Pagina:Rime pescatorie.djvu/104

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ho cinque denti, e fuzo le panae,
Son proprio l'un baston fra le do spae.


El valoroso, e ben contesto Poeta afferma che l'è homo daspuo, ante desgatie, e fortune, contrarietae chel no stima niente, anci chel no n'ha si no cinque denti in bocca, e si no vuol per condition del mondo manzar panae; zoe, idest videlicet, che si ben el Poeta è decrepito non però el se vuol sottometter a cosse frazile, e liquide, ma come patron de le cosse creae vuol al despeto de i so appetiti dominarle, cho dixel savio, sapiens dominabitur astris, a benche Amor el fazza parer a la similitudine de l'un baston in mezo le do spae, che certamente chi volesse dirlo al muodo del vulgazzo le una cossa sporchissima, ma el strucolao poeta, sotto simel ombra dixe al tandem trovarse come un membro in la vulva, che fa bel intrar, e tristo finir, e in effetto, non senza gran misterio l'ha metuo quella resolution del Son perche quando l'homo ha ben fatto, e bisigao, e zugao a le brazze col mondo el resta puo da un minchion, a da un pandol, perchel se muor, e tutto a un tempo la facultae se spartisse, si che sic transit gloria mundi brigae, mie care, e cusi le meio far murloni in vita i so parenti, cha parer puo lori in morte babioni, e spuzzar sora terra per no spese del funeral.


REGISTRO.
A B C D E F G.
Tutti sono quaderni, ecccetto G, ch'è Duerno.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/104&oldid=56146"