Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/135

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E sti Siori col so Culo,
    Le Puttane colla Mona,
    Ai Specieri, e ai Chirurghi
    96I fà fare gran chiccona.

Qualchedun da sta stagion
    Tappa ben, e svegia i denti,
    A tagiar delle panocchie,
    100A sugar dei scolamenti;

E qualch'altro maledise;
    Quando i pensa i tratti affabili;
    Perchè adesso no ghè caso
    104D'andar gnanca a' incurabili.

Se podeva dar de pezo,
    L'Ospedal hà da falir?
    Un diseva l'altro zorno,
    108Perchè no possa guarir.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/135&oldid=64651"