Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Pero de lor parlar quaxi me sdegno
Ma pur te contero parte del fato
Tu sai che sempre el mato
260Mai non paziza se non con suo dano51
     Sopra Livenza le nostre barche vanno
Per terra zente darme senza falo
E da pe e da chavalo
264Tal che non trepa ne non li da zuogo.52
     Qui se guasta e qui se pone fuogo
Bombarde e veretoni par che tempesta
E questa son la festa
268Che ivien fata e non se fa vezelia.
     Chiama san Piero e chi santa Zezilia
Chi san Christofal forte, e chi san Zuane
E chi chiama el vermochane53
272Diavol fradi poi chiala baron54
     Li non zuova domandare pardon
Se non se rendi som morti del tuto
Nissum non li va suto55
276Che non siano prexi che non pagi el schoto56
     A mi par veder quaxi de boto
Haver abuto el bon teren furlano
I dicho el monte el piano
280Sono za soto i nostri chonfaloni.
     Ma arquanto ve vogio dir di luogi boni
Portogruar Sazil e Saravale
In terra dele spale
284A Prata a fato dar per tal destino.
     Maran e Munfalchon quaxi al marino
Vedo esser qui soto Uderzo
Non za chodier ne terzo57
288Anzi di primi che se rexe a nui58
     Cividal de freul e pessier soi
Anchora volse mudar tal che romaxi
Per nostri veri ostaxi
292Chordegnan e Porzenigo cho piu castelli.
     Ceneda poi ne devento rebelli
Ora sono fati nostri servi in tuto
Nisum non li va suto
296Che non chonvegna far nostro volere.
     Ma el non chade al mio pichol sapere
Narrarve tutto pero fazo un salto
E de freul me parto
300Chamino e vado su per el ferarexe.
     Questa non e trufa anzi e vero palexe
Roigo Lendenara e Labadia
Soto nostra signoria
304Sono sotomessi per far suo miore59

     Loredo apresso el suo chon molte tore
Vedo ben chel dir qui non la priexia60
I ritorno a Veniexia
308Per che ho fato zia longo chamino.
     Sempre regrazio lalto dio devino
Ghe madato secondo el mio sperare
Or ve volgio narrare
312Chome li posta e chome li se vive.
     Non chredo che mai qualunque più schrive
Podese contar lultima parte
E che feze ma charte
316A pena poria far tanti quaderni.
     Veniexia bella con ati moderni
Edificata ne landriano mare61
O quanto ben sape fare
320I primi che penso tal maisterio
     Certo ben vene dal zelesto imperio
Miracoloxamente fo inspiradi
I nostri antixi passadi
324Quando in tal luogo feze lor maxone
     Dentro alberga dogni condicione
Zente Todescha Italize e Lombarda
E se el bel dir non tarda
328Franzexi e Borgognoni e molti Englexi.
     Ongari e Schiavi de molti paexi
Tartari e Mori Albanesi e Turchi
Che vien con nave e burchi
332A far suo vita e zamai non se parte.
     Molti maistri de diverse parte
Puiexi e Griegi ancor Ceziliani62
E molti Saraxini
336Fin dal Chaiero par che qui ne veda.
     E de Tuschana gran maistri de seda63
Luchexi me par quaxi tutti quanti
E grossi marchadanti
340Simel mi par veder star qui fiorentini.
     Con suo borsoni de molti fiorini
Suxo una piaza che dito rialto
Ognum se tien più alto
344Che melgio sa dar aqua al suo molino.
     Apresso anui quaxi ale confine
Vedo qui Milanexi e Bergamaschi
Piazentini e Monzaschi
348E Zenovexi con Piamontani.
     Qua si zonze spesso Chatellani64
Con suo nave charge de formento
E de diverse zente
352Puia e Chalavria ze manda la grassa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/14&oldid=59227"