Pagina:Rime pescatorie.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


de carne d'una femena, donde se scovien taxer ogni arlasso, e ogni inganno fattoghe, e soffrir per no hauer pezo; ma siando puo solo criar, lamentase, dolerse de la so puersa fortuna, come destinao, e sottoposto a i comandi celesti, chel sa volzer contra so muodo alla volontae guida di pensieri.


Son in forno agiazzao, pianzando rido.


A confermatio delle cosse antedite, e alegae; el zonze, anchora el poeta trovarse agiazzao, timoroso in tel forno d'amor, e no n'è dubbio, che i amanti tutti xe pieni de fiamma d'ardor, e de fuogo; ma veramente puo puo dagn'hora i xe fredi in saver dir le so rason, ni domandar aiuto a chi ghe porave dar soccorso in tun attino; per tanto sto verso el seguita la so intention.


Amo chi lioga el so, buto via'l mio.


L'ascorto Poeta, è tutto adornao de puritae, dixe che vol ben a chi se sa governar con prudentia, e no matescamente, como esso che s'ha butao alla zaffa, per esser un'homo qualificao, e morigerao, e honorao tra i altri so consaguinei, e stracargo de amaistramenti; ma chi no n'è sta acchiapai da sto vischio, e da i rampegogni Venerei; però el salvio Torcellan lassete in testamento ste parole; che mai nissun ze puovero, chi sa cavalcar la ventura, dove beao è colù, che se nassuo sotto Luna cresente, pur mai el no n'ha restao el grizzolo Poeta da mostrar a totus orbem sempre la so bontae, come per sto verso s'intende.


E credo à tutti, e de mi nn m'infido,


Dixel saoro Poeta, che

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/101&oldid=56137"