Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/140

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



La seconda dei Ruffiani,
    Gran colone de quest'arte;
    Anca i Sbirri gà carato,
    176Questa xe la terza parte.

Capirè, ch'anca costori
    Vuol andar ben gallonai
    Con Tabarri de scarlato
    180Coi so gran capei bordai.

Qualcheduno sarà in filo
    Con da Istà gran Abitazzi,
    Perchè adesso più del solito
    184Ghe xe in ziro mille Cazzi.

Qualchedun, ch'andasse in Sensa,
    E no avesse la so Tapa,
    Xe l'istesso andar a Roma,
    188Senza mai veder el Papa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/140&oldid=64657"