Pagina:Rime pescatorie.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


gnosce participar de diverse cosse.


Son frate, son dottor, e son soldao
Dormo, e camino, e canto adolorao.


La causa è questa che fa vagar con la memoria el troppo saver, perche'l Poeta da bon buelo dise che l'è frate, idest continente, e che l'è anche dottor, zoe chel sa zo che porta i andari, terreni, come bon sapiente, l'è può ancora soldao, intendendo, gaiardo, forte, a sustegnir ogni fadiga, e repararse quando besogna virilmente, e si ben el par forsi a la zente chel dorma, e lu col spirito camina, dove piu el desiderio l'offende, donde che tal volta per sfuogar, e passar qualche affanno, si ben l'è sbatuo, e strusciao, e lu canta per no incorer a deventar matto (cho dixe el Petrarca) chel cantava, e sonava, per scanzelar qualche onza del so dolor, pur drento di meati el giera timido a mo un lieuro la veritae se intenderà più diffusamente in sto mezzo versetto.


Son spauroso, armao.


El schitoloso Poeta dixe che l'è spauroso da tanti spontignoni che ghe sa presenta davanti, ancora chel sia armao de patientia ma no miga de armadure de ferro, perche mai in so vita el portete altro cha el so cortelo da taiarse'l pan, e revera le armadure de un savio si è la prudentia, la continentia, e la eloquentia, se no el vien tegnuo da un discolo, e che l'habbia puoca robba sotto la bareta, niente de manco sustentando le so rason arguisse, che con tutto chel sia vecchio l'è tanto ben complessionao da la natura, chel vuol esser gran impazzi che ghe vegna chel se voia atterrar, e dar bona capara del fatto so, in sto fin del Sonetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/103&oldid=56141"