Pagina:Rime pescatorie.djvu/99

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


come per sto verso se intenderà.


Tal me crede à piar, che no m'afferra.


El Poeta ben impastao, e pien d'antiveder, fa sto presente verso; con darghe do sensi, e dixe tal'un me crede intender, e si se radega, perche mi solo so zo che voio dir; l'altro la mia donna si crede a piarme a stracho, con farme bruto viso; tamen considerando sta so ingratitudine, e mi ston pi duro, cha un malmoro, una incolorao, e l'altra per parer pur che à qualche tempo sia homo.


Nuo in paltan, e in acqua no me bagno.


El teneriss. Poeta, mostra in ste parole, che l'è tanto ben complessionao, e forte de natura, chel nua in paltan, zoe slicega, cho fa le anguille, la veritae si è questa, che pensando cho fa tutti i inamorai suspettosi, che la donna fosse andà a star in berta a una peschiera d'una vale so vesina giera l'acqua bassa, e fango tenero, ghe vene vogia d'andar per desotto de le grisiole via, e tanto, e con le man, e cho i pie el se aidete chel passà, e no trovete niente, in sto mezo l'acqua crescete, e voiando pur veder el fin, dove che la giera per no esser cognossuo tolse un per de ree in spalla, e fense d'andar a butarle vestio pur con un per de vuose, idest stivaloni, che nol bagna va infina a i zenocchi, si chel Poeta parlando in parabola va drio al so desegno a digando.


Ston debele su i pie ni voio scagno,


Dixe'l fruao Poeta, che non ostante chel giera stracco mai el se volse repossar; perche chi ha martello, e grinta, vol al tutto veder el compimento del so desiderio, e tanto piu che tutte le persecution a un tem

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/99&oldid=56133"