Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ancor più parlar mia volgia abonda
In questa nasse asai grana e gotoni40
E chaxi e vini boni41
164I piu perfeti che al mondo se trova.
     I marchadanti ben par che i piova
Dexideroxi con suo choche e nave
Per che iano ben le chiave
168De quel che io vecontai e sopra dissi.
     Da poi alzando con i ochi me fizi42
Per lalto mare vargando spiaze e monte
Io vedo Negroponte
172Con molti luogi ape della Turchia43
     Napoli ancor della Romania
Lor signoriza e son suzeti a loro
E per el dio chio adoro
176Asai gene chel mio seguir non stima.
     Ma se io potesse i dico con mia rima
Aponto aponto dechiarar el testo
Nonne soto el terresto44
180Al mondo più alta e magna Signoria.
     Or seguitando pur linstoria mia45
Io ve diro della zita de terra
Che anno prexo per guerra
184E tal sono soto posti per amore.
     Lassiamo star molte roche e tore
Che sono nella Marcha Trevixana
Padoa e Padoana
188Sono suzeti con Ville e Castelli
     Ma pur vedero parte de quelli
Miran Stian ancor Campo san piero
Noal per dir el vero
192De qua da Brenta elze Livenza bella.46
     Da laltra banda in pian e in ramella47
Pieve de sacho truovo e Castelcharo
E Bovolenta al paro
196Sopra un bel fiume che chiama Brenta
     E per far esser più mia volgia contenta
Al bel monte me von dove truovo
Arqua e Pendize aprovo
200Este me par qui senza so mura.
     Monzelexe nel monte su laltura
E Montagnana al pian che e molto grassa
E tutto in questa madassa48
204Del Padoan io trovo e piu dizerto.
     E per non tegnir el bel parlar coperto
Cologna vedo e tutta Vexentina
Vizenza che domina
208La magna signoria alta e posente

     Castel san piero vedo veramente
Apresso la zita apresso del monte
E per suo aque e fonte
212El Bachion se chiama el fiume sparso.
     De schriver qui non bexogna esser scharso
Come Verona e asai samassa e magna
El monte e la champagna
216Lei signoriza con suo signoria.
     El ladexe vi passa ognor per via
Qui vedi palazi qui vedi fontane
Con aque zuste e sane
220Che gusta a cui de so piazer se sazia.
     Qui vedi zente altiera pien de audazia
Posenti e richi de possesione
E senza piui tenzone
224Le quaxi la fior de tuta la Lombardia.
     Ancor la nostra a più signoria
El vola san Marco sopra le alte tore
Fina a Chaxal maore
228Ancor Brexelo con porto Legniago.
     I vedo in guarda sopra el dolze lago
Esser qui possa più duna forteza
Che sopra la sua alteza
232El Vanzelista aposto le sue piante.
     Asai gene castelli e tore tante
Chel non me achade nela mente adesso
Ma ritornando apresso
236Ne volgio dir de uno novo Paradixo.
     Veniexia e dona de Mestre e de Trevixo
De Castelfrancho e poi de Citadella.
Bassan apresso de quella
240Marostega, che iaze sopra il monte49
     Alzando i ochi mei sopra el monte
Axlo me par veder e Conegiano50
E possa a pe del piano
244Vedo el Montello e poi san Salvadore.
     Apresso dello dove la piave chore
Me par chio trova un Castelnuovo
E poi un di da pruovo
248La chiuxa e san Vetor con la so possa.
     Zonzendo a Feltre nui avemo riscosso
Delia gran forza del Re Dongaria
E in nostra ballia
252Remessa som la schala a Cividale.
     E con so onta e con so dano e male
Tutol Freul e fato nostri servi
Ben che zia i fosse protervi
256Iam convegnuti star della dal segno.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/13&oldid=59226"