Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SECOLO DECIMOQUINTO.


QUARTINE IN DIALETTO VENEZIANO.


     Inchoronato regno sopra i regni10
De luniverso dove al christianismo
In el santo batesmo
4Simel a te al mondo non se trova
     E chiaro mostri espirienzia e prova
Del tuo bon operar prinzipio e mezo
Innel prexente sezo11
8Più alta sei che ma fosti da prima.
     E quaxi al ziel rezenze la tua zima12
E meza christianitade tuo fronde chuopre
E ben se vede lopre
12Che ognor più brancha e piglia tuo radize.
     Tu sei nel mondo una viva fenize
Che se renovi e mai non muti forma
Simel la tua norma
16Me par tramutata in quel chio parlo.
     Qual Alesandro Sepione e Charlo
Che zia segnorizo chome se trova13
Tu ne vedi la prova
20Chome son ziti i lor sezi e maxone.14
     Chome ian fato del bon lione15
Transfigurato a Marcho evanzelista
De chui parla mia vista
24Sempre più brama dir che quel vero sona.
     Veniexia franca del mondo chorona
Dona del mare del pian e del monte
Hognun in la tua fronte
28Se spechi evedera lefeto.
     Beati cholor che a te vol star suzeto
Per che tu li tien seguri in nel suo porto
Poche sei conforto
32Dogni afanato che a te se ritorna.

     Tute virtude in te sola se adorna
De zentileza piena e de costumi
Ove se vede i lumi
36Dogni scienzia chi vuol esser ben chiari.
     Hognun da questa convien che impari
Come se oserva el suo bon rezimento
Tal: che zaschun e contento
40Asai se tien soto lei posto.
     Ma qui de seguitar son disposto
Quanto sia el suo poder el suo governo
E se il ver dizerno
44Costei e francha e le altre son suzete...
     Ormai la lengua mia più non vol che dorma
De ricontar de lei sua fama apieno
Se pur vien ameno
48El saper dir come mia volgia brama.
     Prima questa zita nobel chiama
Uno suo chapo per sua prima luze
El qual se chiama Duze
52Riman fin che la morte li da dipilgio.
     Apresso lui el suo santo consilgio
Secreto e presto al ben far non dorme
Tal chel suo rede ognore
56Piu a longa e larga e pilgia quel chel vole.
     Qui se presta e qui se dona e tuole
E tal che contra lei fa resistenzia
La da la penitenzia
60E molti tien per suo fradelli e filgi.
     Beati color che siegue i suo conselgi
Che lor e seguri non perir sì tosto
Pur che tutora disposto
64Sia de seguir quel che mie rime conta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/11&oldid=70129"