Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/134

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Là no è rischio maritimo,
    Là no s'usa far credenza,
    Chi gà bezzi presto fotte,
    80Chi i ghe manca resta senza.

No le soffre, che un malano,
    Che ghe xe dei contrabbandi,
    Perchè osservo sulla Piazza
    84De caccao molti mercandi;

E, per dir la verità,
    Anca Elli fà dei bezzi,
    Perchè troppo no i ghe bada,
    88Se ghe và anca 'l Cul in pezzi.

A vardarli i par Narcisi,
    Tanti Adoni, poffardio,
    E pò i tocca, come i Fioli,
    92Fuora 'l fià và per Dadrìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/134&oldid=64650"