Pagina:Rime pescatorie.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


po ghe vegniva adosso, pur scrimiamdose da relation del so vigoroso anemo, come per st'altro verso se vede chiaramente, oculata fide.


Son in preson, e i zaffi no me serra.


El studioso, e integerimo, e ben nudrigao Poeta, mostra che con arteficio el se governa, parlando securamente, che l'è in preson d'Amor, no de haver fatto giotonarie, e s'il mondo, n'il vulgo nol serra, e no ghe deveda chel no se contenta, e per antiphrasin parlando, che si ben madonna el tien un puocheto separao, fagando divortio continuamente, volontario el se fa so preson; e per questo el favela, che nissun no l'astrenze, perche l'è schiavo, e libero cho ghe piaxe a lu, si come creatura humana, benche in ti sussequenti versi, el para chel sia fuora de si; ma el Poeta beschizzando vuol che se veda miseria di homeni, garbelai da le desgratie.


Son vivo, tamen son in l'altro mondo.


A notitia de ste parole, è da saver, che quando le pensone xe sbatue da i travaggi mondani, se ben i maza, e che i dorme, e che i camina ghe par da esser fuora de si, come in t'un altro paise, per questo dixe'l Poeta, che si hen vivo, ghe par trovarse in tun'altro aiare; tamen ofuscao dal so infortunio, perzò el no perde'l sentimento.


Vedo senz'occhi, no n'ho lengua, e crio.


O quanti xe, che a siando orbi vede da lontan, per tanto el mauro Poeta, che a siando imbertonao el no ha occhi da veder el so defetto, che è bruta cossa à un homo, da ben, perderse drio un pezzo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/100&oldid=56135"