Pagina:Rime pescatorie.djvu/98

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


deva haver un reposso, talmente che si ben l'haveva fame, el ghe scampaba la voia, e si no la temeva; perche assae volte intravien, che un contrario cazza l'altro, va seguitando puo in sto verso, che non ostante sti primi travaggi, ghe nasse cossa mazor.


O calze bone, e si mostro un calcagno,


Dixe'l melifluo Poeta che forsi a qualch'un ghe parerhave da stranio, che l'havesse bone calze, e mostrar un calcagno spesse fiae, chi no varda le so cosse le va de mal el bon brighente havendose fatte un per de calze paonazze alla martingala, e voiando saltar in pescaressa se bagnette tutti do i pie, dove, che voiando sugar le calze, la notte un sorze assedao ghe roseghette tutto el scapin, in fna la cavecchia; Ita che per no andar descalzo scovene metersele a quel muodo, de qualitae desperao scrive, che l'ha ben calze niove; ma el mostra i calcagni per respetto de sta so desgratia, dove che con la mente zavariando, disse chel vola, chel corre, chel camina; al contrario del Petrarca che andava con el pensier chaveva le ale infina in cielo.


E volo col cervello sotto terra.


Se fa intender el fantastico Poeta, chel col cervello spento dalla rabbia, andava volando, pezo che no fa le foleghe in tei canei, per sotto terra, tra quelle altre sorte de zente, perche in tutto el no vuol el Poeta parer fuora de sentimento, che l'andasse dove sta i rospi, e le topinere; ma infra altre creature, per passarse, la stizza chel premeva da ste so fortune, pur con tutte ste adversitae el no se vuol perder de anemo, co.uc

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/98&oldid=56130"