.
     Con gran trionfo torna i nostri chapitani
Tal che in Veniexia el par chel se ritrova
Al campanon che sona
544Per lalegreza che fano quella zente.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/16&oldid=59229"