Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     El Re de Franza senza nisum fallo
El Re de Chrovazia con quel de Polana
E con la mente sana
644Ognum honora tutti Veniexia bella.
     El comun de Fiorenza renovella
E quel de Pixa e zenovesi ancora
Ben che fosse ben ora
648Che insieme feno guerre molto forte.
     Ma possa seguitando le nostra sorte
El signor de Lucha che nostro gran amigo
Asai più che non digo
652Obizo da Polenta e da Ravena.
     I Mala testa signor de Cexena
Da Rimano e da Fam el signor Pandolfo
Dentro el nostro cholfo
656Nonne nisum che non la tegna chara.

     Da Este el bon Marchexe da Ferrara
Qui convien chel mio dir la voia paga
El signor da Gonzaga
660Che Mantova possiede e reze quella
     Molti ne vedo che ancor mia loquella
Non sogno de parlar per tropo tedio
Si che el me par remedio
664Or mai el bel taxer de tal sermone.
     Veniexia francha porta el confalone
Dogni Cita che Regna in christianesmo
Simel de questa al mondo non se trova
668Pero de laudar de lei molto mi zuova
     Mille corendo a Vintido de mazo87
Cun anni Quatrozento e vinti a pruovo
Fo compito questo dito in dodexe hore
672Per quella che reserve ogni suo honore.




Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 18 crop).jpg
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/18&oldid=59232"